Nel WRC non ci sono più piloti carismatici: ecco perché

Nel WRC non ci sono più piloti carismatici: ecco perché

‘I rally mancano davvero di piloti carismatici. Tuttavia, se si guarda questo aspetto dal punto di vista di una squadra, ed M-Sport è un buon esempio, bisogna dire che non potremmo più permetterci un giovane come Colin McRae nei nostri ranghi’. A dirlo è Malcolm Wilson e, le sue, sono parole che servono a riflettere su dove stia andando il Mondiale Rally.

Il Mondiale Rally, o WRC che dir si voglia, sta lottando ad armi impari contro l’assenza di visibilità. Ma per avere visibilità è necessario avere piloti carismatici e non semplicemente simpatici e social. Un dato di fatto ci conferma che attualmente nel WRC non ci sono piloti carismatici. Un altro dato di fatto, però, ci dice che oggi non ci sarebbe spazio per un pilota come Colin McRae o come Markku Alen. Sono cambiati i tempi, vero, e quindi ci si contra con nuove problematiche.

Il fatto che siano cambiati i tempi e che non ci sarebbe più spazio nell’attuale WRC per piloti carismatici, come McRae, lo dimostra la recente elezione di Carlos Sainz in un sondaggio effettuato sul sito ufficiale del WRC. Con soli due titoli mondiali, Sainz ha battuto gli stessi campioni Sebastien Loeb e Sebastien Ogier, e senza dubbio il carisma ha contato molto. Questa tesi viene confermata anche da Malcolm Wilson, che riconosce come gli attuali piloti del Mondiale Rally manchino di carisma. Però, aggiunge che non ci sono più neppure i budget per la “costruzione” di piloti carismatici.

“I rally mancano davvero di piloti carismatici. Tuttavia, se si guarda questo aspetto dal punto di vista di una squadra, ed M-Sport è un buon esempio, bisogna dire che non potremmo più permetterci un giovane come Colin McRae nei nostri ranghi”, ha detto Wilson. “Quando rappresentavamo un Costruttore era possibile, perché i costi non contavano molto. Oggi lavoriamo tutti con budget definiti. In questo contesto, gli incidenti sono molto costosi. Si veda ciò che è accaduto a Kris Meeke con Citroen. Arrivi ad un punto in cui non puoi più sostenere il pilota e dici basta”. Parole che servono a riflettere su dove stia andando il Mondiale Rally.