Bernard Beguin e Jean-Jacques Lenne BMW M3 E30 Rally Tour de Corse 1987

Rally Tour de Corse 1987: Béguin e l’ultima vittoria BMW nel WRC

Guardando l’elenco iscritti, Lancia era partita come la grande favorita, nonostante il “boicottaggio” degli scandinavi Kankkunen e Alén alla prova (la maggior parte dei “finlandesi volanti” aveva evitato la Corsica dopo la morte di Toivonen). La Casa torinese aveva come protagonista Miki Biasion, Bruno Saby e il locale Yves Loubet, che aveva esordito con i colori della squadra, al volante della sua Delta HF 4WD preferita.

Il Tour de Corse 1987 fu un rally indimenticabile, segnato da un duello all’ultimo secondo tra le Lancia e la BMW dell’outsider francese Bernard Béguin, con esito favorevole a quest’ultimo. Béguin ha ottenuto la seconda e ultima vittoria per la casa di Monaco nel WRC. Il Tour de Corse 1987, primo sotto l’egida del Gruppo A, portava il pesante fardello delle tragedie degli anni precedenti, per la morte di Attilio Bettega, Henri Toivonen e Sergio Cresto.

Considerato un presagio e in onore dei piloti scomparsi, l’organizzazione della gara aveva rimosso il numero 4 dall’elenco iscritti, mentre il chilometraggio era stato drasticamente ridotto per rispettare le nuove regole frettolosamente attuate ad occhi chiusi l’anno precedente, nel tentativo di aumentare la sicurezza nel WRC.

Guardando l’elenco iscritti, Lancia era partita come la grande favorita, nonostante il “boicottaggio” degli scandinavi Kankkunen e Alén alla prova (la maggior parte dei “finlandesi volanti” aveva evitato la Corsica dopo la morte di Toivonen). La Casa torinese aveva come protagonista Miki Biasion, Bruno Saby e il locale Yves Loubet, che aveva esordito con i colori della squadra, al volante della sua Delta HF 4WD preferita.

La concorrenza, come per tutto il 1987, anche lì era scarsa e variava da gara a gara, a cominciare dalla Ford, che aveva iscritto due Sierra RS Cosworth ufficiali per Blomqvist e Grundel, supportando anche Didier Auriol (Ford Francia) e Carlos Sainz (Ford Spagna). Tra le due ruote motrici, VW portava una sola Golf GTi 16V per Kenneth Eriksson, e Renault tre 11 Turbo per Jean Ragnotti, François Chatriot e Alain Oreille. Infine, Opel continuava a testare la Kadett GSI 16V con Guy Fréquelin e, tra i principali corsari, due BMW M3 preparate da Prodrive per Bernard Béguin e Marc Duez, mentre Bernard Darniche si presentava al via con una spettacolare Mercedes-Benz 190E 2.3 16V, preparato da Danny Snobeck.

La gara partiva vivace e i danni non si facevano attendere. Béguin dimostrò di essere in buona forma sin dalla prima gara del Campionato Francese e, ben adattato alla M3, vinse la prima tappa, che eliminò subito la Mercedes di Darniche e le due Ford ufficiali: Grundel si perse e Blomqvist ha perso più di 20 minuti a causa di problemi di trasmissione. Poco dopo, tocca a Fréquelin ritirarsi con il motore rotto e, sulla PS5, accade l’imprevisto: una pioggia torrenziale, accompagnata da grandine, sorprende tutti e tutto in una tortuosa speciale di montagna. Non c’è tempo per i piloti di testa di effettuare un cambio gomme, quindi solo Lancia ed Eriksson non partono con le slick. Inutile dire che l’intero corso della speciale è stato un vero inferno, con esempi come Ragnotti che ha dovuto chiedere al navigatore di spingere la macchina in salita, non avendo trazione con le slick, e Béguin che ha perso molto tempo, lasciando Loubet davanti ad Auriol. Da segnalare che il vincitore della tappa è stato il locale Claude Balesi, al volante di una Gruppo N, partito per la speciale con la strada ancora asciutta.

Béguin, però, ha subito reagito nella prova successiva e ha iniziato ad attaccare con insistenza i suoi rivali, mostrandosi il pilota più veloce della gara, insieme a Saby, e alla fine della tappa era già abbastanza vicino a Loubet. Nel frattempo, il leader del Produzione, Patrick Bernardini, si era fermato, così come Ballet e Blomqvist. Alla fine della tappa Loubet era in testa con appena 12 secondi su Béguin, Biasion era terzo ma era già lontano, seguito da Auriol (con problemi al turbo) e Saby.

Il secondo giorno era soleggiato e ci si aspettava una gara molto combattuta tra Béguin e le Lancia. Il francese non ha tardato a sorprendere tutti e nella prima speciale di giornata ha riportato in testa la BMW, mentre Auriol ha perso ancora tempo.

Nonostante le pressioni di Loubet, Biasion e Saby (in ritardo all’inizio del rally), Béguin ha corso come un vero martello pneumatico e non ha ceduto alle Delta, ma il grande scalpore sono state le Renault, in particolare Ragnotti che, dopo una foratura nella prima tappa, ha vinto speciale dopo speciale per avvicinarsi ai primi e rientrare nella lotta per il podio.

Le successive vittime sarebbero state Saby, arresosi per problemi al differenziale, e poi Eriksson, che stava avviando il motore. Alla fine della giornata, Béguin era in testa con un grande vantaggio sulle Lancia, mentre Ragnotti e Chatriot erano rispettivamente quarto e quinto.

L’ultima giornata di non è stata molto movimentata. Le Lancia, era chiaro, non erano riuscite a raggiungere la BMW di Béguin. Loubet era nettamente superiore a Biasion, che sicuramente stava già pensando al Campionato e ai punti che avrebbe potuto accumulare per vincere Kankkunen – Cesare Fiorio aveva concordato con i suoi tre principali piloti che avrebbero gareggiato in altrettante gare, quindi ha dovuto capitalizzare sull’assenza di rivali – ecco perché sono state le Renault e, in particolare, Ragnotti, a brillare di più in quest’ultima tappa, oltre alla BMW di Marc Duez.

Così, alla fine, ha vinto Béguin, seguito da Loubet e Biasion, che era a soli due punti dal “KKK”, con Ragnotti che chiudeva molto vicino, seguito da Chatriot, Duez, Sainz e Auriol. Bernard Béguin è stato un vero outsider fin dall’inizio. Considerato uno dei migliori piloti francesi tra gli anni ’70 e ’90, il nativo di Grenoble esordì sui circuiti, con qualche successo, fino a passare ai rally a metà degli anni ’70, affermandosi subito come uno dei migliori piloti francesi e venendo incoronato per la prima volta con il titolo nazionale nel 1979, al volante di una spettacolare Porsche 911 SC.

Bernard accumulerà vittorie in Francia e nel Campionato Europeo, arrivando secondo in quest’ultimo nel 1980 dopo una lunga e appassionante lotta con Antonio Zanini, e nel 1987 ottiene il suo unico successo nel WRC. Sebbene avesse perso il titolo nel 1987 e nel 1988 con la BMW M3, Béguin sarebbe salito alla ribalta negli anni ’90, vincendo nel 1991, 1992 e 1993 prima di ritirarsi alla fine del 1996.

Pianeta Rally: libri, riviste moda, giochi, modellismo