Sei nel posto giusto per la ricerca che hai effettuato. Non perderti nessuna notizia o storia sui piloti e sui copiloti rally. Entra subito e scopri tutte le news di Storie di Rally.

Arnaldo Cavallari, uomo ordinariamente straordinario

Negli anni Settanta del secolo scorso, il mondo dei rally italiani era ricco di umanità e povero di interessi economici. Era un mondo goliardico in cui il divertimento era assicurato. Poi c’erano la Scuderia Tre Gazzelle e Arnaldo Cavallari.

Ci sono gli uomini ordinari, poi ci sono quelli eccellenti, carismatici. E poi ci sono gli uomini straordinari. Arnaldo Cavallari, pilota che ha contribuito in modo determinante alla crescita e all’affermazione dei rally in Italia, precursore della specialità rallystica e scopritore di Sandro Munari, era un uomo ordinariamente straordinario, un personaggio davvero incredibile.

C’erano le lotte col coltello tra i denti, come si suol dire, ma al termine della gara quell’agonismo estremo si trasformava in grandi abbuffate a tavola e facezie varie. E ogni tanto ci scappava anche qualche “scherzo malefico”… Era l’epoca in cui era famosa la Scuderia Tre Gazzelle, una palestra di talenti, un mare di goliardia, divertimento, scherzi. Un caso del tutto a parte tra le varie scuderie italiane. Era l’epoca in cui le scuderie avevano il giusto peso e si dedicavano veramente agli allievi.

A proposito, la Scuderia Tre Gazzelle editava un proprio giornale, i cui numeri ora sono pezzi da collezione, in cui gli avvenimenti e i personaggi venivano trattati in chiave umoristica, goliardica, caricaturale. Un esempio di questo giornalismo ce lo regala direttamente uno stralcio di un articolo tratto da un numero del 1974 del Giornale delle Tre Gazzelle. Un servizio che ironizzava sulle “tre anime” del rallysmo italiano, in cui quella veneta si ritiene superiore a quella ligure e a quella romagnola.

“Quelli del Veneto credono di aver inventato i rally, mentre invece devono convincersi che hanno solamente inventato Cavallari, che a sua volta crede di aver inventato i rally, mentre invece ha solo inventato Salvay, dopo averle tentate tutte con quel testone di Munari che, vistosi scartato, gliela ha fatta pagare e si è messo ad andare più forte di lui, così che adesso non dice più di aver inventato i rally, ma soltanto di essere un talent-scout”.

“Quelli del Veneto sono in tanti ed allora hanno deciso di farsi un campionato a loro uso e consumo che si chiama Triveneto proprio perché loro sono in tanti e quindi vengono divisi in tre gruppi: quello di Stochino, quello di Filippi e quello di Aleffi, che non è veneto, ma ha inventato una scuderia veneta dove chi fa il bello e il cattivo tempo è un milanese”, recitava l’articolo.

Arnaldo Cavallari alla guida della Lancia Fulvia HF
Arnaldo Cavallari alla guida della Lancia Fulvia HF

Però, corrisponde al vero quando si dice che Arnaldo Cavallari è l’uomo che ha “inventato” i rally in Italia, nel senso che lui e pochi altri personaggi dell’epoca indussero la Csai a dividere nettamente le corse di regolarità, in cui contava e conta solo mantenere certe medie orarie al millesimo di secondo, dai veri e propri rally, in cui la velocità in prova speciale era ed è determinante.

Cavallari fu lo scopritore di Sandro Munari

Altrettanto vero è che il campione italiano, originario di Fiesso Umbertiano, in provincia di Rovigo, ma da sempre residente ad Adria, fu lo scopritore di Sandro Munari. Quello che in futuro sarebbe diventato il “Drago” esordì come navigatore di Cavallari nel 1964. Anche Dante Salvay fu navigatore di Cavallari, uno dei pochi piloti dell’epoca che potevano vantare una laurea in economia e commercio, ma poi lasciò il ruolo e divenne soprattutto organizzatore di rally, molti dei quali famosi: Costa Smeralda, 999 Minuti, Lana…

È vero che Cavallari-Munari regalarono nel 1964 all’Alfa Romeo Giulia Ti Super la prima vittoria nei rally, al termine della prima edizione del Rally San Martino di Castrozza, mentre De Adamich-Scarambone (sempre Jolly Club) si imponevano nel Rally dei Fiori. Altrettanto vero è che Cavallari e Salvay furono i vincitori della prima edizione del Rally dell’Isola d’Elba. A proposito di Autodelta, mi sia concessa una disgressione: nella storia di questo team è scritto che nel 1966 la Alfa Romeo Giulia GTA ottiene un prestigioso successo nei rally.

