Articoli

Rally Nuova Zelanda 1977: Bacchelli piega Vatanen

Fulvio Bacchelli e Francesco Rossetti avevano corso un grosso rischio durante la notte della quarta ed ultima tappa del Rally Nuova Zelanda 1977 quando si erano trovati la strada improvvisamente sbarrata da un cancello chiuso e un grosso palo di ferro gli era finito di trasverso nell’auto, sfiorando le loro teste.

Al termine dalla quarta e penultima tappa del Rally Nuova Zelanda 1977, Radio New Zeland Rally, valido quale quinta prova del Campionato del Mondo Rally, Fulvio Bacchelli, Francesco Rossetti e la Fiat 131 Abarth Rally sono sempre in testa alla classifica con oltre otto minuti di vantaggio sul compagno di squadra Simo Lampinen.

Alle spalle dei due piloti Fiat si è inserito il finlandese della Ford, Ari Vatanen, che nelle ultime quattro prove speciali dell’ultima tappa è riuscito a ridurre a soli nove minuti e mezzo il suo distacco da Bacchelli.

Quarto, a mezzo minuto da Ari Vatanen c’è Markku Alen che continua a gareggiare sub-judice in attesa che le autorità sportive locali decidano se confermargli o meno la penalizzazione inflitta al termine della prima tappa (perché è stato pizzicato dal teleradar ai 160 chilometri orari dove il limite consentito era di 60 all’ora).

Dietro c’è il vuoto (o quasi), in quanto al quinto e sesto posto si trovano i neozelandesi Millen e Woolf (su Mazda), rispettivamente a 41 e 102 minuti da Bacchelli. Nella quarta tappa di quel Rally Nuova Zelanda 1977 Vatanen ha vinto otto delle undici prove speciali ed ha approfittato di un incidente occorso a Bacchelli.

Nell’ultima prova di velocità, il triestino non è riuscito a mantenere il controllo della vettura, che è finita su un mucchio di terra, proprio sul bordo estremo di una tortuosa strada nella foresta di Kaingarda, abitualmente utilizzata all’epoca soltanto da grandi camion che trasportano tronchi di alberi.

Con le ruote sollevate dal livello strada, la 131 Abarth non riusciva a muoversi più e per spostarla e riportala in strada Bacchelli e il suo navigatore Rossetti hanno dovuto attendere l’arrivo degli altri due equipaggi Fiat. Questo incidente ha fatto perdere cinque minuti al “nostro”, due ad Alen ed uno a Lampinen.

Bacchelli e Rossetti avevano corso un grosso rischio durante la notte della quarta ed ultima tappa del Rally Nuova Zelanda 1977 quando si erano trovati la strada improvvisamente sbarrata da un cancello chiuso e un grosso palo di ferro gli era finito di trasverso nell’auto, sfiorando le loro teste.

La quinta ed ultima tappa: 1.270 chilometri di rally

Con quattro equipaggi raccolti in un fazzoletto di soli dieci minuti, la gara rimanda il verdetto all’indomani, quando è prevista la quinta e ultima tappa (1.270 chilometri), porterà i quaranta concorrenti rimasti in gara (erano cento le vetture al via, quindi sessanta ritirati in quattro giorni) da Rotorua ad Auckland, la più grande e importante città neozelandese.

In pratica, altre trenta ore continue di gara (con due sole interruzioni di un paio d’ore ciascuna) per affrontare altre ventisei prove speciali per un totale di 720 chilometri. Fino a questo momento la Fiat l’ha fatta da padrone. Bacchelli-Rossetti guidano la classifica e dietro c’è Vatanen. Tutto lascia presagire una vittoria italiana, ma una nube minacciosa si addensa sulla squadra Fiat dopo 3.700 chilometri di gara, di cui circa 2.000 di prove speciali.

La vettura di Bacchelli ha la pressione dell’olio quasi a zero e il rombo del motore non è fluido. Mancano ancora 250 chilometri e quaranta prove speciali. Saranno sufficienti quei 2’28 di vantaggio sul finlandese furioso che si fa vedere quasi negli specchietti? Il resto è cronaca di sbagli di percorso nella corta prova speciale (2 chilometri) allestita in una cava per il pubblico, di un motore che viene a mancare in curva provocando un testacoda e di un fine prova che vede Vatanen a 1’15.

La pressione del sangue in squadra sale. Ninni Russo segue la gara da un monomotore e Bartoletti, il medico del team italiano, si mette a distribuire tranquillanti come caramelle. Silecchia tranquillizza i piloti, mentre la pressione, questa volta dell’olio scende a zero.

