Articoli

La Zerotrentasette negli scatti di Sergio Biancolli

Sergio Biancolli ha sfruttato il suo enorme archivio fotografico di tanti anni di gare. Milioni di immagini passate a setaccio, ogni immagine una storia, una gara, un’avventura, per un totale di oltre 250 immagini selezionate e pubblicate in La Zerotrentasette secondo me, un libro da collezione.

Era nell’aria che all’uscita della nuova opera di Sergio Biancolli, La Zerotrentasette secondo me, mancava davvero poco. Se l’uomo di Photo Zoom non risponde al telefono e neppure a Messenger, vuol dire che sta correggendo le bozze: ed ecco “La Zerotrentasette secondo me” fresco di stampa. Un nuovo libro si aggiunge all’universo florido di pubblicazioni dedicate alla storia della Lancia Rally 037, ma il libro del fotoreporter torinese si distingue per autenticità.

Sergio Biancolli ha sfruttato il suo enorme archivio fotografico di tanti anni di gare. Milioni di immagini passate a setaccio, ogni immagine una storia, una gara, un’avventura, per un totale di oltre 250 immagini. Corso Marche, l’Officina Abarth. Ricordi e aneddoti. Un paradiso in cui perdersi. Come già avvenuto per il libro dedicato alla Porsche 911, anche in questo caso la ricchezza di questo volume è che rappresenta l’album di quasi tutti quei piloti che hanno corso con la Lancia Rally 037.

“Questo mio nuovo libro credo sia assolutamente in tema con i rally, sì, ma visti anche da un punto di vista simpatico e divertente come le nostre chiacchierate qui. C’è proprio tutta la mia passione, c’è un racconto delle giornate trascorse da bambino davanti ai cancelli dell’Abarth in Corso Marche, ci sono i racconti e gli aneddoti relativi alle gare viste e fotografate all’epoca, insomma 279 pagine e 260 foto che raccontano una macchina fantastica, la 037, dal punto di vista di noi appassionati”, spiega l’autore.

“Niente di tecnico, tantomeno di serioso, anzi c’è anche da ridere soprattutto per i racconti che mi hanno gentilmente inviato alcuni di coloro che ci hanno corso, o che ci hanno lavorato come meccanici Abarth. Non sono uno scrittore famoso, e nemmeno il più bravo fotografo del mondo, altri anche ultimamente hanno fatto libri ben più professionali di sicuro, ma ho scritto una storia che credo ci accomuni tutti a livello di emozioni, pure emozioni come solo noi che abbiamo vissuto quel periodo possiamo comprendere”.

Il libro può essere richiesto direttamente all’autore, scrivendo all’indirizzo mail: biancollizoomfoto@hotmail.com

Libri su Storie di Rally

la scheda

LA ZEROTRENTASETTE SECONDO ME

Autori: Sergio Biancolli

Copertina: morbida

Pagine: 279 pagine (260 immagini a colori e in bianco e nero)

Formato: 21 x 29,7 cm

Editore: Autopubblicazione

Prezzo: 38 euro

Peso: 1,8 chili

Guarda il video

Il Noveundici secondo me: la Porsche più amata dai piloti

Le immagini da scattate dal Biancolli ragazzo si riferiscono ad un microcosmo formato da ‘rally minori’ che si svolgevano in zone facilmente raggiungibili…

Di libri a tema sul mondo delle auto da corsa in genere ne esistono già una marea. E sulle Porsche in particolare. Perché quindi realizzarne un altro? Questo si è chiesto il fotoreporter Sergio Biancolli quando ha deciso di scrivere un libro sulla Porsche 911: Il Noveundici secondo me.

“Il dubbio, non lo nascondo, mi era venuto quando nella mia mente stava prendendo forma l’idea…”, spiega l’autore. Poi, nel ragionare su quanto visto fin’ora si è reso conto che erano tutti relativi all’ambiente delle grandi gare, delle squadre e dei piloti ufficiali, dei campionati cosiddetti maggiori e così via. Insomma, nulla di popolare.

Non a caso, anche il suo archivio fotografico gli indicava la direzione prestabilita, perché aveva poco o nulla a che vedere le grandi corse e i team ufficiali. Le immagini da lui scattate da ragazzo si riferiscono a quel microcosmo formato dalle manifestazioni minori che si svolgevano in una zona da lui facilmente raggiungibile con la macchina dell’amico, se non addirittura, in certi casi, col treno o i pullman di linea.

