Skoda 1000 MB da rally

Skoda 1000 MB e 1100 MB B5: auto familiari da rally

Le auto da competizione erano una sorta di laboratori di prova guidabili, utilizzati per provare tutte le innovazioni tecniche, inclusi i prototipi di motori più grandi a quattro cilindri. Tuttavia, la prima 1000 MB B5, introdotta nel 1966, utilizzava ancora il motore aspirato da un litro che, grazie a doppi carburatori Jikov 32 SOPc, alberi a camme più caldi di 280°, collettore di aspirazione appositamente sviluppato e valvole di aspirazione più grandi, offriva una massima potenza di 75 CV a 6.500 giri/min e coppia massima di 88 Nm a 5.000 giri/min. Ma con le nuove modifiche, la prima 1000 MB B5 da competizione era in grado di accelerare da ferma a 100 km/h in 14″2 secondi. Dato un rettilineo sufficientemente lungo, era in grado di raggiungere i 160 km/h e poteva gestire una gara di accelerazione di un chilometro in poco più di 35″.

La Skoda 1000 MB è una piccola berlina familiare della metà degli anni Sessanta del Novecento: è seriamente considerata un piccolo miracolo automobilistico che gli ingegneri di Skoda hanno realizzato nei tempi difficili del socialismo reale. Nella sua epoca, era un’auto del tutto paragonabile alle migliori familiari europee della classe da 1 litro, riuscendo persino a battere i suoi rivali occidentali in alcune aree.

È stata progettata per il 1964, non solo per via del suo motore posteriore, la disposizione della trazione posteriore, ma anche per la sua costruzione con pannelli della carrozzeria imbullonati al telaio e sospensioni anteriori e posteriori indipendenti. La caratteristica più all’avanguardia, tuttavia, era il blocco motore in alluminio e la scatola del cambio, realizzati utilizzando l’allora pressofusione di alluminio.

Naturalmente, la missione principale dei creatori della 1000 MB era quella di dotare la Cecoslovacchia di un’auto moderna e anche di proporla nei mercati esteri più esigenti. Ebbero un tale successo che la linea di produzione faticò a soddisfare la domanda. Tuttavia, volevano anche mostrare il loro orgoglio e la loro gioia nel mondo del motorsport e ci riuscirono.

Un talento per la competizione

La 1000 MB nasce nelle classi A1 e A2, ma la sua epoca d’oro nei rally inizia nel 1966 con l’entrata in vigore del nuovo regolamento FIA. A quel punto la categoria B3 (detta anche classe GT) fu abolita e sostituita con una nuova, meno rigorosa classe B, Gruppo 5. Il vantaggio per i Costruttori era quello di consentire modifiche più importanti, che non includevano solo le sospensioni, il cambio e lo sterzo, ma anche il permesso di modificare la cilindrata del motore.

Ciò ha permesso alle auto da competizione di diventare una sorta di laboratori di prova guidabili, che sono stati utilizzati per provare tutte le innovazioni tecniche, inclusi i prototipi di motori più grandi a quattro cilindri. Tuttavia, la prima 1000 MB B5, introdotta nel 1966, utilizzava ancora il motore aspirato da un litro che, grazie a doppi carburatori Jikov 32 SOPc, alberi a camme più caldi di 280°, collettore di aspirazione appositamente sviluppato e valvole di aspirazione più grandi, offriva una massima potenza di 75 CV a 6.500 giri/min e coppia massima di 88 Nm a 5.000 giri/min.

Con queste modifiche, la prima 1000 MB B5 da competizione era in grado di accelerare da ferma a 100 km/h in 14″2 secondi. Dato un rettilineo sufficientemente lungo, era in grado di raggiungere i 160 km/h e poteva gestire una gara di accelerazione di un chilometro in poco più di 35″. Eccezionale per l’epoca.

Un quattro cilindri da brivido

Nell’autunno del 1967, alcune versioni più interessanti della Skoda 1000 MB sono uscite dal reparto sportivo della Casa. L’equipaggio di Václav Bobek sr. e Miroslav Fousek usava un’auto alimentata da un motore preso in prestito da un’auto da corsa di Formula 3 (Tipo 992). Era basato su un’unità di produzione, ma in grado di offrire 90 CV a un impressionante regime di 8.000 giri/min. Un altro cambiamento notevole è stato lo spostamento del radiatore dal vano motore alla fascia anteriore, dove è stato anche montato un radiatore dell’olio.

L’altra 1000 MB B5 è stato utilizzato da Vladimír Krček e Milan Žid. La loro macchina era un po’ diversa. Il radiatore e la ventola erano rimasti nella parte posteriore, ma sotto il cofano anteriore erano comparsi due radiatori dell’olio. Il motore a quattro cilindri fu messo a punto per erogare 85 CV a 8.000 giri/min e nella gara di 6 ore sul circuito di Brno nel 1967, il suo equipaggio riuscì a battere due vetture molto più potenti, le Tatra 603 T2 B5 con motore V8.

Prima dell’introduzione delle nuove auto da corsa B6 con motori prototipo molto più grandi, le B5 ottennero i loro maggiori successi nella stagione 1968. La cilindrata dei loro motori a quattro cilindri era stata aumentata rispettivamente a 1.143 e 1.150 cc, e adesso erano in grado di offrire fino a 97 CV a 7.500 giri/min grazie al loro rapporto di compressione più elevato, collettore di aspirazione modificato, nuovo scarico, otto-port head e, soprattutto, due carburatori Weber.

Scopri i rally su Amazon