Juha Kankkunen e Juha Piironen al Rally Sanremo 1986

Rally di Sanremo 1986: la voglia di vincere diventa un paradosso

Nel 1980, ai tempi in cui le auto da rally italiane cominciavano a essere sfidate con successo sul loro terreno nazionale, Caneschi aveva condotto indagini per mettere fuori gioco la Opel Ascona 400, che era stata la prima vettura non italiana di successo nel Campionato Italiano Rally, e riuscì a far escludere la Opel di Dario Cerrato dopo che aveva vinto all’Elba. Nel 1986, Lancia desiderava disperatamente vincere in casa a Sanremo, perché sarebbe stato un modo per rafforzare le aspirazioni di Markku Alén per titolo Piloti e perché erano passati cinque anni da quando un’auto italiana aveva vinto la gara di casa valida per il Campionato del Mondo.

Il Rally di Sanremo del 1986 è stata una delle pagine più buie della storia del Mondiale Rally. Quello che doveva essere un favoloso duello tra la Peugeot 205 Turbo 16 Evo 2 e la Lancia Delta S4, con una lotta per i titoli mondiali nel mezzo, diventò una monumentale “barracada”, un vero “casino” italiano…

Negli anni ’80 il fulcro del motorsport italiano non era tanto a Maranello, città natale della Ferrari, ma nella storica città di Arezzo, ed in particolare nell’importante Hotel Continentale, dove si accalcavano tutti i personaggi importanti dell’area rallystica. Questo, ovviamente, avveniva negli anni in cui la Lancia era l’elemento più importante del panorama del motorsport italiano e Mondiale. E si sa, gli anni ’80 furono anni di eccessi, tutti digeriti…

Ad esempio, nel 1986, era accettato che il capo dei commissari sportivi del Rally di Sanremo, il compianto Lanfranco Caneschi, potesse dire ai suoi amici aretini che doveva verificare determinate soluzioni della Peugeot. “Vado a Piancavallo (una prova del Campionato Europeo Rally, disputata sette settimane prima del Sanremo incriminato) per verificare l’aerodinamica della vettura”, disse approfittando dell’occasione per visionare in prima persona la 205 Turbo 16 di Andrea Zanussi, identica alle vetture ufficiali che avrebbero gareggiato a Sanremo. Dopo un sopralluogo di diverse ore a Piancavallo, dichiarò perfettamente regolamentare l’auto di Zanussi. E quando gli fu stato perché la stessa vettura che aveva dichiarato a norma dopo aver vinto a Piancavallo fosse ora non conforme ai regolamenti a Sanremo, Caneschi glissò.

Nel 1980, ai tempi in cui le auto da rally italiane cominciavano a essere sfidate con successo sul loro terreno nazionale, Caneschi aveva condotto indagini per mettere fuori gioco la Opel Ascona 400, che era stata la prima vettura non italiana di successo nel Campionato Italiano Rally, e riuscì a far escludere la Opel di Dario Cerrato dopo che aveva vinto all’Elba. Nel 1986, Lancia desiderava disperatamente vincere in casa a Sanremo, perché sarebbe stato un modo per rafforzare le aspirazioni di Markku Alén per titolo Piloti e perché erano passati cinque anni da quando un’auto italiana aveva vinto la gara di casa valida per il Campionato del Mondo.

Il metodo per assicurarsi una vittoria italiana a Sanremo era sostanzialmente che i commissari dicessero ai giudici che consideravano non a norma le Peugeot. In tal modo si sarebbe potuto disporre l’immediata esclusione delle auto francesi, senza diritto a proseguire nella gara. Gli steward spiegarono che le “minigonne” laterali delle Peugeot, attaccate al fondo carrozzeria servivano per migliorare le prestazioni. Le “gonne” sotto le auto erano state vietate dalla FISA (il predecessore della FIA) come misura di emergenza per ridurre le prestazioni delle auto dopo l’incidente mortale di Henri Toivonen in Corsica.

La sproporzione delle argomentazioni dei commissari era evidente. Non erano minigonne e comunque non erano al di sotto del resto della carrozzeria e in circostanze normali non potevano fornire alcun tipo di effetto suolo. L’altezza da terra, anche con pneumatici Racing a basso profilo e sospensioni ribassate, era di 8-10 cm. Il capo della Commissione Tecnica FISA, Gabriele Cadringher (assente a Sanremo per Formula 1), aveva personalmente confermato alla Peugeot che era tutto conforme, e gli organizzatori di tutti i rally da marzo ne avevano accettato la regolarità. Peugeot aveva progettato quel sistema come una forma di protezione contro gli urti laterali, poiché i serbatoi del carburante erano posizionati sotto i sedili, in una posizione vulnerabile. Non erano stati progettati per scopi aerodinamici.

