Articoli

Grandi campionesse: Opel Ascona B 2000 S Rallye (VIDEO)

La Opel Ascona B 2000 S Rallye deriva dalla Ascona, un’automobile di fascia media prodotta in tre serie, dal 1970 al 1988, dalla casa automobilistica tedesca Opel. Il nome è preso dalla cittadina svizzera di Ascona, posta sul Lago Maggiore nel Canton Ticino. La Ascona “B” è stata prodotta tra il 1975 ed il 1981 e corrisponde alla seconda generazione della Opel Ascona.

La vettura fu lanciata sul mercato nel mese di agosto del 1975 in sostituzione della precedente generazione, anche se la presentazione ufficiale al pubblico avvenne all’inizio dell’autunno seguente, al Salone di Francoforte. Proposta unicamente con carrozzeria berlina (a 2 e a 4 porte), l’Ascona B era più lunga e più larga del modello uscente. Anche il passo era stato incrementato, a vantaggio dell’abitabilità interna.

Dal punto di vista del design, la vettura era caratterizzata da uno stile sensibilmente più moderno, con linee più spigolose. Il frontale era a fari trapezoidali, con una mascherina larga. Aumentate anche le superfici vetrate, mantenendo una linea di cintura piuttosto bassa. Grazie all’ottimizzazione e alla taratura della meccanica telaistica, venne incrementato il livello di sicurezza, sia attiva che passiva.

La struttura monoscocca dell’Ascona B celava un’impostazione meccanica tradizionale, con motore anteriore longitudinale e trazione posteriore. Il comparto sospensioni manteneva l’avantreno a quadrilateri e il retrotreno ad assale rigido con barra Panhard. L’impianto frenante era di tipo misto, a doppio circuito e servoassistito, lo sterzo era del tipo a cremagliera. La produzione dell’Ascona B avvenne negli stabilimenti di Bochum e di Anversa: gli allestimenti previsti furono tre, e cioè base, L e SR.

I motori previsti, tutti a 4 cilindri, andavano da 1.2 litri a 2 litri, per potenze da 55 a 110 hp; a queste unità a benzina, si aggiungeva un motore Diesel da 2 litri. Negli anni si ebbero continui aggiornamenti. Nell’aprile 1979 avvenne il lancio della versione i2000, con motore 2 litri rivisitato da Irmscher, il noto preparatore di Opel che aveva portato la precedente Ascona A a conquistare il titolo nel Campionato Europeo di Rally con Walter Rohrl.

Dopo la cura ricostituente, il motore fu in grado di erogare una potenza massima di 120 CV grazie anche al montaggio di un secondo carburatore. Nell’agosto dello stesso anno vi fu un leggero restyling; fu l’occasione per inserire in gamma una nuova versione di punta, ancora più sportiva della i2000. Tale versione, denominata Ascona 400, fu equipaggiata con un’unità da 2,4 litri alimentata ad iniezione e con potenza massima di 144 CV.

Altre caratteristiche peculiari di questa versione furono la distribuzione bialbero, l’impianto frenante a quattro dischi e il cambio a 5 marce. Prodotta in 268 esemplari, l’Ascona 400 fece da base per la vettura da competizione che nel 1982 permise a Walter Rohrl di conquistare il Mondiale Piloti, quando l’Ascona B non era più in produzione. La vettura pilotata da Rohrl erogava fino a 255 CV di potenza massima e fu l’ultima vettura a trazione posteriore ad aggiudicarsi un titolo nel Mondiale Rally. Nel luglio del 1981 la produzione dell’Ascona B cessò per lasciare campo libero alla terza generazione.

Opel Ascona 400 e le bugie a fin di bene per omologarla

All’interno di Opel Rally Team c’è un pilota già famoso e molto vincente, Walter Rohrl, ereditato dall’epopea della Opel Kadett GT/E, modello ormai da sostituire e non adatto all’obiettivo. Arriverà la Opel Ascona 400…

Sono gli anni in cui la Opel cerca una nuova vettura per emergere nei rally (ma non ha ancora creato la Opel Ascona 400), possibilmente un modello di grande diffusione da poter essere poi utilizzato come leva commerciale per le famiglie, soprattutto in Germania, e che possa imporsi nel Mondiale Rally a livello assoluto. In quel periodo, vincere il Campionato del Mondo Rally significa vendite assicurate e grande prestigio.