Arnaldo Cavallari e Dante Salvay si aggiudicano la Mitropa Cup, proprio mentre l’Autodelta veniva consociata all’Alfa Romeo e Carlo Chiti ne diventava il direttore. E sono vere tantissime altre cose, come il fatto che sia il re del pane (anche in questo caso l’ex pilota ritiene di essere stato l’inventore) e le belle donne… E vero era anche che Veneto, Trentino e Friuli si sono sempre considerati una scuola superiore, tanto da farsi un proprio campionato.

L’avvocato Luigi Stochino era l’inventore del famoso Rally San Martino di Castrozza, mentre Ceo Filippi era un vicentino organizzatore delle prime cinque edizioni del Rally Campagnolo, e Salvatore Aleffi (ex pilota di regolarità che correva con lo pseudonimo “Ra”) gran capo milanese della ricca scuderia triestina 4 Rombi-Lloyd Adriatico.

Nel suo percorso professionale, Cavallari, classe 1932 (è nato ad Adria), è detentore di quattro titoli italiani assoluti (Cir 1962 e 1963 con Alfa Romeo Giulietta Ti, Cir 1964 con Alfa Romeo Giulia GT e Cir 1968 con Lancia Fulvia 1.3 HF), uno in Gruppo 3 (Cir 1971), una Coppa Mitropa 1966 (campionato tra Austria, Germania e Italia, attuale Mitropa Rally Cup) e un Trofeo Internazionale Rally (per il miglior italiano nelle gare estere) sempre nel 1966. In un periodo i rally erano maratone massacranti, organizzati per mettere a dura prova le vetture e gli equipaggi, oltre che per divertire il pubblico, che infatti era più numeroso e più qualitativamente consapevole di quello attuale.

Leggende e aneddoti su Arnaldo Cavallari

Sono tante le leggende che aleggiano intorno ad Arnaldo. Una che vale sempre la pena ricordare è relativa alla vittoria del titolo tricolore del 1971 in Gruppo 3. Si disputava la gara decisiva all’assegnazione, il Rally San Martino di Castrozza. Cavallari aveva l’acceleratore fuori uso, si era spezzato il cavo, e allora impose al navigatore “Gianti” Simoni di mettersi praticamente nel cofano e fare l’acceleratore umano.

La macchia scura che si vede all’interno del cofano è il sangue che fuoriusciva dal cuoio capelluto di Simoni a causa delle botte che il malcapitato prendeva dal cofano. Il poveretto, infatti, si era levato il casco perché i colpi del cofano glielo abbassavano sugli occhi. Ad un certo punto il navigatore svenne, ma Cavallari lo svegliò con due schiaffi. Riuscirono a finire la prova speciale stando dentro il tempo imposto per un solo secondo.

Alla fine furono dodicesimi assoluti e vinsero il titolo nazionale di Gruppo 3 (Gran Turismo). Prima dei titoli del Cir, nel 1954, Cavallari era risultato campione italiano universitario di automobilismo.

Di Cavallari va detto che, oltre ad essere un pilota straordinario, lasciati i rally, nel 1977 fonda il Panatlon Club di Adria, nel 1979 crea i “100 Metri della Speranza” contro il cancro, nel 1981 la “Marcia della Speranza” contro la distrofia, nel 1982 fonda la rivista “Altamarea”, l’anno successivo inventa la ciabatta polesana, e nel 1984 organizza il primo Rallly del Pane. Nel 1988 diventa presidente della squadra di calcio Adriese e nel 1990 s’inventa la ciabatta Italia. Otto anni dopo fa registrare il record del panino più lungo del mondo 4.381 metri.

Nel 1999 – fonda L’Accademia del Pane. Da qui la promozione di Adria Cittá del Pane, la rivista Il Delta, il libro Una vita nel sole (un libro ormai introvabile), l’invenzione della ciabatta natura, del pane toscano natura, della pizza natura e così via dicendo… Poi, il 2 aprile 2016, ha dato l’ultima accelerata e ha salutato la compagnia.

Andrea Crugnola e l’occasione nel Campionato del Mondo Rally

Vedi oggi Andrea Crugnola e ti viene in mente quando era giovanissimo e il suo impegno, la sua grinta e i suoi sponsor, si trovarono ad avere la prima vera possibilità di emergere nei rally. In quelli Mondiali. Andrea Crugnola se la giocava bene sulle PS del WRC.

