La Ferrari 308 GTB di Federico Ormezzano al Rallye Elba 1984 (foto Claudio Ulivelli/archivio Francesco Calafuri)

Tornano le Ferrari sull’Isola d’Elba per il rally storico

Ferrari Goes to Elba è un evento nell’evento in grado di dare valore aggiunto alla gara stessa ed è la naturale continuità del raduno con le Porsche organizzato la scorsa primavera in concomitanza del rally moderno. Ma soprattutto riporta le Ferrari sull’Isola d’Elba.

Non sarà solo sport e sfide tra piloti, il 31° Rally Elba Storico-Trofeo Locman Italy, proposto da Aci Livorno Sport dal 19 al 21 settembre, ma avrà di nuovo quel tocco di classe e di glamour che solo le Ferrari possono dare. L’ottavo e penultimo appuntamento del Campionato Europeo Rally Storici e settimo del Campionato Italiano Rally Storici, tornerà ad ospitare Ferrari Goes to Elba.

Ferrari Goes to Elba è un evento nell’evento in grado di dare valore aggiunto alla comunicazione della gara stessa e del territorio, naturale continuità del raduno con le Porsche organizzato la scorsa primavera in concomitanza del rally moderno. Ma soprattutto riporta le Ferrari sull’Isola d’Elba.

L’iniziativa prevede l’esclusivo raduno delle vetture del Cavallino i cui possessori potranno passare un fine settimana all’insegna dei motori e della passione transitando, al seguito del rally, lungo sulle stesse strade che poco prima sono state le prove speciali, per diventare certamente protagonisti di una kermesse unica, ammirando scorci panoramici di rara bellezza. Un’esperienza tutta da vivere e da raccontare.

Quartier generale dell’evento sarà l’Hotel Airone di Portoferraio, l’arrivo dei partecipanti sarà venerdì 20 settembre ed il ritorno domenica 22, dopo aver passato giorni certamente pieni di emozione, nei quali oltre ad apprezzare i momenti di sport avranno potuto gustare prodotti tipici locali con pranzi e cene in locali caratteristici e potranno anche visitare la sede Locman a Marina di Campo, l’eccellenza italiana nel campo dell’orologeria di pregio.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *