Fino a 1.300.000 euro per l'Audi quattro Sport S1

Quesnel racconta la storia dell’Audi da 1.300.000 euro

”Ovviamente sono andato a Montlhéry il giorno della gara e mi sono fermato all’improvviso davanti a un’Audi Quattro Sport S1. Mi sono detto: questa fa per me! Sono andato allo stand a parlare con il responsabile Audi, che mi ha detto che le auto non erano in vendita. Sono ripartito chiedendo Michèle Mouton di sostenermi e di chiarire che l’auto era per un museo”.

Fiore all’occhiello della vendita di sette vetture Gruppo B della collezione Hommell-Quesnel, l’Audi quattro Sport S1 in questione è un gioiello di straordinaria bellezza e originalità. Il tutto per una cifra compresa tra 1.000.000 e 1.300.000 euro. Non sembri tanto per questa vettura e per la sua singolare storia. Già che storia ha l’Audi col telatio numero 85 ZGA 905016?

Nel 1988, Michèle Mouton decise di organizzare la Corsa dei Campioni a Montlhéry, in omaggio a Henri Toivonen, scomparso al Tour de Corse 1986. La prima edizione si svolse il 4 dicembre e utilizzò un percorso allestito su parti del circuito ufficiale e tratti interni all’anello di velocità, alcuni in terra battuta.

La Corsa dei Campioni ospita gli ultimi otto campioni del mondo e si svolge sotto forma di una speciale cronometrata, in cui i piloti si succedono. Il “campione dei campioni” viene premiato con il trofeo Henri Toivonen che, in questa prima edizione, va a Juha Kankkunen, davanti a Timo Salonen.

Ma è Olivier Quesnel a raccontarci il resto della storia. “Michèle Mouton è venuta a trovarci in rue de Lille, dove si trovavano gli uffici del gruppo, e l’abbiamo aiutata un po’ a completare l’organizzazione dell’evento, in particolare in termini di comunicazione”. Inoltre, il programma prevedeva un trofeo speciale di Auto Hebdo.

“Ovviamente sono andato a Montlhéry il giorno della gara”, continua Olivier Quesnel, “e mi sono fermato all’improvviso davanti a un’Audi Quattro Sport S1. Mi sono detto: questa fa per me! Sono andato allo stand a parlare con il responsabile Audi, che mi ha detto che le auto non erano in vendita. Sono ripartito chiedendo Michèle Mouton di sostenermi e di chiarire che l’auto era per un museo”.

“Alla fine, dopo un lungo e molesto insistere, hanno accettato di vendermi l’auto. Poi sono andato a Ingolstadt e lì, nel cortile, c’erano diverse auto da corsa sotto il telone e, al centro, la Quattro S1 che mi avevano riservato, senza telone, con un cartello “Benvenuto Olivier!”. Era commovente”.

“Abbiamo fatto tutte le pratiche burocratiche con Audi AG, compreso un lungo contratto di vendita, e il mio team è andato a ritirare l’auto per riportarla a Bruno Saby a Grenoble, per la preparazione, prima che fosse inserita nel museo. Si scopre che quello stesso fine settimana, Bruno stava organizzando un evento di beneficenza sul circuito di velocità che risale alle Olimpiadi del 1968”.

“Quando ha visto la Quattro fermarsi sul rimorchio, è riuscito a convincermi a lasciargliela guidare. Gli ho solo chiesto di stare attento… Poi è arrivato Ari Vatanen, che mi ha chiesto lo stesso. E infine Michèle Mouton. Non potevo rifiutare! Ma il turbo si è rotto. Ne ho chiesto un altro all’Audi e, dopo la riparazione, l’auto è partita per il museo”.