Hyundai i20 Rally1

Come cambia il Mondiale Rally dal 2022

Prima dell’inizio della stagione, la FIA ha annunciato che ci sarebbe stato un limite di dodici partecipanti alla Rally1 a causa del ridotto numero di nuovi propulsori ibridi disponibili per i Costruttori nell’ambito di misure di risparmio sui costi. Le seguenti squadre, piloti e copiloti dovrebbero partecipare al Campionato del Mondo 2022 secondo il regolamento Rally1.

Il WRC 2022 sarà la cinquantesima stagione del Mondiale Rally. Squadre ed equipaggi si contenderanno i Campionati del Mondo di Rally Piloti, Copiloti e Costruttori. Gli equipaggi sono liberi di gareggiare con vetture conformi ai regolamenti dei Gruppi da Rally1 a Rally5, tuttavia, solo le case Costruttrici che gareggiano con vetture Rally1 omologate in base a regolamenti nuovi possono ottenere punti nel campionato Costruttori.

Il campionato inizierà a gennaio 2022 con il Rally Monte-Carlo e si concluderà a novembre 2022 con il Rally Japan. La serie è supportata dalle categorie WRC2 e WRC3 in ogni prova del Campionato e dal JWRC in rally specifici. Sébastien Ogier e Julien Ingrassia sono i campioni piloti e copiloti in carica, avendo conquistato i loro ottavi titoli iridati al Rally di Monza 2021. Ingrassia non difenderà il suo titolo poiché si è ritirato dalle competizioni alla fine della stagione 2021. Toyota è campione in carica tra i Costruttori e nel WRC 2022 difenderà il titolo.

Prima dell’inizio della stagione, la FIA ha annunciato che ci sarebbe stato un limite di dodici partecipanti alla Rally1 a causa del ridotto numero di nuovi propulsori ibridi disponibili per i Costruttori nell’ambito di misure di risparmio sui costi. Le seguenti squadre, piloti e copiloti dovrebbero partecipare al Campionato del Mondo 2022 secondo il regolamento Rally1.

M-Sport è pronta per entrare nel campionato con una nuova vettura basata sul crossover Ford Puma, denominata Ford Puma Rally1, ma l’auto continuerà a utilizzare il motore della Ford Fiesta WRC. Petter Solberg, il campione del mondo piloti del 2003, ha annunciato il desiderio di entrare in una squadra che lotta per il titolo Costruttori del Campionato del Mondo Rally 2022 proprio poco dopo le dimissioni di Andrea Adamo da Hyundai Motorsport.

Le forze in campo nella Rally1

Craig Breen e Paul Nagle hanno firmato per un programma a tempo pieno di due anni con M-Sport Ford. Correranno per la squadra britannica con Adrien Fourmaux e Alexandre Coria. Anche Gus Greensmith rimarrà con la squadra e disputerà di nuovo un’intera stagione coadiuvato da Jonas Andersson.

Hyundai ha confermato Ott Tänak e Martin Järveoja e di Thierry Neuville e Martijn Wydaeghe come piloti a tempo pieno. Oliver Solberg è pronto per entrare nel team del Costruttore Hyundai per condividere la terza vettura con Dani Sordo. Sordo, però, aveva annunciato che si sarebbe ritirato dai rally dopo la stagione 2021, ponendo fine alla sua carriera di diciassette anni nel WRC. Andrea Adamo, intanto, ha lasciato il suo ruolo di team principal.

L’equipaggio composto da Elfyn Evans e Scott Martin e da Kalle Rovanperä e Jonne Halttunen hanno entrambi rinnovato i contratti con Toyota. Anche l’ otto volte campione del mondo Sébastien Ogier ha annunciato la sua intenzione di ritirarsi dallo sport, ma un passo per volta. Per ora va bene il part-time…

Ogier aveva precedentemente pianificato di ritirarsi alla fine del campionato 2020, ma i disagi provocati dalla pandemia di Covid-19 e il ridotto numero di eventi nel 2020 lo hanno spinto a ripensarci. Benjamin Veillas è il nuovo copilota di Ogier dopo il ritiro di Julien Ingrassia. Esapekka Lappi e Janne Ferm, che in precedenza hanno guidato per la Toyota tra il 2017 e il 2018, tornano nel team giapponese per condividere la terza vettura con Ogier e Veillas. Takamoto Katsuta gareggerà di nuovo per un’intera stagione con una quarta vettura, questa volta con la nuova Toyota Gazoo Racing WRT Next Generation, con Aaron Johnston che diventa il suo copilota a tempo pieno.

Le modifiche al calendario

La base del Rally di Monte Carlo si sposta a Gap, Hautes-Alpes a Monaco. Il Rally di Svezia dovrebbe tornare in campionato dopo un anno di assenza, spostando per la prima volta nella storia la sua sede. Si trasferirà da Torsby, Värmland verso nord, a Umeå, nella contea di Västerbotten.

Il Rally del Messico ha contratti per essere presente nel WRC 2022 e nel WRC 2023, ma ciò nonostante il rally non è stato incluso nel nuovo calendario. Il Rally del Cile si trova in una situazione simile a quella del Messico, quando il suo contratto con WRC Promoter scadrà nel 2022. Il Cile aveva già ospitato l’evento nel 2019.

Il Rally di Nuova Zelanda tornerà in Campionato per la prima volta dal 2012. Il paese si era anche assicurato un posto nel calendario nel 2020, ma poi la gara è stata annullata a causa del Covid-19.

