Sobieslaw Zasada

Rallysti nell’anima: Sobieslaw Zasada si presenta al Safari

Le strade sterrate veloci porteranno le velocità fino a 200 km/h in alcuni punti. In altri, saranno ridotte quasi a passo d’uomo mentre i piloti sceglieranno una linea prudente su tracciati disseminati di pietre. Il Kenya vive la sua stagione delle piogge per cui gli acquazzoni torrenziali possono trasformare in pochi minuti le prove speciali secche e polverose in bagni di fango e torrenti impetuosi. Ma Sobieslaw Zasada non ha paura…

Il tre volte campione europeo Sobieslaw Zasada affronterà piloti di quasi 70 anni più giovani di lui nell’estenuante “classica” africana di quattro giorni, che torna al World Rally Championship dopo 19 anni di distanza. Zasada diventerà il concorrente più anziano ad iniziare una prova del WRC. I suoi più grandi successi risalgono a prima del lancio del campionato nel 1973, quando il detentore del titolo europeo era considerato di fatto campione del mondo.

Il polacco non si lascia scoraggiare da uno dei rally più duri del mondo. Affronta 320 chilometri di competizione attraverso le vaste pianure della Great Rift Valley vicino al lago Naivasha, che ospita zebre, giraffe, antilopi e gnu. “Certo, questa è una grande sfida e il mio obiettivo è puramente quello di raggiungere il traguardo”, ha ammesso.

Le strade sterrate veloci porteranno le velocità fino a 200 km/h in alcuni punti. In altri, saranno ridotte quasi a passo d’uomo mentre i piloti sceglieranno una linea prudente su tracciati disseminati di pietre. Il Kenya vive la sua stagione delle piogge per cui gli acquazzoni torrenziali possono trasformare in pochi minuti le prove speciali secche e polverose in bagni di fango e torrenti impetuosi.

Nel corso di una brillante carriera Zasada ha vinto il titolo europeo nel 1966, 1967 e 1971 ed è arrivato secondo in altre tre occasioni. Era pilota ufficiale per Steyr Puch, Porsche, BMW e Mercedes-Benz. Ha affrontato il Safari otto volte in precedenza, finendo secondo nel 1972 su una Porsche 911S. La sua ultima gara è stata 24 anni prima di questo ritorno, quando ha concluso dodicesimo in Kenya insieme a sua moglie, Ewa, su una Mitsubishi Lancer.

Sobieslaw Zasada, Rajd Polski 1966
Sobieslaw Zasada, Rajd Polski 1966

“Ho sempre trovato il Safari un rally fantastico. Torno indietro perché sono molto curioso di vedere come sarà questo rally nella sua forma attuale. Riguarda la sfida fra me e questa gara”, ha dichiarato entusiasta Zasada, il cui nipote, Daniel Chwist, è anche nell’elenco iscritti. Zasada guiderà una Ford Fiesta Rally3 gestita da M-Sport Poland. Il Safari sarà la gara più difficile di sempre e più lunga di sempre per un modello nuovo che ha fatto il suo debutto nel WRC solo due mesi fa in Croazia.

I suoi ricordi del Safari risalgono al 1969, quando il rally era molto diverso dal formato attuale. All’epoca i piloti guidavano a tutta velocità su strade aperte al traffico per oltre 6000 chilometri in cinque giorni. “Erano rally molto difficili”, ricorda. “Nel più lungo Safari Rally del 1972, 6480 km, sono arrivato secondo. Il vincitore era in ritardo di oltre nove ore rispetto al programma. Ha guidato per tre giorni e tre notti senza sosta. Bere il tè mi ha aiutato molto!”

“Penso che quei rally siano stati tre o anche quattro volte più difficili di quelli attuali in termini di resistenza e condizioni”. Il precedente concorrente più anziano del WRC era il norvegese Leif Vold-Johansen che aveva guidato al Rally MonteCarlo nel 1994 all’età di 82 anni ed è tornato 12 mesi dopo come copilota. Il Safari è la sesta prova del World Rally Championship. Inizia a Nairobi giovedì (24 giugno) e termina a Naivasha tre giorni dopo.

Scopri i rally su Amazon