Articoli

Antonio Viale riparte dal 1000 Miglia (VIDEO)

Girando nel Parco Assistenza del Rally 1000 Miglia 2021, i più svegli si sono subito accorti dei nomi sui vetri della Peugeot 208 Rally4 che c’era presso la FPF Sport di Fabrizio Fabbri. Michele, l’ingegnere capo della struttura e figlio di Fabrizio, sghignazza col suo solito fare molto gentile, dividendosi tra la C3 Rally2 di Damiano De Tommaso e la Francesina di… Aspettate ancora un attimo.

Girando nel Parco Assistenza del Rally 1000 Miglia 2021, i più svegli si sono subito accorti dei nomi sui vetri della Peugeot 208 Rally4 che c’era presso la FPF Sport di Fabrizio Fabbri. Michele, l’ingegnere capo della struttura e figlio di Fabrizio, sghignazza col suo solito fare molto gentile, dividendosi tra la C3 Rally2 di Damiano De Tommaso e la Francesina di… Aspettate ancora un attimo.

Michele Fabbri sghignazza ma sa bene che si sta scrivendo la storia. Infatti, quella vettura della Casa del Leone Rampante è pronta per il ritorno in gara di Antonio Viale e Paolo Lizzi. Ricordate Antonio Viale e Paolo Lizzi e i loro grandi spettacoli con la Fiat Uno Turbo (1992) e con la Lancia Delta (1993) di Mauro Nocentini? Corse anche come compagno di squadra di Sandro Fassina e Franco Cunico. Godetevi la video intervista fatta a Brescia, tra presente e passato.

Scopri i rally su Amazon

Rally 1000 Miglia 2002: Renato Travaglia non sbaglia

Il trentino, al solito navigato da Flavio Zanella sulla 206 WRC della Racing Lions, deve solo pensare a non distrarsi per fare suo anche questo appuntamento del tricolore. Per lui i problemi arrivano – in sua assenza – dal Parco Chiuso, dove un insolito incidente provoca paura al termine della super speciale del giovedì sera. Seconda piazza per Paolo Andreucci e Anna Andreussi, sulla Fiat Punto Super 1600 della Procar, vincitori tra le Super 1600. Terza piazza per Luca Cantamessa e Massimo Ciceri, sulla Subaru WRC della Aimont Racing, che risalgono con una grande rimonta dalla centosettesima posizione.

Così incredibile da apparire improbabile. Eppure vero: l’unico episodio che durante il 1000 Miglia ha fatto correre un brivido lungo la schiena di Renato Travaglia, è stato l’urto, incauto ed incolpevole, provocato in Parco Chiuso dalla Punto Super 1600 di Pedersoli che, scivolata per 5 metri, ha colpito un cerchio della 206 WRC-Racing Lions del trentino.

È successo il giovedì sera, dopo la prova-show al kartodromo di Lonato. Si è anche temuto il peggio: magari una ruota aperta, una sospensione piegata, una gara compromessa. Invece no, nulla di tutto questo: solo un cerchio sbeccato, le scuse di rito del bresciano della Grifone e la paura svanita al risveglio. Come un brutto sogno.

Al di là di questo episodio, per il driver trentino il CIR 1000 Miglia (valido anche per l’Europeo a massimo coefficiente) è stato un rally in discesa: una gara-passerella con poche insidie dai rivali ma, comunque, con qualche inevitabile difficoltà. A partire dalla paura di sbagliare per deconcentrazione. Invece no, nessuna distrazione per un “prof” del calibro di Renato Travaglia, pilota riservato che ha però ammesso due suoi pensieri.

Il primo: avere iniziato il conto alla rovescia per la vittoria anticipata nel tricolore. Il secondo: avere il dubbio amletico se fare – o non fare – un paio di “tondi” nel bel mezzo di un tornante in prova. Proprio come fatto da Panizzi al “Catalunya”.

I “tondi”, in effetti, non li ha fatti, ma… i conti sì. Eccome. In effetti la concorrenza si è sciolta con il primo sole già nella prima tappa. Prova speciale 2 (Belprato): Enrico Bertone sbatte una ruota e si ferma con la Corolla-Leader Cars, mentre Luca Cantamessa fora, perde 5’, e sprofonda in coda con l’Impreza-Aimont Racing. Di qui in avanti l’astigiano mostra tutto il suo repertorio agonistico e tecnico con una inesorabile rimonta dalla posizione numero 107 al terzo gradino del podio: un recupero che, seppur frenato da un tempo imposto, è stato grande.

In un 1000 Miglia condizionato da cinque inevitabili decisioni di sospensione o annullamento delle prove, sono emerse numerose individualità che hanno brillato di luce propria. Come il secondo posto assoluto, con tanto di trionfo tra le Super 1600, di Paolo Andreucci (Punto-Procar), autore di una gara esemplare per costanza di rendimento e attacco (nella seconda tappa).

Come la competitività di Andrea Dallavilla (Saxo-Vieffecorse), capace di stupire nella prima tappa con una provvidenziale strategia di gomme intermedie, caricate nell’abitacolo e montate al terzo giro. Il bresciano è poi entrato in crisi nella seconda frazione, chiudendo al quarto posto assoluto (secondo tra le 1600), a causa di un’inestricabile “situazione” di assetto e trasmissione.

Stupore per la competitività – e ammirazione per la livrea – della debuttante Clio Super 1600 di Piero Longhi, il quale ha infilato alcuni tempi di grande levatura nella prima frazione chiusa da quarto assoluto. Poi il novarese ha frantumato una ruota – e ogni speranza – contro un muretto all’inizio della seconda frazione.

E se Fabrizio Ratiglia è tornato a vincere il Gruppo N (sesto assoluto) e guidare come sa, tra le Kit 2000 attacchi all’arma bianca e piazzamenti di rilievo sono giunti da Gianpietro Antonelli (306 Maxi-AutoSportItalia), Devid Oldrati, Marco Cristoforetti (entrambi su 306 Maxi-Racing Lions), Marco Bottarelli (Mégane-Power Car). E dai fratelli Spinoni con una Clio-Turbocar, prima vera A7.

Individualità di rilievo sono infine emerse nel team Vieffecorse da due debuttanti nel bresciano. Il pordenonese Luca Rossetti (Lancer Evo VI) ha stupito, con l’unica colpa d’aver strisciato una fiancata a Belprato, dove ha perso in tre prove tanto – troppo – tempo: malgrado ciò è giunto secondo nel Produzione ed ottavo assoluto. Costante e convincente è stato anche Mirco Baldacci: terzo tra le Super 1600 e settimo assoluto in una prova del CIR, campionato che continuerà a frequentare assiduamente assieme al Mondiale Junior.