Kenneth Eriksson, Rally di Svezia 1995

Rally di Svezia 1995: battaglia tra Eriksson e Makinen

Il caposquadra Andrew Cowan sembrava a disagio. Quando Eriksson aveva raggiunto Karlstadk, alla fine del secondo giorno, era un secondo avanti, e lo stesso Cowan aveva deciso di condizionare la gara dicendo alla coppia di mantenere la posizione. Mäkinen aveva altri pensieri e decise di non dare retta al capo. Così, domenica mattina fu undici secondi più veloce di Eriksson. Il finlandese era tornato in testa al rally, provocando l’ira di Cowan.

Tommi Mäkinen non è mai stato il massimo della comunicatività davanti alla telecamera. Ma questa volta, il finlandese non avrebbe potuto essere più eloquente. Non lontano dalla fine dell’ultima prova del Rally di Svezia 1995, il leader del rally si fermò e fece il punto della situazione, spiegando come sarebbe finita. Non sarebbe diventato il primo finlandese – dopo Markku Alén nel 1988 – a vincere in Svezia. Su decisione della direzione del team Mitsubishi a Karlstad, il successo sarebbe andato a Kenneth Eriksson.

Scendendo dalla sua auto alla fine dell’evento, lo svedese sembrava imbarazzato dalla situazione. Non avrebbe dovuto esserlo, aveva guidato in modo superbo. In vista della seconda prova del Mondiale Rally, gli equipaggi avevano ammesso che le condizioni svedesi erano quasi perfette, con ghiaccio solido e banchi di neve affidabili sulle strade del Värmland.

Vincitore dell’ultima edizione del Gruppo B nove anni prima, Juha Kankkunen spendeva parole d’amore per il rally veloce sulla neve. Il suo preferito. “Sono nato in Finlandia – diceva la star della Toyota – e ho iniziato a guidare su ghiaccio e neve, ovviamente mi piace questo rally. È il migliore dell’anno”.

Questi sentimenti sono stati ripresi dal pilota Subaru, Colin McRae. Lo scozzese era salito sul podio nelle sue ultime due partenze svedesi e si era diretto al rally, quell’anno, inseguendo una vittoria. “E’ il miglior rally della stagione – confermava anche McRae –. Quando le condizioni sono così, è fantastico. È così veloce che l’auto scivola continuamente, come piace a me”.

“Sarà difficile lottare per la vittoria – Sainz faceva eco a McRae- ma sono tornato qui per provare a vincere”. A differenza di McRae, la mancanza di esperienza non era qualcosa che Mats Jonsson, arruolato per guidare una terza Impreza ufficiale, poteva vantare. Lo svedese aveva gareggiato quindi volte e vinto due volte nella gara di casa sua.

Nessuno dei team ufficiali era in Svezia un anno prima e la rotazione aveva permesso che fosse Thomas Radström ad aggiudicarsi la prova del WRC 2 litri, valido per il titolo Costruttori. Questa volta Radström aveva a sua disposizione una Celica GT-Four perfettamente funzionante.

I piloti Toyota, Didier Auriol e Kankkunen stavano cercando di compensare un’apertura di stagione poco brillante nelle Alpi francesi, ma in realtà in Svezia andò più o meno come nella gara precedente, il “Monte”. Radström fu il migliore delle Toyota al terzo posto, a più di un minuto dai suoi compagni di squadra, ma alla stessa distanza dalle Mitsubishi di testa.

Ancora una volta, la Celica di Toyota aveva faticato a fornire il tipo di prestazioni viste con la Turbo 4WD la stagione precedente, ma questo non per minimizzare quella che era stata una forte prestazione dello svedese. Una cosa che aveva reso la vita un po’ più facile a bordo delle auto giapponesi era l’impiego di pneumatici Lappi.

I piloti Subaru avevano chiesto di montare quelle gomme locali, ma Pirelli non fu assolutamente d’accordo. Alla fine, l’evento svedese fu da dimenticare per il team gestito da Prodrive, con tutte e tre le vetture che si sono ritirate con lo stesso guasto al motore poiché il rivestimento si è staccato dalle canne dei cilindri, ha bloccato le pompe dell’olio che hanno aumentato la pressione e fatto esplodere il motore delle vetture.

Dopo la giornata di apertura, McRae era terzo, ma 24 ore dopo lui e Jonsson si erano fermati mestamente entrambi nell’ultima prova del sabato. Sainz, invece, era uscito con lo stesso problema all’inizio della giornata. Un McRae decisamente frustrato se la prendeva con la FIA e con le sue nuove restrizioni alle gomme volute proprio dal 1995.

“Queste nuove regole della FIA sono stupide – disse Colin, facendo eco a Delecour al Rally di MonteCarlo di quello stesso anno. Restiamo seduti al volante per tutto quel tempo e alla squadra non è permesso di toccare la macchina. Le squadre stanno spendendo tutti questi soldi e abbiamo tutti questi professionisti in giro e non possiamo fare nulla. Il team avrebbe risolto il problema questa mattina e avremmo potuto essere ancora in gara. È pazzesco”.

Delecour aveva avuto qui un altro incidente, ma legato al motore, durante la seconda giornata, lasciando i compagni Bruno Thiry e Stig Blomqvist a finire rispettivamente al sesto e settimo. Davanti, le Mitsubishi si stavano dando da fare. C’erano stati sei cambi di leadership nel primo giorno mentre i piloti Mitsubishi si allontanavano sempre più dal gruppo inseguitore.

Il caposquadra Andrew Cowan sembrava a disagio. Quando Eriksson aveva raggiunto Karlstadk, alla fine del secondo giorno, era un secondo avanti, e lo stesso Cowan aveva deciso di condizionare la gara dicendo alla coppia di mantenere la posizione. Mäkinen aveva altri pensieri e decise di non dare retta al capo. Così, domenica mattina fu undici secondi più veloce di Eriksson. Il finlandese era tornato in testa al rally, con grande frustrazione di Cowan.

Pianeta Rally: libri, riviste moda, giochi, modellismo