Sei nel posto giusto per la ricerca che ha effettuato. Non perderti nessuna recensione sui più interessanti DVD e sui video gratuiti di rally selezionati dalla nostra redazione. Entra subito e scopri tutte le novità di Storie di Rally.

Emanuele Sanfront racconta i suoi anni alle note di ”Bobo” (VIDEO)

Emanuele Sanfront vive a Milano. Si è innamorato dei rally all’inizio degli anni Settanta. Giornalista, capo redattore della rivista Quattroruote, ha corso per dodici anni come co-pilota a bordo di numerose vetture. Vincitore del Campionato Italiano Rally del 1975 insieme a Bobo Cambiaghi su Fiat 124 Abarth, ha seguito tra la fine del 1975 e l’inizio del 1976, sempre con Cambiaghi, l’evoluzione tecnica della nuova arma Fiat da rally, la 131 Abarth

Una esclusiva intervista con Emanuele Sanfront, straordinario copilota e autorevole giornalista, oltre che scrittore di successo, che è stato campione italiano rally nel 1975 in coppia con Roberto “Bobo” Cambiaghi sulla Fiat 124 Spider ufficiale, macchina di debutto per la Squadra Corse Ufficiale Fiat. Sanfront ha corso con auto mitiche come la Fulvia HF, la 124 Spider, la 131 Abarth ufficiale e la Lancia Stratos.

Nell’intervista con i ragazzi di Mercurio Squadra Navigatori Rally Emanuele Sanfront racconta il suo periodo di attività nella squadra ufficiale negli anni Settanta, i dettagli e le atmosfere nei corridoi di Corso Marche, la mitica sede del Reparto Corse torinese, il giornalismo come altra grande passione, e tanto tanto altro.

Sanfront vive a Milano. Si è innamorato dei rally all’inizio degli anni Settanta. Giornalista, capo redattore della rivista Quattroruote, ha corso per dodici anni come co-pilota a bordo di numerose vetture. Vincitore del Campionato Italiano Rally del 1975 insieme a Bobo Cambiaghi su Fiat 124 Abarth, ha seguito tra la fine del 1975 e l’inizio del 1976, sempre con Cambiaghi, l’evoluzione tecnica della nuova arma Fiat da rally, la 131 Abarth, auto con cui ha corso per alcuni anni.

Poi, nel 1983, dopo aver partecipato da privato a numerosi rally, Emanuele attacca il casco al chiodo dedicandosi esclusivamente al giornalismo, attività che, nonostante l’impegno di co-pilota nei rally, non ha mai abbandonato. Quanto all’excursus professionale di Emanuele Sanfront, da ricordare la stesura dei libri “Rally”, firmato insieme a Maurizio Verini, “Reparto Corse Lancia”, scritto con Gianni Tonti, “Rally ’70. Una storia, tante storie” e infine “Rallies”, un volume di immagini emozionanti ed esclusive scaturito dalla collaborazione con il fotografo Manrico Martella.

”I rally? Vent’anni di vita”, parola di Geppi Cerri (VIDEO)

Geppi Cerri Gambarelli senza segreti. Una lunga video intervista in cui il copilota del Coguaro di Conegliano d’Alba si racconta tra gioie e dolori, soddisfazioni e sconfitte, facendo scoprire tratti inediti della sua storia.

Sei titoli italiani e due titoli europei: tante vittorie e non sono solo fortuna. In questa intervista esclusiva rilasciata alla Mercurio Squadra Navigatori Rally, Geppi Cerri Gambarelli si racconta e ci racconta la sua vita e la sua carriera, dall’adolescenza insieme a Dario Cerrato fino ai giorni nostri, passando per gli anni in Opel e i grandi successi in Lancia. Tanti racconti e inediti che un vero appassionato di rally non perdere.

Geppi Cerri è stato anche navigatore di Giorgio Faletti nella sua partecipazione più importante nel mondo delle corse il Rally di Sanremo iridato del 1992, al volante di una delle quattro Lancia Delta HF Martini Racing della squadra ufficiale (quell’anno gestita direttamente dal Jolly Club).

Due dita tranciate nel radiatore della 205 T16 (VIDEO)

Come si può vedere da questo video, che per scelta abbiamo separato dall’articolo, nel radiatore della macchina di KKK, la 205 T16, ci sono due dita umane, cotte a mo’ di wurstel. In pratica, Juha Kankkunen si ferma per un’assistenza breve con la 205, in cui è presente anche Jean Todt e, aprendo il vano motore, vengono rinvenute due dita.

Cosa ci fanno due dita umane nel radiatore della 205 T16 di KKK? Andiamo con ordine. Il 5 marzo 1986 è il primo e ultimo giorno di gara dei piloti ufficiali al tragico Rally del Portogallo, gara in cui Joaquim Santos finisce per travolgere decine di persone con la sua Ford RS200 Gruppo B, ferendone circa trenta e uccidendone tre. Il pubblico portoghese al rally di casa è sempre numerosissimo e forse eccessivamente appassionato, a volte al punto di rappresentare un problema per la sicurezza della gara e per la propria incolumità.

Come si può vedere da questo video, che per scelta abbiamo separato dall’articolo, nel radiatore della macchina di KKK, la 205 T16, ci sono due dita umane, cotte a mo’ di wurstel. In pratica, Juha Kankkunen si ferma per un’assistenza breve con la 205, in cui è presente anche Jean Todt e, aprendo il vano motore, vengono rinvenute due dita. Centinaia di migliaia di persone si spingevano fra loro accalcati per vedere passare i loro idoli, per respirare quel profumo inconfondibile di benzina bruciata e per ascoltare a pochi centimetri il suono dei motori del Gruppo B.