Renée Brinkerhoff

Una donna, una Porsche 356 e un rally amatoriale da record

Per affrontare il continente ghiacciato, Brinkerhoff si è affidata a un team di esperti per riprogettare la Porsche 356 A per quelle condizioni – la costruzione finale è stata soprannominata la “Polar Porsche” – un processo che ha richiesto più di un anno e mezzo e ha comportato l’equipaggiamento dell’auto con la neve tracce dove sarebbero state le ruote posteriori, due sci per le ruote anteriori e una barra del crepaccio che sporgeva dalla parte anteriore.

Ci voleva una donna per completare l’impresa più ardua. Il primo giorno, il filtro dell’aria si è bloccato. Poi uno dei bulloni che collegano gli sci all’auto si è staccato di netto. Poi ancora, i carburatori dovevano essere scongelati con la fiamma ossidrica. Questi sono i problemi che incontri quando provi a guidare un’auto sportiva degli anni ’50 per centinaia di miglia chilometri attraverso l’Antartide.

La pilota Renée Brinkerhoff e il suo team Valkyrie Racing hanno completato uno straziante viaggio di 356 miglia attraverso il ghiaccio blu dell’Union Glacier a bordo di una Porsche 356 A del 1956, conquistando l’obiettivo di correre in tutti e sette i continenti del mondo in uno. auto.

“Questo segna il completamento delle corse in tutti e 7 i continenti, un viaggio iniziato nel 2017”, ha commentato il team Valkyrie Racing. “Ogni singolo miglio per cui abbiamo combattuto contro condizioni estreme, ma sapevamo che ne valeva la pena sensibilizzare la nostra causa”.

L’impresa, chiamata Project 356 World Rally Tour, è iniziata nell’ottobre del 2017 quando Brinkerhoff si è presentata al via della Carrera Panamericana in Messico. Nel 2018, ha affrontato la Targa Tasmania in Australia, poi è andata ai Caminos del Inca in Perù, al rally intercontinentale da Pechino a Parigi di 9.000 miglia e all’East African Safari Rally, che il team definisce “l’evento fuoristrada più difficile sul pianeta”. Ma nulla poteva prepararli a guidare quell’auto nell’entroterra dell’Antartide.

Per affrontare il continente ghiacciato, Brinkerhoff si è affidata a un team di esperti per riprogettare la Porsche 356 A per quelle condizioni – la costruzione finale è stata soprannominata la “Polar Porsche” – un processo che ha richiesto più di un anno e mezzo e ha comportato l’equipaggiamento dell’auto con la neve tracce dove sarebbero state le ruote posteriori, due sci per le ruote anteriori e una barra del crepaccio che sporgeva dalla parte anteriore.

Nonostante i lunghi tempi di consegna, il terreno ostile, le temperature gelide e i venti che hanno superavano i 150 chilometri orari e che hanno causato gravi problemi, la Brinkerhoff, 65 anni, e il suo equipaggio si sono messi in viaggio attraverso l’Antartide. Secondo il team, il bullone che si è staccato dal mozzo dello sci è stato una delle più brutte sorprese, perché è successo mentre l’auto correva su ghiaccio e neve. Per fortuna c’era un pezzo di ricambio dietro sia per lo sci sinistro sia per quello destro, ma durante il viaggio ne hanno usati tre dei quattro bulloni extra perché il problema si ripresentava.

Anche dopo aver completato le 356 miglia il 10 dicembre 2021, i problemi non si sono fermati. Una tempesta con venti estremi ha bloccato il team Valkyrie Racing nel continente per giorni dopo il completamento della loro corsa al record. Per fortuna, poi il team è stato in grado di prendere un volo per il Cile.

La causa per cui Brinkerhoff ha corso, in realtà, è legata ad una raccolta fondi contro il traffico di bambini, che ha portato nelle casse oltre 550.000 euro, con il 100% delle donazioni destinate a “ONG controllate che lavorano in prima linea in tutto il mondo per le vittime della tratta di bambini, nelle aree della Mongolia , Perù, Colombia, Brasile, Thailandia, India, Kenya e altri Paesi. Grazie ai molti che hanno contribuito e stanno continuando a sostenerci, siamo a metà strada verso il nostro obiettivo finale”, ha affermato Brinkerhoff, sottolineando che punta a raccogliere 1 milione di euro.

Pianeta Rally: libri, riviste moda, giochi, modellismo