Idem per quanto riguarda i piloti, vari gentleman drivers che di week-end in week-end prendevano parte alla Coppa Italia Rally (ex Trofeo Rally Nazionali) o in veste di comprimari ad alcuni appuntamenti del Campionato Italiano Rally. Campionato Italiano Rally che nulla aveva da spartire con gli ultimi.

Ecco quindi nascere questa raccolta composta da poco meno di trecento foto assolutamente inedite delle 911, in quanto facenti tutte parte dell’archivio personale di Biancolli giovane fotografo (dice lui) per hobby, relative al periodo 1977-1987 e corredate dai suoi ricordi scaturiti nel rivederle, oltre che da tutto ciò che raccoglieva quando si recava sui campi di gara.

Dentro c’è un tesoro: rari opuscoli, elenchi partenti, adesivi, eccetera da lui ancora gelosamente custoditi e riesumati per l’occasione, estraendoli dalla polvere del ripostiglio nel quale giacevano da decenni in attesa di essere utilizzati, spero, nel migliore de modi… Un piacevole ed emozionante tuffo nel passato per l’autore, ma anche per chi si prende la curiosità e il piacere di sfogliarlo.

Libri su Storie di Rally

la scheda

IL NOVEUNDICI SECONDO ME

Autore: Sergio Biancolli

Copertina: morbida

Immagini: 277 a colori e in bianco e nero

Pagine: 243

Formato: 21 x 29,7 centimetri

Editore: Autopubblicato

Prezzo: 38 euro

Guarda il video

Kadett, Ascona e Manta: le Opel da rally secondo Biancolli

Come dice lo stesso autore del libro Kadett, Ascona e Manta – I rally per tutti è ”inutile negarlo: una buona fetta della storia dei rally è stata scritta a bordo di questi tre modelli Opel”.

Che si trattasse delle squadre e dei piloti ufficiali, piuttosto che delle migliaia di privati che con esse vi hanno corso, per quasi venti anni queste spettacolari vetture a trazione posteriore hanno spopolato in tutte le gare dell’intero globo terrestre. Ecco, dunque, Kadett, Ascona e Manta secondo Biancolli.

Proprio le loro caratteristiche di spettacolarità hanno da sempre affascinato gran parte degli appassionati di rally, per cui ad ogni gara alle quali in tanti si recavano per vedere le vetture tedesche derapare e poi schizzare via, Sergio Biancolli era lì. Scattava una quantità enorme di foto e questo ha fatto sì che il suo archivio personale arrivasse a contare ben più di trecentocinquanta immagini.

Eccole qui le Kadett, Ascona e Manta che hanno contribuito a creare il mito dei rally per tutti, tutte radunate in un unico libro, corredato da cartine di percorso, elenchi partenti e in più (dopo una lunghissima opera di ricerca da parte dell’autore) anche di tutte o quasi le classifiche, sia assolute che di classe nelle quali le tre auto in questione hanno corso.

Ogni pagina è farcita anche da una parte descrittiva, costituita da ricordi e aneddoti genuini ed esclusivi di Biancolli, relativi ad un periodo nel quale vedere un rally voleva quasi sempre dire passare la notte in bianco per seguire quante più prove speciali possibile, su e giù per valli, colline e montagne. Il periodo in cui l’autore era sempre a bordo strada, a macinare chilometri, con la pioggia, con la neve, sotto al sole.

Tanto per dare un “tocco” di classe in più e per confermare la stima di cui gode nell’ambiente dei rally Sergio Biancolli, con cui io personalmente ho avuto il piacere di lavorare per diversi anni, c’è un’introduzione scritta da Rudy Dal Pozzo, navigatore della Squadra Ufficiale Opel Italia per una vita intera.

Il fatto che Biancolli abbia anche corso con una Manta GT/E e con una Kadett GT/E Gruppo 2 non fa certo parte della storia (quella l’hanno scritta ben altri), però aggiunge una visione e un bagaglio culturale personale di emozioni che questo tipo di auto è in grado di offrire a chi ha modo di appoggiare il proprio fondoschiena sul suo sedile. Poco importa che sia una Kadett, un’Ascona o una Manta.

Libri su Storie di Rally

la scheda

KADETT, ASCONA E MANTA – I RALLY PER TUTTI

Autore: Sergio Biancolli

Copertina: morbida

Immagini: 344 a colori e in bianco e nero

Pagine: 270

Formato: 21 x 29,7 centimetri

Editore: Autopubblicato

Prezzo: 38 euro

Guarda il video