Il grande perdente alla fine del rally è stato il pilota Peugeot, Juha Kankkunen, il cui vantaggio di 22 punti nel campionato del mondo è stato ridotto a 2. E l’unico rally in cui potersi giocare tutto sembrava essere il North American Olympus, l’ultimo round del Campionato del Mondo, poiché sia la Peugeot che la Lancia erano ora attese in quella gara. Peugeot aveva impugnato il verdetto di Sanremo, inizialmente più per ripristinarne l’integrità che per alterare i risultati della manifestazione. Ciò ha avviato una serie di azioni legali. Ci finì di mezzo anche la federazione italiana che, non a caso, confermò il verdetto di squalifica della Peugeot. Il presidente della giuria della manifestazione, Salvatore Aleffi, era italiano. Così, la rabbia della Peugeot, già notevole dopo che la FISA aveva messo al bando le vetture del Gruppo B, in contrasto con i patti di stabilità regolamentare, montò a dismisura.

Iniziò il procedimento per un ricorso che coinvolgeva la federazione francese (FFSA) per conto del titolare della licenza, Peugeot, presso la Corte d’Appello Internazionale FISA. La decisione arrivò una settimana dopo il RAC, il penultimo round del calendario WRC di quell’anno, affermando che Peugeot non aveva commesso alcuna frode. Quindi furono inviati i documenti al Comitato Esecutivo FISA per decidere definitivamente. Il 18 dicembre, 11 giorni dopo la conclusione dell’Olympus Rally (l’ultimo round del WRC), fu ratificata la decisione di annullare il Rally di Sanremo 1986, confermando così il titolo Costruttori al marchio Peugeot e premiando per il titolo Piloti Juha Kankkunen. La Peugeot era ancora sconvolta e fece anche causa alla FISA per violazione delle regole di stabilità normativa, ma perse.

Dalla puntata di Sanremo del 1986 emersero diversi fattori: è interessante ricordare che Sanremo del 1986 si svolse vent’anni dopo quel Rally dei Fiori in cui la Ford Lotus Cortina di Vic Elford fu squalificata per un errore di dettaglio sulla scheda di omologazione, regalando così la vittoria alla Lancia Fulvia HF di Leo Cella. E la disposizione italiana in merito a un possibile gioco scorretto di Peugeot era alquanto fuori luogo, poiché la stessa Lancia stava lavorando su un sistema simile, indossando anche le minigonne. Questa cosa fu confermata da Claudio Lombardi, che sarebbe diventato il futuro direttore di gara della Lancia.

L’automobilismo è sempre stato e continuerà ad essere segnato da chi, a volte, in modi più o meno fantasiosi, cerca di capovolgere le situazioni, quando il vento non è a suo favore. Prendiamo, ad esempio, la 24 Ore di Le Mans in cui i meccanici hanno fatto un buco nella carrozzeria per poterne martellare una parte e con quello… avviare la macchina. Sono stati penalizzati. Nel WRC, al Rally di Catalunya del 1995, la Toyota escogitò una furbata super complesso per dare alla sua Celica più coppia, ma fu comunque beccata. In ogni caso, questo sistema impressionò anche il presidente della FIA Max Mosley. Come è noto, le auto vengono controllate prima delle gare e vengono posizionati i sigilli, ma la Toyota aveva trovato il modo di far passare l’aria attraverso il limitatore, annullandone così l’effetto. E l’aria entrava… a volontà.

Anche dopo lo smantellamento, l’impianto era talmente ben fatto che il pezzo veniva rimesso a posto, impedendo a chiunque di accorgersi del trucchetto: “Era il sistema più sofisticato e geniale che io o i tecnici FIA avessimo mai visto – disse Max Mosley –. Ciò forniva “solo” il 25 percento in più di aria nel turbo, che ha aggiunto circa 50 CV al motore. Fondamentalmente, erano avidi e “fottuti”… Il sistema era talmente ben fatto che la parte modificata era stata rimessa a posto, impedendo a chiunque di accorgersi di qualcosa”.

Questo è solo un esempio. Carburante non regolamentare, per esempio. Al Rally 1000 Laghi del 1991, la Mitsubishi di Timo Salonen fu esclusa per uso di un carburante non ammesso. Ironia della sorte, il terzo posto sul podio è stato ereditato… dal suo compagno di squadra Kenneth Eriksson, la cui vettura non fu stata controllata. C’era sfiducia… Ma c’è chi (si sospetta) è andato oltre. Nel 1985 al Rally Costa d’Avorio, l’Audi sostituì l’auto di Michele Mouton. La pilota francese stava guidando con seri problemi al motore della sua Quattro e improvvisamente il suo meccanico Franz Braun fu visto con un’auto simile al seguito. Nel settore successivo, la Mouton non aveva più alcun problema e l’auto volava. La spiegazione ufficiale fu che c’era stato un guasto alla pompa dell’olio. Ma alla fine la Mouton si arrese. Disse che l’auto stava “cadendo a pezzi” e dicono male che i muletti fossero super rinforzati, come era solito nei rally africani… Quella non era un’auto da corsa.

Pianeta Rally: libri, riviste moda, giochi, modellismo