Safari Rally, Phineas Kimathi non teme terrorismo e pistole

Safari Rally, Kimathi non teme terrorismo e pistole

I livelli di sicurezza messi in campo dal governo sono tra le principali preoccupazioni dei Costruttori chiamati a partecipare al Safari Rally. Si teme, in particolare, per una sezione stradale di sessanta miglia che porta gli equipaggi dalla cerimonia di partenza alla super speciale a Nairobi fino a Naivasha

L’organizzatore del Safari Rally, Phineas Kimathi, interviene per calmare gli animi sulla diffusa preoccupazione alimentata da speculazioni giornalistiche sulla situazione della sicurezza dei team del WRC, che saranno in Kenya a luglio. Il Safari Rally, considerato uno degli eventi più prestigiosi del motorsport, è tornato nel calendario gare del WRC quest’anno, per la prima volta dal 2002.

Il problema reale è che il Kenya, attualmente, deve fronteggiare una grande minaccia terroristica da parte di estremisti legati ad Al Shabaab, un gruppo militante al confine con la Somalia che si oppone al governo somalo. Al Shabaab ha lanciato minacce pubbliche contro il Kenya a causa dell’intervento militare in Somalia del Paese confinante. All’inizio di quest’anno, Al Shabaab ha pubblicamente dichiarato l’intenzione di attaccare i turisti in Kenya.

I livelli di sicurezza governativi sono tra le principali preoccupazioni dei Costruttori chiamati a partecipare all’evento africano. Si teme, in particolare, per una sezione stradale di sessanta miglia che porta gli equipaggi dalla cerimonia di partenza alla super speciale a Nairobi fino a Naivasha, dove si trova il parco assistenza. La paura è che quel tratto di strada possa prestarsi per un’imboscata.

Un membro dei team ha detto: “Abbiamo tanta gente, tanti kit e altrettante macchine che corrono su quella strada e abbiamo bisogno di rassicurazioni sul fronte della sicurezza. Sappiamo che siamo molto lontani dalla Somalia e dal suo confine, ma questi gruppi di terroristi possono viaggiare. Possono spostarsi, hanno dimostrato di essere imprevedibili”.

Il confine somalo si trova a 200 miglia da Nairobi in linea d’aria, ma Kimathi ha respinto le preoccupazioni relative ai gruppi terroristici. “La sicurezza è nostra responsabilità”, ha dichiarato Kimathi. “L’unica cosa che possiamo dire è che saranno al sicuro perché abbiamo un evento Mondiale nel nostro Paese. Il Kenya è un Paese sicuro con sacche di insicurezza al confine con la Somalia perché non esiste un governo funzionale in Somalia. Tutti lo sanno”.

“Non ci fermiamo perché alcuni estremisti armati di pistole sparano contro alcuni civili innocenti. Sparano ma non dove stiamo è prevista la gara. Abbiamo un livello di sicurezza migliore di molte città in Europa. Si sa che gli esseri umani temono l’ignoto. Capiamo da dove vengono, capiamo che non conoscono il Kenya, non conoscono l’Africa”.

“Abbiamo organizzato un evento di successo e abbiamo portato praticamente tutti quelli della FIA e del WRC qui. Ed tutti erano contenti di ciò che abbiamo fatto. È da ciò che ci è stato concesso lo status di prova del WRC. Non esiste un Paese con un governo funzionale che non si prende cura della sicurezza”.

Kimathi ha evidenziato la scelta della World Athletics di organizzare un importante campionato al Moi International Sports Center di Nairobi, riponendo fiducia nella sicurezza del Kenya. “La International Association of Athletics Federations ha vinto il Mondiale Under 20 una settimana prima del Safari Rally”, ha aggiunto. “Se non abbiamo fiducia nei nostri organizzatori, prendiamo in prestito il coraggio dall’IAAF e portiamo il mondo intero a Nairobi”.

“Abbiamo le migliori forze che hanno prestato servizio nelle Nazioni Unite, come forze di mantenimento della pace in Bosnia e in molti altri Paesi. I nostri militari sono rispettati e sono in grado di salvaguardare la nazione. Quando si parla di terrorismo, c’è più terrorismo in molte altre parti del mondo rispetto al Kenya”.

Kimathi ha affermato che l’unica prova che attualmente sta causando problemi è lo stadio di Hell’s Gate, che attraversa un parco nazionale di proprietà del governo. “Ogni proprietario terriero coinvolto in questo evento è stato contattato e con loro abbiamo concordato esattamente cosa otterranno in termini di risarcimento per la concessione dell’accesso alla loro terra. Abbiamo lavorato con loro l’anno scorso e abbiamo accordi con loro fino al 2022″.

Yves Matton, ha confermato che il governo sta gestendo al meglio la questione sicurezza. “Stiamo monitorando con gli organizzatori locali il livello di sicurezza del tratto che va da Naivasha a Nairobi”, ha dichiarato Matton. “Ma stiamo monitorando questo per ogni Paese, forse meno per alcuni e più per altri. È normale che la FIA si informi. Posso dire che, al momento, a differenza di alcune cose scritte, non c’è nessun problema a Naivasha e a Nairobi. Per il momento non abbiamo avuto alcun segnale preoccupante sulla sicurezza“.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *