,

Audi Sport quattro S1 E2 del 1985 da 700 mila euro

audi sport quattro s1 e2 foto gidden rm sotheby's

Una delle sole 20 Audi Sport quattro S1 E2 mai costruite. Ha partecipato al Rally del Portogallo del 1986 col due volte campione WRC Walter Röhrl. Ha partecipato alla Race Of Champions (ROC) del 1989 e del 1990 e a molte altre gare con Björn Waldegård, Walter Röhrl, Ari Vatanen, Hannu Mikkola, Stig Blomqvist, Timo Salonen, Juha Kankkunen, Miki Biasion, Carlos Sainz e Michèle Mouton.

Il team di Ingolstadt è celebrato per aver introdotto, durante l’epopea del Gruppo B, la trazione integrale nell’arena dei rally, e il suo design innovativo ha portato a ben tre Campionati del Mondo Piloti e Costruttori nel 1984. Tuttavia, nonostante il suo vantaggio sulla concorrenza a trazione posteriore, l’auto presentava problemi di peso e di equilibrio. Per tenere testa ai rivali, tra cui lo sviluppo della Lancia S4 già in corso dal 1983, Audi lanciò nel 1984 la Sport quattro. Nonostante la sua impressionante potenza, l’auto a passo corto risultava difficile da manovrare e i piloti ne risentivano. Perfino il futuro campione del mondo del 1984, Stig Blomqvist, evitò di utilizzare la nuova vettura fino a quando non fu assicurato della sua competitività. Questo spinse lo sviluppo di quella che è considerata unanimemente una delle vetture da rally più incredibilmente potenti e straordinariamente veloci dell’epoca d’oro: l’Audi quattro S1 E2.

La nuova vettura adottava lo stesso motore in lega di alluminio a cinque cilindri da 2.110 cc, con testata in alluminio a 20 valvole, abbinata a un imponente turbocompressore KKK, capace di erogare una potenza straordinaria di 550 cavalli, una delle più elevate nel panorama delle auto da rally del Gruppo B. Grazie alla combinazione con la leggera carrozzeria in composito di carbonio-kevlar e alla trazione integrale, la quattro S1 E2 poteva raggiungere i 160 km/h in appena 8,9 secondi. Come ha descritto Walter Röhrl: “Il motore rilasciava costantemente potenza, scatenando il caos. Nessun’altra macchina era così”.

Oltre alla sua straordinaria potenza, il risultato più significativo dell’E2 è stata un miglioramento sostanziale nella distribuzione del peso e un regime di alleggerimento che ha portato il suo peso a circa 1.100 chilogrammi. Gli ingegneri hanno spostato molti dei componenti più pesanti, inclusi il radiatore, le ventole e persino l’alternatore, verso la parte posteriore dell’auto, mentre la carrozzeria aggressiva e gli ampi parafanghi anteriori e posteriori, che sono diventati il marchio distintivo dell’auto, sono stati sagomati attraverso test in galleria del vento e notevolmente ottimizzati per la deportanza totale. Complessivamente, solo 20 esemplari di questa leggendaria arma da rally sono stati prodotti negli stabilimenti Audi di Ingolstadt.

Audi Sport quattro telaio 018

Il telaio 018 è stato il diciottesimo dei venti Audi Sport quattro S1 E2 costruiti, e risulta registrato come “IN-NR-43” presso gli archivi Audi Sport, con una data di registrazione a Ingolstadt il 12 febbraio 1986. È interessante notare che è stato specificamente assemblato per partecipare al rally greco (dell’Acropoli). Come riportato nel libro definitivo sul Gruppo B di Reinhard Klein – The Owner’s Edition, l’IN-NR-43 fu iscritto al Rally del Portogallo del 1986, con alla guida il due volte campione del mondo rally (WRC) Walter Röhrl. L’emozione per l’evento era accompagnata da preoccupazioni per la tappa di Sintra, precedentemente disputata di notte ma ora svolta di giorno, con una folla enorme attesa lungo il percorso. Addirittura, Markku Alén, di solito riservato, ha lanciato un appello affinché la gente evitasse il pericolo. In precedenza, un Röhrl più pragmatico era stato interrogato sull’affollamento degli spettatori e aveva commentato: “Per noi sono solo cespugli, solo alberi; se consideriamo che siano persone, non possiamo guidare”.

Fin dall’inizio, Röhrl ha dimostrato la sua abilità, conducendo la prima tappa alla pari con Alén e la sua Lancia Delta S4, nonostante un momento di paura quando uno spettatore ha attraversato la strada proprio davanti alla quattro in carica. Nella seconda tappa, Röhrl ha perso terreno rispetto alle Lancia S4 e alle Peugeot T-16, e alla fine della terza tappa, significativamente più lunga, si trovava al quinto posto assoluto dietro alle tre Lancia ufficiali e alla Peugeot di Juha Kankkunen. Tuttavia, l’evento è stato interrotto a causa del tragico incidente di Joaquim Santos. In seguito, tutte le squadre ufficiali si sono ritirate dall’evento in segno di rispetto per le vite perdute. Audi ha deciso di ritirarsi dall’intero Campionato, con questo ritiro del telaio 018 che segnò l’ultima partecipazione competitiva del marchio nel Gruppo B. Successivamente, il veicolo è stato venduto in Svezia.

Rorl-Geistdorfer, Portogallo 1986
Rorl-Geistdorfer, Portogallo 1986

La resurrezione di una Fenice

L’epoca dei rally del Gruppo B ha spinto lo sviluppo delle vetture da corsa più entusiasmanti nella storia del motorsport, offrendo uno spettacolo senza pari. Tuttavia, questo entusiasmante periodo di competizione è stato troppo breve. In molti aspetti, la serie è stata come volare troppo vicino al sole: la corsa sfrenata verso le prestazioni estreme e il coinvolgimento dei fan si sono rivelati una combinazione pericolosa. Alcune vetture del Gruppo B, come la Sport quattro S1 E2 di Audi, che ha dominato la scena, si sono ritrovate senza un futuro quando la categoria è stata bandita nel 1986. Altre, come la promettente successiva della E2, la quattro RS 002, sono state abbandonate durante lo sviluppo e non hanno mai avuto la possibilità di gareggiare.

Con l’avvento del Gruppo A come categoria principale del WRC, le uniche alternative plausibili per le vetture del Gruppo B erano le gare in salita o il Campionato Europeo di Rallycross. Decine di vetture da rally del Gruppo B, tra cui il telaio 018, trovarono posto in questa formula intensamente competitiva, accolta calorosamente dal pubblico. In modo interessante, gli esuli del rally hanno continuato a evolversi oltre i limiti del Gruppo B, data la natura sprintistica di questa formula rispetto al tradizionale formato a resistenza del rally. Come molti dei suoi contemporanei, il telaio 018 è stato perfezionato e adattato per le gare di Rallycross, dove ha brevemente gareggiato sotto la guida di Anders Carlsson. Libero dai vincoli dell’omologazione per le competizioni rallystiche, la vettura è stata soggetta a numerose modifiche estetiche e meccaniche per adattarsi ai circuiti brevi e frenetici che caratterizzavano il campionato.

Il telaio 018 ha partecipato alla Race Of Champions del 1989 e del 1990, prima di essere acquisito dal co-fondatore dell’evento nel 1991. Originariamente concepita per mettere in mostra i migliori talenti del rally, la Race Of Champions si è poi ampliata per includere le stelle di tutte le discipline del motorsport. Da oltre 30 anni, le dimostrazioni ad alto tasso di adrenalina offerte dall’evento sono uno spettacolo amato da ogni vero appassionato di sport motoristici, mettendo a confronto alcuni dei migliori piloti del mondo provenienti da diverse discipline e nazionalità. Questa stessa Audi Sport quattro S1 E2 è diventata parte integrante di tale visione, giocando un ruolo di primo piano alla Race Of Champions del 1989, tenutasi al Nürburgring, e all’evento del 1990 a Barcellona. Durante queste due occasioni, il telaio 018 è stato guidato da Björn Waldegård, Walter Röhrl, Ari Vatanen, Hannu Mikkola, Stig Blomqvist, Timo Salonen, Juha Kankkunen, Miki Biasion e Carlos Sainz: in breve, tutti i campioni del mondo di rally dal 1979 al 1990. La vettura è stata accompagnata da un cofano anteriore firmato da tutti questi luminari, ad eccezione di Kankkunen, che aveva invece precedentemente firmato il lato dell’auto. Questa iconica quattro è senza dubbio diventata la vettura più riconoscibile e centrale nella Race Of Champions, partecipando a ben 13 eventi in tutto il mondo, da Bangkok e Pechino a Miami e Barbados. Attualmente di proprietà, la quattro è stata preparata e mantenuta dall’ex ingegnere dell’Audi Sport Karl Hasenbilcher.

Il telaio 018 si presenta in ottime condizioni meccaniche, essendo stato in gran parte conservato negli ultimi tre decenni con le stesse specifiche con cui Walter Röhrl, Stig Blomqvist, Hannu Mikkola, Ari Vatanen ecc. guidarono l’auto nella ROC del 1989 e del 1990, fatta eccezione per la livrea. modifica. Va notato che ci sono alcune deviazioni significative rispetto alle specifiche originali del Gruppo B, incluso un blocco motore sostitutivo (in ferro) che nel 2021 ha beneficiato di una ricostruzione completa per mano del leggendario ingegnere di Audi Sport Karl Hasenbilcher.

In tutto, solo 20 esemplari della leggendaria Sport quattro S1 E2 dell’Audi sono stati prodotti, ciascuno rappresentante un faro splendente e un’icona dei giorni dorati dell’ultima grande era dei rally. Tra le poche S1 E2 ancora disponibili, questa vettura è senza dubbio la più famosa tra le generazioni più recenti degli appassionati di rally e, a nostro parere, rappresenta una delle prospettive di restauro nel Gruppo B più emozionanti degli ultimi anni. Il suo prossimo proprietario avrà l’opportunità di preservare l’auto così come è stata conosciuta, magari per gareggiare nella Race of Champions, o di riportarla alla sua configurazione originale da rally del Gruppo B.