Stirling Moss Rally Driver: un libro storico

stirling moss rally driver

Ha quasi vinto il Rally di Monte Carlo al suo primo tentativo nel 1952, perdendo solo di poco contro Sydney Allard, per poi entrare a far parte dell’esclusivo club dei piloti di rally che ha vinto un’ambita Coupe d’Or al Rally Alpino, uno degli eventi più difficili in calendario.

Stirling Moss è un nome che risuona nell’Olimpo delle corse automobilistiche, un pilota che ha lasciato un’impronta indelebile nel mondo del motorsport. Sebbene sia maggiormente conosciuto per le sue gesta nella Formula 1, la sua carriera abbraccia anche il mondo affascinante e sfidante dei rally.

Nato a West Kensington, Londra, il 17 settembre 1929, Moss ha respirato l’aria delle corse fin dalla sua giovinezza. Crescendo in una famiglia intrisa di passione per i motori, Moss era destinato a seguire le orme dei suoi predecessori nel mondo delle competizioni automobilistiche. Suo padre, Alfred Moss, era stato un pilota che si era cimentato nelle prestigiose 500 Miglia di Indianapolis nel 1924, mentre sua sorella Pat aveva fatto incetta di gare di rally e aveva sposato il celebre pilota Erik Carlsson.

Fin dai suoi primi anni, Stirling si è fatto notare per la sua abilità al volante. Fu uno dei primi ad adottare le vetture della Cooper Car Company, convincendo il padre ad acquistargli una delle nuove e promettenti vetture Cooper 500. Moss dimostrò subito il suo talento, accumulando vittorie su vittorie a livello nazionale e internazionale.

La sua carriera nel mondo dei rally è iniziata nei primi anni ’50, quando ha preso parte al Rally di Monte Carlo nel 1952, mancando di poco la vittoria contro Sydney Allard. Questo evento ha segnato l’inizio di una lunga e illustre carriera nelle competizioni fuoristrada. Moss è diventato parte dell’esclusivo club dei vincitori della Coupe d’Or al Rally Alpino, dimostrando la sua versatilità e abilità anche su terreni impervi e sfidanti.

Nonostante il suo successo nei rally, è nella Formula 1 che Moss ha lasciato il segno più indelebile. Pur avendo vinto un impressionante numero di Gran Premi, ben 16, Moss è stato etichettato come “l’Eterno Secondo” per non essere mai riuscito a conquistare il titolo mondiale. Il destino ha giocato a suo sfavore, piazzandolo quattro volte al secondo posto e tre volte al terzo in classifica generale.

La sua carriera nella massima categoria delle corse automobilistiche ha visto momenti di gloria e di sfide, segnando un’era dorata che ha influenzato generazioni di piloti. Moss è stato l’ultimo pilota in vita ad aver gareggiato in una gara di Formula 1 valida per il campionato mondiale, continuando a incarnare lo spirito e la passione del motorsport fino alla fine.

Oltre alle corse, Stirling Moss rimane un’icona di stile e determinazione, un pilota che ha trasceso i confini del tempo e dello spazio per diventare una leggenda vivente del mondo delle corse automobilistiche. La sua eredità continua a ispirare e a influenzare gli appassionati di motorsport in tutto il mondo, dimostrando che la vera grandezza non risiede solo nei titoli vinti, ma nell’inesauribile passione e dedizione per la velocità e l’avventura.

  • La scheda
  • Stirling Moss Rally driver
  • Autori: Vic Quayle
  • Copertina: Rigida
  • Pagine 114
  • Immagini: 150 in bianco e nero
  • Formato: 22 x 27 cm
  • Editore: Herridge & Sons
  • Prezzo 39 euro
  • Peso: 987 grammi
  • ISBN: 978-1906133931