Articoli

Il quasi introvabile Lancia Stratos Profili Quattroruote

Lancia Stratos Profili Quattroruote è il libro, quasi introvabile anche sul mercato dell’usato, che fa parte dell’omonima collana editoriale della Domus.

L’opera di Piero Casucci è bilingue, italiano e inglese, ed è stata pubblicata dalla casa editrice nel 1977. La Stratos è, senza ombra di dubbio, l’auto regina dei rally degli anni Settanta, oltre che una delle più belle, potenti, importanti e rappresentative sportive di quel decennio. Fu la madre delle vetture Gruppo B: tre Campionati del Mondo Rally vinti consecutivamente, tra il 1974 ed il 1976, e tantissimi altri successi a livello Europeo e Italiano.

E’ stata, forse ancora oggi è, la migliore automobile con carrozzeria di tipo coupé, prodotta dalla Lancia dal 1973 al 1976, su disegno di Marcello Gandini per Bertone. La sua storia ha inizio al Salone di Torino del 1970, quando il geniale di Bertone lancia una provocazione, un prototipo di un’auto “extraterrestre” alta soli 80 centimetri, con accesso attraverso l’enorme parabrezza centrale, dotata di motore 1,6 litri della Fulvia HF montato centralmente.

Presentata come “Prototipo Zero” era semplicemente una dream car. Il design per quanto non ancora definitivo, dovuto a Gandini, lo stesso che disegnò auto prestigiose come la Fiat X1/9, la Lamborghini Miura e la Countach, suscitò subito grande interesse. Qualcuno già intravedeva la Stratos HF – HF sta sta per High Fidelity – la prima automobile di serie specificamente progettata per i rally. E infatti, la Stratos è, senza ombra di dubbio, l’auto regina dei rally degli anni Settanta.

Ma andiamo per gradi. Un debutto sconcertante è quello della Stratos, un esordio che lascia di stucco tutti gli addetti ai lavori, anche se da parte della dirigenza Fiat, ed in particolare di Cesare Fiorio, a capo del reparto sportivo del Costruttore torinese, si ipotizza di sfruttare quello Stratos (inizialmente al maschile) come base per l’erede della Fulvia HF nei rally, sempre più combattuti e ricchi di tecnica. Certo quella linea sarebbe dovuta essere addolcita, per cui Nuccio Bertone si cimenta in varie evoluzioni stilistiche e concettuali che portano ad un abbozzo quasi definitivo della nuova berlinetta.

I concetti base sono la trazione posteriore, il motore in posizione centrale e le portiere incernierate normalmente. Ecco così la Stratos, che fa la sua comparsa nel 1972 nella sua veste definitiva: le dimensioni sono compatte, meno di 4 metri. La linea è sempre fortemente a cuneo, anche se più umana rispetto al prototipo del 1970. Manca solo il motore.

Si cerca un propulsore nobile, potente, dotato di molta coppia. Imbattibile. La scelta cade sul 6 cilindri a V di 2.400 centimetri cubici della Ferrari Dino 246GT, con opportune evoluzioni e modifiche. Il risultato è eccellente: 250 cavalli, 225 newtonmetri di coppia massima a 4000 giri al minuto, 230 chilometri orari di velocità massima, ma da 0 a 100 in meno di 7 secondi. Chi ha la fortuna di possederne una, se la tiene stretta. E si tiene stretta anche lacopia di Lancia Stratos Profili Quattroruote.

Libri su Storie di Rally

la scheda

LANCIA STRATOS PROFILI QUATTRORUOTE

Autore: Piero Casucci

Volumi: collana editoriale Profili Quattroruote

Copertina: rigida

Pagine: 80

Immagini: in bianco e nero

Formato: 28 x 20 centimetri

Editore: Editoriale Domus

Prezzo: 45 euro

Peso: 481 grammi

ISBN: 978-8-8767200-4-8

Acquista

Guarda il video