Prima di vincere due titoli nel Campionato Italiano Rally Asfalto e risultare uno dei migliori protagonisti del CIR, oltre che uno dei piloti con maggiore talento e competenza che il made in italy possa offrire, Andrea Crugnola se la giocava bene sulle PS del WRC. Quando è arrivata l’occasione mondiale di Crugnola?

Era il 28 ottobre 2010, quando il varesino Andrea Crugnola, portacolori del team Borrelli Group, fu promosso a pieni voti alla selezione rally per giovani talenti organizzata in Catalunya da FIA e Pirelli. L’alfiere della squadra di Buguggiate superò brillantemente la selezione al volante della Ford Fiesta R2 su sterrato, asfalto e in un colloquio in inglese con la stampa internazionale.

Crugnola ebbe l’opportunità di correre gratis in sei gare europee della nuova categoria che andava a sostituire il JWRC nel 2011 e anche in quella veste rappresentava i colori del team Borrelli che lo aveva sostenuto nelle tre stagioni agonistiche precedenti: 2008, 2009 e 2010. Il pilota di Calcinate del Pesce, piccolo borgo alle porte di Varese, ha brillato nella selezione tra sedici giovani talenti ammessi alla WRC Rally Academy in Spagna, in occasione della tappa iridata iberica 2010.

Dopo aver effettuato tre esami, fu promosso a pilota ufficiale FIA-Pirelli nella nuova categoria che nasceva dalla fusione tra il Mondiale Rally Junior e il Pirelli Star Diver. Il progetto si realizzava con il sostegno dell’allora Csai, che aveva candidato Crugnola come giovane italiano di successo, vincitore di Coppe Csai 2008 e 2009 nell’ambito Tofeo Asfalto e Campionato Italiano, oltre che protagonista del Campionato Italiano Junior e del Trofeo Renault Clio R3 2010.

Mentre la selezione in Catalunya è avvenuta al volante della Ford Fiesta R2, la preselezione ad Antibes, in Francia, era avvenuta sulla Renault Clio R3. Erano sedici i giovanissimi talenti giunti in Spagna per guadagnarsi un volante ufficiale nel 2011. Provenivano da diverse zone: Africa, Asia-Pacifico, Sudamerica, Medio Oriente ed Europa.

Andrea Crugnola con la Renault Clio R3T nel JWRC
Andrea Crugnola con la Renault Clio R3T nel JWRC

Dopo tre prove speciali su asfalto e terra ed un’attenta valutazione personale con un colloquio in lingua inglese, questi i nomi dei sei piloti promossi: dall’Italia Andrea Crugnola, 21 anni; dalla Svezia, Fredrik Ahlin, 19 anni; dall’Irlanda Craig Breen, 20 anni; dall’Australia Molly Taylor e Brendan Reeves, 22 anni; dalla Repubblica Ceca Jan Cerny, 20 anni.

”Si realizza un sogno, per me, la mia famiglia e il gruppo di miei amici capitanati da un personaggio dal cuore immenso, Alessandro Borrelli, che mi sta aiutando in tutto dal 2008, in pratica dal mio esordio nei rally – mi diceva all’epoca Crugnola -. Da giovedì 21 a domenica 24 ottobre la pressione sui sedici piloti da selezionare è stata pesantissima. Corsi di guida sportiva, prove speciali su terra, asfalto, interviste in inglese con la stampa internazionale”.

”Era la prima volta che correvo su una Ford Fiesta R2, ottima con assetto racing Pirelli. Ho cercato di dare il meglio con il mio navigatore Giulio Turatti, su asfalto e sterrato veloce. Anche in inglese, davanti a tanti giornalisti di tutto il mondo, spero di essermela cavata bene: il team Borrelli per due anni mi ha ”spedito” in un college vicino a Londra per imparare l’inglese”.

Bilanci, ringraziamenti, emozioni, tutto passa a velocità siderale tra mente e cuore di un Andrea Crugnola frastornato ed in partenza per il rally europeo del Vallese. ”Senza la passione della mia famiglia, l’aiuto concreto di Alessandro Borrelli, l’amicizia del team diretto da Luca Mazzola, Stefano Bessi, Mario Oldani, Robi Rettani, ”Fester” e i consigli del commissario Sandro Tibiletti, non ce l’avrei mai fatta”.