Fortunatamente, sull’ultima prova, fila tutto liscio grazie ad un intervento ai limiti dell’impossibile da parte della squadra Fiat. La Fiat 131 Abarth Rally numero 1 vola. Ari Vatanen deve accontentarsi del secondo posto assoluto. Terzo termina Markku Alen e quarto Simo Lampinen, che si sono sempre tenuti nelle posizioni di rincalzo per ordini di squadra.

Tratto da 100 anni di Storie di Rally 1 – Marco Cariati

Nuova Zelanda 1982, Celica GT: debutto, vittoria, doppietta

A sette prove speciali dal termine del Rally Nuova Zelanda 1982 Bjorn Waldegaard comanda con ben 4’03” su Per Eklund, che a sua volta precede Rohrl di 2’57”. Il tedesco appare incapace di recuperare il distacco inflitto dalla Celica GT. L’amaro prezzo che l’Ascona paga in termini di cavalli alla Toyota.

Poteva essere un successo sorprendente, è stato un trionfo al Rally Nuova Zelanda 1982. Debutto, vittoria, doppietta per la Celica GT. Al primo posto ottenuto da Bjorn Waldegaard si è infatti aggiunto il secondo di Per Eklund e per il team di Ove Andersson è stato il delirio. Nella storia dei rally mondiali non accade spesso che una vettura esordiente “bolli”, la sua prima partecipazione con un’affermazione, ma è ancor più raro che la stessa vettura occupi anche la piazza d’onore. Ma l’auto da rally giapponese c’era riuscita.

Per questa e per altre ragioni, non ultimo il valore degli avversari, la vittoria dei due equipaggi svedesi con le esordienti Toyota Celica GT assume un significato maggiore anche se ottenuta dall’altra parte del globo, anche se per una volta non è una Lancia a vincere e anche se ciò avviene in un rally non ricco di tradizione e che solo nel 1982 è tornato nel Mondiale Rally dopo anni di assenza.

Nell’ultima tappa del Rally di Nuova Zelanda, dopo il secondo via da Taupo, si è potuto assistere all’attacco di Hannu Mikkola che ha più volte tentato di strappare a Waldegaard e alla GT dagli occhi a mandorla la meritata leadership. Al termine della ventitreesima prova speciale, il finlandese era solo 30″ distante dal driver della Toyota Europe, ma nella speciale successiva la prima guida dell’Audi ha subito un brusco rallentamento a causa di un isolamento del distributore che si è staccato dal motore della Quattro.

Per le migliaia di spettatori presenti sul tracciato è stata festa grande perché, mancando ancora quattordici prove speciali alla fine della gara, questi hanno pensato che Mikkola avrebbe dato spettacolo nell’intento di recuperare lo svantaggio. Ma le intenzioni dei finlandesi sono rimaste solo allo stato embrionale, perché nella PS25 si è rotto il braccetto dello sterzo dell’Audi e Mikkola ha dovuto proseguire a passo d’uomo. Dopo qualche altro chilometro, la parte anteriore della vettura si è piantata a terra perché si è rotto il montante anteriore. Così, entrambe le Audi a trazione integrale sono uscite di scena e il team tedesco ha accusato un’altra cocente battuta d’arresto, che pregiudica la corsa al titolo Costruttori.

Dopo il ritiro di Mikkola, la classifica del Rally di Nuova Zelanda 1982 ha assunto una una fisionomia pressoché definitiva, perché Waldegaard ed Eklund si sono stabilizzati nelle prime due posizioni di quel Nuova Zelanda con le Celica GT, mentre Walter Rohrl si è messo alle loro spalle seguito a sua volta da Salonen con la Datsun Violet GTS. Dietro il quartetto di testa si scatena la “guerra” fra Adams, Cook e Malcolm Stewart.

Waldegaard si concede una pausa sulla PS25, lasciando la gloria al compagno di squadra, poi Rohrl vince la PS27 e poi dalla PS28 torna a vincere Eklund. A sette prove speciali dal termine della gara Waldegaard comanda con ben 4’03” su Eklund, che a sua volta precede Rohrl di 2’57”.

Il tedesco appare incapace di recuperare il distacco inflitto dalla Celica GT. L’amaro prezzo che l’Ascona paga in termini di cavalli alla Toyota. Timo Salonen torna alla ribalta e vince la PS32 davanti ad Eklund. Il rally, in pratica, è finito e le uniche emozioni le regalano Leyraud e Teesdale, con quest’ultimo che ha la meglio a quattro prove dal termine.