All’interno di Opel Rally Team c’è un pilota già famoso e molto vincente, Walter Rohrl, ereditato dall’epopea della Opel Kadett GT/E, modello ormai da sostituire e non adatto all’obiettivo. I regolamenti prevedono, che per primeggiare sarebbe necessario costruire una vettura Gruppo 4, che provenga dalla serie. Bisogna realizzare minimo quattrocento esemplari in un breve periodo di tempo.

L’incarico di fare lo studio e calcolarne il budget necessario, ovviamente, viene dato allo staff del reparto corse. Persona importante in questo team di persone è Willi Peter Pitz, navigatore esperto e carismatico, dipendente della Opel Rally Team, che dedica il suo tempo allo sport che ama e che, per sua immensa fortuna, è diventato il suo lavoro, la sua fonte di vita.

Willi Pitz raccontava che le sue giornate erano cariche di passione e questo lavoro gli consentiva di vivere una vita interessante, sempre in giro per Europa, o Africa, dove il reparto si trasferì prima del East African Safari Rally per ben due mesi, prima della massacrante competizione africana, come fecero anche altre squadre ufficiali, per effettuare lunghe sessioni di test di questa leggendaria corsa, allora una delle tappe più iconiche del WRC.

Alla fine dello studio, il team presenta alla Casa madre un progetto che riguarda la Opel Ascona, il berlinone teutonico dedicato alle famiglie e trasformato per i rally con un motore aspirato da 2400 centimetri cubi, capace di erogare 240 cavalli e telaio adattato alle necessità. Willi Peter Pitz raccontava che il progetto convinceva i vertici della Opel, ma le previsioni di budget richieste un po’ meno.

Walter Rohrl con la Opel Ascona 400 al Rally Costa d'Avorio
Walter Rohrl con la Opel Ascona 400 al Rally Costa d’Avorio

Infatti, sembrava che la cifra richiesta fosse ritenuta troppo alta da stanziare per un investimento che non dava alcuna garanzia, nessuna certezza, a parte la previsione di spesa che sarebbe potuta solo lievitare. Ma l’obiettivo di Opel restava il Campionato del Mondo Rally, solo che si voleva anche la certezza della vittoria…

Fiat e Lancia non sarebbero state di certo a guardare. Il problema maggiore era dover costruire un minimo di quattrocento vetture da gara, senza sapere se si sarebbero riuscite mai a vendere a team privati. Ragionevolmente la dirigenza pensava di poterne vendere cinquanta, al massimo settanta. E le altre Ascona 400? No grazie, era un rischio troppo alto.

Il reparto corse rischiava di chiudere, la Kadett GTE non poteva esser sviluppata ulteriormente, e comunque non poteva ambire a vincere il Mondiale Rally. Dopo alcune notti insonni, ‘Wipi’, come era soprannominato Willi Peter Pitz, assieme al suo staff, chiese un nuovo incontro alla dirigenza Opel, per fare una nuova proposta, visto che sull’aspetto tecnico, non vi erano dubbi: la macchina aveva il potenziale per il successo.

In quell’occasione, Willi disse: “Il progetto è valido, dobbiamo avere per la Fia quattrocento vetture da corsa pronte”. Poi chiese: “Quanto siete disposti ad investire, affinché si riesca ad omologare la vettura?”. Pare che venne proposta una cifra, importante, ma assolutamente insufficiente per costruire quattrocento esemplari di Opel Ascona in conformazione rally.

Willi Pitz raccontava che si fece promettere che, se omologata, la vettura avrebbe poi avuto l’appoggio necessario per poter disputare il Campionato del Mondo Rally. Cosa che ottenne. Nei mesi successivi fu realizzato il progetto e furono costruite un certo numero di auto. Non certo le quattrocento necessarie per l’omologazione. La vettura fu testata ed i riscontri tecnici e cronometrici, furono positivi.

Si poteva sviluppare. Ora c’era da superare lo scoglio della conta delle vetture. Fu organizzato un primo incontro dove furono presentate agli ispettori Fia numerose Ascona, furono analizzate sospensioni, motore… al fine di poter redigere la fiches di omologazione. Tutto ok, tutto a posto, ma le altre vetture, dove sono?

E qui viene il bello di questa storia che ha sicuramente dentro tanta verità, ma che potrebbe anche essersi mischiata ad un po’ di leggenda. Pitz ci ha lasciato in eredità una storiella divertente. In quell’occasione, per ottenere l’omologa delle Opel Ascona 400 sarebbe stata inventata la più classica delle bugie.

La storia vuole che fu riferito che in quel luogo non erano presenti i quattrocento esemplari perché alcune erano state spostate e altre erano state addirittura assemblate, per motivi di spazio in un’altra parte della Germania. Molti esemplari erano già stati consegnati nei vari Paesi europei per iniziarne la commercializzazione. Ovviamente c’era ampia fiducia e le cose si protrassero per vari giorni, anche con notevoli perdite di tempo volute.

Fu così che tra qualche viaggio inaspettato nel mezzo della Germania, qualche cena, e qualche nuovo sopralluogo in un’altra fabbrica, dove le vetture erano sempre le solite, spostate da solerti addetti Opel, un paio di trasferte anche in Portogallo e Svezia, gli ispettori contarono quattrocento vetture e avvallarono l’omologazione della Ascona 400. Il resto è storia nota. Ma a noi resta un dubbio: ma il numero 400 dopo Ascona fa parte dell’ironia tedesca per rendere la storiella indimenticabile?

Opel nei rally, una storia di anni ruggenti tra Kadett e Ascona

All’inizio degli Anni Sessanta ancora non si parlava di un ritorno alle competizioni. Però, non passò neanche un anno dalla presentazione della Kadett A, che Hans Beck e Lutz Kemper al volante della Opel portarono a termine, primi di classe e sesti assoluti, l’edizione 1963 del Tour de Europe.

Da un po’ mi frulla per la testa di raccontare la storia di Opel nei rally, una storia di anni ruggenti nel vero senso della parola. E me ne ricordo ogni qualvolta incontro a cena Sergio Biancolli, ex fotografo torinese, ex rallysta (sempre torinese), per fortuna non ex amico.

Biancolli, come molti altri, nel mondo dei motori ha diverse fidanzate tedesche, tre di queste fanno di cognome Opel: Kadett, Manta e Ascona. Sull’argomento ha anche scritto un bel libro che continuo a consigliare, visto che si tratta della storia rallystica delle Opel private.

Alla passione mia e di Biancolli, che ci vede sognare Walter Rohrl che fa danzare la Opel Kadett GT/E, si sono aggiunti, nell’ultimo periodo, diversi racconti di Gianni Cogni sul Rally Lana, tra cui quello del 1982 in cui Miki Biasion vince con la Opel Ascona con alle note il mitico Rudy Dalpozzo al posto del “solito” Tiziano Siviero, colpevole di aver manifestato il proprio pensiero su un discutibile ordine di scuderia dato nella gara precedente, e quindi momentaneamente sospeso dal ruolo di copilota di Miki.

Inevitabile un reportage sulle Opel da rally e contemporaneamente su Opel nei rally. Certo è che fino al 1963, la Opel aveva la nomea del Costruttore in grado di realizzare comode e solide vetture da famiglia, destinate a lunghe percorrenze chilometriche.

All’inizio degli Anni Sessanta ancora non si parlava di un ritorno alle competizioni. Però, non passò neanche un anno dalla presentazione al pubblico della Kadett A, quando Hans Beck e Lutz Kemper al volante della nuova Opel portarono a termine, primi di classe e sesti assoluti, l’edizione 1963 del Tour de Europe. Per la Kadett era il primo di una lunga serie di successi.

Presotto al Rally Elba 1977
Presotto al Rally Elba 1977

Sull’onda di questi risultati, esattamente cinquanta anni fa, nel 1969, alcuni intraprendenti concessionari cominciano a dedicarsi alle competizioni. La Kadett B Rallye si era rivelata infatti l’auto ideale per tanti piloti privati, per lo più rallisti, che dovevano fare i conti con i costi sempre elevati delle competizioni automobilistiche.

