Richard Burns, Peugeot 206 WRC

Peugeot 206 WRC: storia delle frecce d’argento francesi

Se la sua capostipite del Gruppo B, la 205 T16, era un’auto per uomini delle caverne, la 206 WRC era il bisturi di un chirurgo. Le maniglie circolari in plastica delle portiere e le cornici dei fari erano tutto ciò che era stato ripreso dalla 206 stradale. La Peugeot sfruttava le regole relativamente “morbide” della FIA che, naturalmente, non prevedevano che fosse necessario costruire una costosa omologazione speciale per la strada.

Un imponente cavalcavia di cemento, le sponde erbose su entrambi i lati strapiene di persone, migliaia di fans, molti dei quali “armati” di bandiere e striscioni spagnoli. Onde di entusiasmo esuberante e febbrile esplodono ad ogni auto che passa e va veloce verso lo stretto tornante a sinistra. Ci sono anche le compatte Peugeot 206 WRC, che spingono come delle dannate.

Questa “curva” di tifosi al Rally di Spagna 2002 racchiude la popolarità, a volte selvaggia, dei rally a cavallo tra il vecchio e il nuovo millennio. Ricorda i giorni felici del Gruppo B di metà anni ’80, quando una pletora di Costruttori si accalcava al Campionato del Mondo Rally. E i “Silver Bullets” di Peugeot erano davanti e al centro.

Non solo hanno restituito il titolo al marchio francese per la prima volta da quando la 205 T16 aveva compiuto la stessa impresa nel 1985 e nel 1986, ma hanno anche fatto meglio, conquistando la corona per tre volte di seguito, dal 2000 al 2002.

A differenza delle grandi, squadrate e pratiche berline come la Subaru Impreza WRC e la Mitsubishi Lancer Evo WRC, che erano diventate comuni (e dominanti), la Peugeot 206 relativamente graziosa era una proposta completamente diversa: compatta, sinuosa e agile come una mosca, con tutte le quattro ruote proprio agli angoli.

Se la sua capostipite del Gruppo B, la 205 T16, era un’auto per uomini delle caverne, la 206 WRC era il bisturi di un chirurgo. Le maniglie circolari in plastica delle portiere e le cornici dei fari erano tutto ciò che era stato ripreso dalla 206 stradale. La Peugeot sfruttava le regole relativamente “morbide” della FIA che, naturalmente, non prevedevano che fosse necessario costruire una costosa omologazione speciale per la strada.

Questo ha consentito alla Peugeot 206 WRC di essere specificatamente progettata per il Mondiale Rally, campionato in cui ha gareggiato dal 1999 al 2003 vincendo due volte il titolo piloti con Marcus Grönholm (2000 e 2002), tre volte quello Costruttori (2000-2002).

Nonostante fosse un’auto piccola, la 206 WRC era ricca di tecnologia all’avanguardia, dalla suite dei sistemi elettronici, inclusi quelli che controllavano i differenziali, all’insolito cambio montato longitudinalmente dietro il motore, trasversale da 2 litri turbo. Peugeot aveva sviluppato anche degli ammortizzatori tutti suoi per questa vettura. Tutto questo concentrato di ricerca e sviluppo aveva dotato la 206 di un’incredibile potenziale e, in definitiva, di un vantaggio sui suoi rivali.

Con soli 382 cm, la 206 aveva un problema: come allungare una vettura nata per una diversa utenza per raggiungere il minimo richiesto dalla FIVA per l’omologazione: i 400 cm. La soluzione fu trovata creando dei paraurti leggermente più lunghi rispetto a quelli di serie montati sulla 206 GTi. Una volta trovata la soluzione di 206 GT (questo diventò la nuova denominazione) ne vennero realizzate 4.000, permettendo alla casa di Sochaux di realizzare la definitiva: la 206 WRC.

Ha partecipato a cinque edizioni del mondiale WRC ottenendo cinque titoli e vincendo 24 prove della serie iridata, 15 con Marcus Grönholm, che si è laureato due volte campione del mondo. Era equipaggiata con un 2000 turbo in grado di erogare 300 cavalli dichiarati. Le prestazioni erano sorprendenti per un’auto così leggera infatti accelerava da 0-100 in appena 4 secondi per una velocità massima di circa 220 km/h. Poi le prestazioni cambiavano a seconda della messa a punto del cambio per i vari tracciati.

