Colin McRae sfida Tommi Makinen sulla PS Silverstone

RAC Rally 1997 e la magia di Colin McRae sulla PS Silverstone

Silverstone, la casa del motorsport britannico, divenne la scena della vittoria finale di Richard Burns in casa sua. Primo e finora unico campione del mondo di rally inglese. Nessuno dei due eroi del WRC è più tra noi, per ragioni che non avevano nulla a che fare con le loro carriere rallistiche.

Tentando di battere Tommi Makinen nella corsa al titolo iridato, al RAC Rally 1997 Colin McRae stabilisce il miglior tempo al suo primo passaggio sulla PS Silverstone nel novembre 1997. Prima di lui era stato Juha Kankkunen, sempre con Subaru e Pirelli.

Ancora una volta, Colin McRae sarebbe andato a vincere la gara, ma avrebbe perso un secondo Campionato del Mondo Rally Piloti per un solo punticino finale. In quel primo giorno del RAC Rally 1997, prima di attraversare le foreste del Galles, c’erano altre due puntate sulla PS Silverstone, che utilizzava parti del circuito automobilistico e diverse strade d’accesso.

Il tutto raddoppiato in quattro fasi, più la super speciale, che però sarebbe arrivata solo l’anno dopo, in occasione del Rally RAC 1998, quando il nome è cambiato in Rally GB (anche se tutti lo chiamano ancora RAC). McRae vince vinto tre di questi quattro round a Silverstone, ma il problema al motore che gli capita più avanti invece consegna la vittoria a Burns.

Forse, a ragione, la casa del motorsport britannico in quel 1997 divenne la scena della vittoria finale di Richard in casa sua. Primo e finora unico campione del mondo di rally inglese. Nessuno dei due eroi del WRC è più tra noi, per ragioni che non avevano nulla a che fare con le loro carriere rallistiche.

In vita e in attività sportiva hanno attirato circa un milione di spettatori al Rally della Gran Bretagna, da Silverstone al Galles e oltre. In termini numerici il Rally RAC era la realtà più popolare, persino del Gran Premio di Gran Bretagna. McRae e Burns erano buoni amici, ma lottavano ad alto livello tra di loro ed era inevitabile che ci fosse stato un certo antagonismo, espresso con umorismo. Ma erano buoni amici.

A conferma del buon rapporto interpersonale, McRae, ogni tanto, chiamava Burns nel cuore della notte, in genere dopo qualche serata brava. ”Mi preoccupi un po’ – disse Richard una volta, ironicamente –. Tu chiami solo le persone che ti piacciono quando sei ubriaco. Pensi che io abbia qualcosa di particolare?”.