”Con me vince Varese, la Lombardia e l’Italia che esprime l’amore per i rally. Lo so, ora viene la parte più dura della mia vita, quella professionistica, quella che sognavo da sempre: gli esami per me iniziano adesso. Spero che i tanti tifosi che mi hanno sostenuto nelle gare nazionali, nel Tra e nel Cir continuino a seguirmi. Ora il gioco si fa duro e l’amicizia sincera per me è benzina vincente. Spero di ripagare nel 2011 amici, tecnici ed appassionati che sin qui mi sono stati vicini”.

Tratto da 100 anni di Storie di Rally 1 – Marco Cariati

Rally Costa Smeralda 2010: Andreucci fa cinquina nel CIR

Il penultimo appuntamento del Campionato Italiano Rally 2010, che ha avuto luogo in Sardegna, è stata una delle gare più divertenti di quella stagione e consegnò, con una gara di anticipo tra l’altro, il titolo tricolore a Paolo Andreucci, portacolori di Peugeot Italia e con alle note Anna Andreussi, mentre la gara fu vinta da Kris Meeke.

Nel 2010 succedevano tante cose, tra queste c’è il quinto titolo in carriera di Paolo Andreucci. È il 14 ottobre 2010 quando, con il terzo posto assoluto, ottenuto in un difficile Rally Costa Smeralda, Paolo Andreucci e Anna Andreussi, sulla Peugeot 207 Super 2000, si confermano campioni italiani rally della specialità per il secondo anno consecutivo (poi vinceranno anche nel 2011 e nel 2012). Festeggia anche Peugeot che, invece, incassa il terzo trionfo in campo nazionale.

È bastato un terzo posto. Ma chi ha vinto? Cinque successi sulle sette prove speciali disputate, la dicono lunga sul fine settimana di Kris Meeke in Costa Smeralda. Un ruolino di marcia che fotografa alla perfezione che sugli sterrati sardi, il nordirlandese reclutato per l’occasione dalla Peugeot Italia, non ha avuto avversari.

Padrone del campo fin dal primo tratto cronometrato, il Rosso cresciuto sotto gli occhi attenti dell’indimenticato Colin McRae, a fine gara ha poi reso onore agli avversari che in qualche modo hanno cercato di contrastarlo. A cominciare da Paolo Andreucci, il compagno di squadra che con il terzo posto finale si è aggiudicato per la quinta volta in carriera il prezioso triangolino tricolore.

Il successo di Ucci-Ussi è stato favorito soprattutto dal ritiro di Luca Rossetti, suo rivale in classifica, uscito di strada per una foratura con la sua Abarth Punto Super 2000 nel corso della prima tappa. A vincere la graduatoria assoluta della gara sarda, però, è stato un equipaggio straniero, Kris Meeke e Paul Nagle, con un’altra 207 Super 2000, che hanno preceduto Jan Kopecky e Petr Stary, con la Skoda Fabia Super 2000.

Alle spalle di Andreucci, che ha completato il podio, si sono classificate le Abarth Punto Super 2000 di Giandomenico Basso e Renato Travaglia. Se la gioia è il sentimento a prevalere sotto le tende della Peugeot, gli uomini dell’Abarth avevano lo sguardo basso. Il ritiro amaro di Rossetti e le forature che hanno messo fuorigioco le Punto di Basso (foto qui sopra) e Travaglia hanno tarpato le ali alla squadra Abarth, anche in ottica del Campionato Costruttori.

Con una sola gara ancora da disputare, sull’asfalto del Rally di Como, tra poco più di una settimana, soltanto una tripletta potrebbe ancora regalare il titolo alla squadra torinese. Possibile, certo. Ma i recenti risultati sull’asfalto del Friuli e del Sanremo non dovrebbero garantire troppi sogni a tale proposito proposito.

Quell’anno, per chi non ricordasse, Andreucci, sempre insieme alla Peugeot e alla Pirelli, parte la campagna di difesa del titolo tricolore vincendo subito il Rally 1000 Miglia. Successivamente, al Rally dell’Adriatico, si classifica quinto a causa di vari problemi. Anche al Salento si deve piegare agli avversari, ma nelle tre gare successive, San Marino, Friuli e Sanremo, arriva sempre primo.

Al Costa Smeralda si classifica secondo e a Como settimo. A conclusione della stagione, delle otto gare valide ne vince quattro e si laurea campione italiano rally 2010 battendo, come detto, un’altra volta il rivale Luca Rossetti sempre sulla Grande Punto S2000. In questo modo, conquistando il quinto titolo assoluto di Campione Italiano Rally, raggiunge il suo amico e ”maestro” Dario Cerrato il quale aveva, in passato, già conquistato la quota record di cinque titoli di campione italiano.

Tratto da 100 anni di Storie di Rally 1 – Marco Cariati