Modifiche al regolamento del WRC 2022

Regolamento tecnico

Il WRC introduce un nuovo regolamento tecnico noto come Rally1 per sostituire le World Rally Car. I regolamenti Rally1 pongono una maggiore enfasi sulle parti standardizzate rispetto agli anni precedenti per rendere lo sport più accessibile. Il Rally1 introduce per la prima volta anche le trasmissioni ibride nello sport. Il tutto si traduce in un motore elettrico che produce 100 kW (134,1 CV) montato sull’attuale motore in linea di 4 cilindri turbo da 1,6 litri da 380 CV e deve essere utilizzato per alimentare l’auto quando si viaggia nei parchi assistenza e nei centri abitati sui tratti di trasferimento.

Nelle le fasi di frenata e di rilascio, come in tutte le auto a corrente elettrica, il sistema recupera l’energia e con questa ricarica la batteria. Se necessario, l’accumulatore può essere ricaricato dall’esterno (è a tutti gli effetti un plug-in Hybrid) durante il parco assistenza. Per ricaricare dal 20 all’80% serviranno circa 20 minuti. Questo almeno quello che dicono i Costruttori…

I piloti, inoltre, saranno liberi di utilizzare il motore elettrico per offrire potenza aggiuntiva (514 CV) anche quando corrono in prova speciale, con la FIA che stabilisce quanta potenza può essere utilizzata e per quanto tempo un pilota può utilizzarla. Il sistema ibrido e il software che ne regola l’uso saranno standardizzati per tre anni per contenere i costi, già lievitati alle stelle. Il sistema viene fornito da Compact Dynamics, una filiale di Formula E squadra Audi Sport ABT fornitore Schaeffler.

Il campionato introduce anche una struttura di sicurezza standardizzata nel tentativo di migliorare la sicurezza. Ciò coincide con la riscrittura dei requisiti di omologazione per consentire ai team di inserire un telaio in scala basato su auto di produzione piuttosto che dover adattare un telaio per adattarsi a un modello stradale.

Regolamento sportivo

I requisiti di idoneità per gli equipaggi che partecipano ai rally del WRC saranno semplificati e snelliti in un sistema chiamato FIA Rally Pyramid. Il livello più alto di questo sport è noto come Rally1. Il secondo livello, Rally2, è riservato ai team di Costruttori e a team indipendenti nel WRC2. Segue la Rally3 per gli equipaggi iscritti privatamente e gentlemen driver che gareggiano nel WRC3 . Le classi Rally4 e Rally5 non hanno un Campionato di riferimento, ma possono comunque partecipare ai rally WRC. Nella nuova era del WRC è previsto che, nelle prove speciali, vengano introdotte specifiche sezioni di collegamento in cui i concorrenti della classe Rally1 debbano guidare in modalità elettrica in aggiunta a quella standard per superare i 500 cavalli.

Come cambia il WRC 2

Grandi cambiamenti nel WRC2. La support series si rifà il look per l’ennesima volta da quando è stata creata nel 2013, ma anche stavolta in FIA le idee appaiono abbastanza confuse. Proviamo a spiegare al meglio come sarà strutturata la serie rivolta alle Rally2. Il Campionato si divide in tre con l’assegnazione dei trofei Master, Junior e Open. Insomma, si è riusciti a complicare ulteriormente le cose e a far peggio degli anni precedenti in cui le Rally2/R5 erano divise in due campionati, WRC2 Pro e WRC2 nel 2019 e WRC2-WRC3 nel 2020-2021.

Il campionato madre sarà il WRC2 Open, in questo campionato confluiranno tutti gli iscritti alla serie e, inevitabilmente, sarà il Campionato a cui tutti faranno riferimento in termini di classifiche e prestazioni. All’interno di questo troviamo i due sotto serie, create dalla FIA. Il primo: il WRC Master è dedicato agli over50, ovvero ai piloti prima del 1° gennaio 1972. Un’idea simpatica, creata per premiare i “vecchietti” che amano mettersi in gioco nelle gare iridate. Tutto bello quindi? Sì, se non fosse per l’ulteriore balzello di iscrizione alla serie di 3.000 euro, che si va ad aggiungere agli altri 3.000 di iscrizione al Campionato. Insomma, per un pugno di euro in FIA si è fatto l’ennesimo autogol. Tra i primi iscritti alla serie il nostro Mauro Miele, il francese Jean-Michel Raoux e l’irlandese Eamonn Boland.

Altro sotto campionato è il WRC2 Junior. Il campionato è dedicato agli under 30 (nati dopo il 1° gennaio1992), ad esclusione di quei piloti che abbiano già vinto un campionato WRC2 o WRC3 come, ad esempio, Rossel e Huttunen e di quei piloti che nella loro carriera sono stati nominati nel prendere punti nel WRC Costruttori da un Team ufficiale, come per esempio Teemu Suninen. Tra i primi iscritti troviamo il russo Nikolay Gryazin, il belga-lussemburghese Gregoire Munster e il ceco Erik Cais.

Il nuovo corso del WRC3

Capitolo a sé, merita il WRC3. Rivoluzione anche in questo Campionato che vedrà ammesse solo le vetture Rally3, in pratica sarà un monomarca M-Sport anche se tutti sperano che Toyota faccia la Yaris Rally3, prima o poi. Il WRC3 Open sarà aperto a tutti, senza limiti d’età e con tutte le gare calendarizzate. Tra i piloti che hanno annunciato la presenza alla serie, spicca il nostro Enrico Brazzoli con Manuel Fenoli con la Fiesta preparato dalla JME. Mentre, WRC3 Junior andrà a sostituire il Mondiale Junior WRC. In questo caso il calendario gare è blindato, con cinque gare obbligatorie. Il campionato prenderà il via in Svezia per proseguire in Croazia, Portogallo, Estonia e Spagna ed è riservato agli under 29.