Alle tradizionali doti di robustezza e semplicità di manutenzione delle automobili Opel, la seconda generazione della Kadett associava infatti un’indiscutibile competitività agonistica. Questo fatto portò molti preparatori a cimentarsi con crescente impegno nell’elaborazione di Kadett per il gruppo 1 e il gruppo 2. Ricordiamo fra i tanti gli italiani i fratelli Gino e Silvio Carenini e Virgilio Conrero con quest’ultimo destinato di lì a breve a legare il suo nome a quello dell’attività sportiva di Opel in Italia.

Nel 1970 parte il programma clienti sportivi Opel

Il programma sportivo divenne più consistente nel 1970 quando l’importatore diede il via a una politica che prevedeva facilitazioni sull’acquisto delle vetture e dei ricambi, nonché premi in denaro a fine stagione. E fu proprio nel 1970 che la Kadett ottenne a Pordenone la sua prima affermazione nei rally italiani.

Nel giro di due anni le Opel si guadagnarono una notevole fama sportiva e gli allora responsabili delle competizioni in Italia decisero di puntare sui rally che per la loro conformazione ritenevano mettessero a dura prova tutti gli organi meccanici, esaltando le doti tipiche di Opel: la robustezza e l’affidabilità. I rally erano sempre più seguiti dal pubblico e dalla stampa e contribuirono ad attribuire al marchio un’immagine più dinamica, sottraendolo all’idea di produttore di auto da famiglia.

L’indirizzo scelto si dimostrò giusto e le vittorie furono sempre più numerose. Nel 1972 la Opel Kadett-B Rallye 1900 preparata da Conrero e guidata da Salvatore Brai-“Rudy” vinse il Gruppo 1, riservato a vetture praticamente di serie, nel Campionato Italiano Rally Nazionali.

La Opel Ascona nel 1980 era una vettura che riscuoteva successo
La Opel Ascona nel 1980 era una vettura che riscuoteva successo

La Kadett B passa il testimone alla Opel Ascona 1.9 SR

La Kadett B passa il testimone alla nuova Ascona 1.9 SR che ne riprende meccanica ed esperienze puntando ancora più in alto. Brai e “Rudy” con la vettura preparata da Conrero vincono il titolo di Gruppo 1 nel Campionato Italiano Rally Internazionali, dove si mettono in luce anche Francesco “Chicco” Svizzero e Roberto “Bobo” Cambiaghi e ancora Antonio Bellosta con la versione Gruppo 2.

Il trend tricolore dell’Ascona A prosegue nel 1974. Il secondo titolo tricolore Gruppo 1 arriva per merito di Angelo Presotto e Maurizio Perissinot, che si impongono anche a livello internazionale vincendo anche il Gruppo 1 nella Mitropa Cup.

Gli anni ruggenti della Opel Kadett C GT/E

Un ulteriore passo avanti fu compiuto con l’impiego della Kadett-C GT/E, equipaggiata con lo stesso monoalbero a iniezione elettronica della Manta 1900 e dotata di una carrozzeria basata sul corpo vettura della Kadett-C Coupé, ma con parafanghi allargati simili a quelli dell’Ascona da rally, che si impose in Italia in Gruppo 2, vetture turismo preparate, con Federico Ormezzano-“Rudy” e in Gruppo 1 con Angelo Presotto-Maurizio Perissinot a conferma di un’effettiva competitività nella sua categoria, ribadita tra l’altro dal successo in Gruppo 1 di Bellosta-Bondesan nel Campionato Rally Nazionali.

La stagione italiana 1977 fu dominata dalle Kadett preparate da Conrero trionfatrici con “Lucky”-Braito in gruppo 1, con Ormezzano in gruppo 2, con Ballestrieri-“Rudy” in Gruppo 4 e con Fabrizia Pons nel femminile. Altre vittorie in Gruppo 1 vennero da Angelo Presotto nella Mitropa Cup, da Dus-Dorato nel CNR, da Ippolita Rabusin nel CNR-Femminile.

Accanto alle Kadett-C GT/E Gruppo 1, che ormai disponevano di 140 CV (103 kW), e alle Gruppo 2 con motori da 190 CV (140 kW), merita di essere ricordata la versione Gruppo 4 sviluppata da Conrero. Il motore, la cui cilindrata era stata portata a 1.980 cc, era stato dotato di iniezione indiretta Kugelfischer e sviluppava 225 CV (166 kW), cambio a 5 marce a innesti frontali, differenziale autobloccante, freni a disco autoventilanti sulle quattro ruote.

La vettura, il cui peso era stato contenuto in 890 kg, si rivelava molto maneggevole sui tratti misti e misto-veloci, anche se il ponte posteriore rigido limitava spesso la possibilità di scaricare a terra tutta la potenza, specialmente all’uscita dei tornanti.

Alla ricerca di una maggiore competitività in senso assoluto a partire dal 1978 fu progressivamente introdotta la versione GT/E2 con motore 2 litri. In Italia, la Kadett ribadì la sua supremazia in Gruppo 1 vincendo nel 1978 la Coppa CSAI con Dario Cerrato-Lucio Guizzardi, il titolo femminile assoluto con Fabrizia Pons, il CNR con Amedeo Gerbino-Luca Pazielli, il CNR Femminile con Antonella Cusinati e la Coppa FISA (classe 2.000 cc) con Pierluigi Grassetto.

Cerrato-Guizzardi “bissarono” la vittoria l’anno successivo in gruppo 2 con una GT/E preparata da Conrero dotata di un motore ad iniezione Kugelfischer da 215 CV (158 kW). Nel 1979 la GT/E colse altri successi a livello nazionale con “Faber” nel CNR (Gruppo 1) e con Furlan nella Coppa FISA (2000 cc). Queste erano però le ultime affermazioni di rilievo della Kadett-C, destinata nei programmi della Opel a cedere nuovamente il passo alla più potente Ascona.

Progressivamente abbandonata dalle grandi scuderie, la Kadett-C GT/E continuò a essere utilizzata a lungo con soddisfazione da molti concorrenti privati. A loro si deve se, all’inizio degli Anni ’80, il nome Kadett rimase ancora ben vivo sulla scena dei rally. I buoni risultati ottenuti dalla Kadett-D 1.3 SR preparata da Carenini per l’equipaggio femminile Micky Martinelli-Patrizia Zanetti rivestono infatti un significato puramente episodico.

Tony con l'Ascona nel 1980
Tony con l’Ascona nel 1980

Campioni d’Italia 1981 con Tony-Rudy e la Ascona 400

L’epopea Opel nei rally italiani culminò nel 1981 con la vittoria – prima e per molti anni unica di una Casa estera in Italia – della Ascona 400 preparata da Conrero per l’equipaggio “Tony”-“Rudy” nel Campionato Italiano Rally. Con la stessa vettura, dotata di un 4 cilindri di 2,4 litri da 240 CV (180 kW) sviluppato dalla Cosworth abbinando una testata a 16 valvole con il monoblocco della Opel Rekord Diesel, l’equipaggio italiano vinse l’anno seguente il campionato europeo della specialità.

La naturale evoluzione dell’Ascona 400 fu l’Opel Manta 400 omologata nella nuova definizione di Gruppo B. A questa vettura, preparata da Virgilio Conrero, è legata l’ultima vittoria assoluta di Opel e di “Penna Bianca” nel Campionato italiano al Rally della Lana 1985 con Cerrato-Cerri.

Nel 1986 debuttò la Kadett E GSi 1.8 presto affiancata da una versione con motore bialbero a 16 valvole da 220 CV (162 kW), preparata in Gruppo A per i due nuovi piloti della squadra dei concessionari Stefano Milanesi e Fabrizio Fabbri, mentre una Manta GTE privata preparata da Silvio Terrosi fece suo il titolo Promotion riservato ai piloti non prioritari con Marco Tulini.

A questo punto l’interesse dell’importatore italiano per i rally si indirizzò in altre direzioni come la creazione della Scuola Rally affidata a Rudy Dal Pozzo e all’organizzazione dei trofei monomarca, come quello riservato alla Opel Corsa che all’inizio di quegli anni fece la sua apparizione sul mercato.