In realtà, il suo motore sviluppava la potenza di 325 CV con una flangia da 34 mm imposta dal regolamento FIA. Si basava sulla 206 GT, prodotta in serie limitata di 4000 vetture stradali, derivata dalla 206 S16/GTI, progettata e sviluppata dall’ingegnere francese Michel Nandan e infine sostituita nel 2004 con la Peugeot 307 WRC. Dopo il 2005 circolarono voci secondo cui la scomparsa della 206 nel WRC fosse dovuta a un problema ricorrente al cambio, ma di ciò non se n’è mai avuta conferma ufficiale, ma neppure smentita.

Peugeot 206 WRC
Peugeot 206 WRC

I piloti della Peugeot 206 WRC

  • Gilles Panizzi
  • Francois Delecour
  • Marcus Gronholm
  • Sebastian Lindholm
  • Didier Auriol
  • Harri Rovanperä
  • Richard brucia
  • Renato Travaglia
  • Andrea Aghini (privato)
  • Olivier Burri (privato)
  • Luis Monzón
  • Adruzilo Lopes
  • Miguel Campos
  • Freddy loix
  • Bruno Thiry
  • Sebastian Lindholm
  • Nicolas Bernardi
  • Alexandre Bengue
  • Jean-Marie Cuoq
Corsi e ricorsi: 4 clamorosi annullamenti dell'ultimo minuto
Peugeot 206 WRC

Titoli della vettura francese

  • 2000, 2001 e 2002: campionato mondiale di rally costruttori
  • 2000 e 2002: Marcus Grönholm due volte campione del mondo nei rally piloti (WRC), supportato da Gilles Panizzi , oltre che da Didier Auriol la prima stagione
  • 2000 e 2002: Timo Rautiainen due volte campione del mondo nei rally per navigatori
  • 2000, 2002, 2003, 2004 e 2006: Sebastian Lindholm campione finlandese di rally (Gruppo A)
  • 2001: Luís Monzón campione spagnolo di rally (asfalto)
  • 2000, 2001, 2002 e 2005: János Tóth campione rally d’ Ungheria
  • 2001 e 2002: Adruzilo Lopes poi Miguel Campos campione portoghese di rally
  • 2001 e 2002: Jean-Luc Pailler Campione Francese di Rallycross
  • 2002 e 2003: Renato Travaglia poi Bruno Thiry campioni europei di rally piloti (ERC)
  • 2002: Renato Travaglia campione italiano rally (asfalto)
  • 2002: Luis Monzón campione delle Isole Canarie nei rally
  • 2003 e 2005: Alexandre Bengué poi Nicolas Bernardi campione francese di rally (asfalto)
  • 2004: Claudio De Cecco vincitore della Mitropa Rally Cup
  • 2005 e 2006: Giuseppe Grossi campione italiano rally (terra)
  • 2005 e 2010: Jean-Marie Cuoq campione francese di rally (stere; nel 2010 anche con la Peugeot 307 WRC )
  • 2000 e 2001: Adruzilo Lopes poi Miguel Campos vicecampione del Portogallo
  • 2001 e 2003: Adruzilo Lopes poi Miguel Campos vicecampione d’Europa
  • 2001: Renato Travaglia vicecampione d’Italia (asfalto)
  • 2001: Renato Travaglia 3 e Campionato Europeo
  • 2002: Bruno Thiry vicecampione del Belgio
  • 2004: Alexandre Bengué vicecampione di Francia (asfalto)
  • 2005: Patrick Henry vice-campione di Francia (asfalto)

Vittorie della 206 WRC in tutti i rally

  • WRC (24): Svezia 2000, 2001, 2002 e 2003, Nuova Zelanda 2000, 2002 e 2003, Finlandia 2000, 2001 e 2002, Australia 2000, 2001 e 2002, Corsica 2000 e 2002, Sanremo 2000, 2001 e 2002, Catalogna 2001 , 2002 e 2003, Gran Bretagna 2001, Cipro 2002, Argentina 2003
  • ERC (29): Centro del Portogallo 2000, 2001 e 2002, Budapest 2001, 2002, 2003 e 2004, 1000 Miles 2001, 2002 e 2003, Salento 2001 e 2002, Madeira 2001, 2002 2003, Wool 2001, Eastern Alps 2001, La Coruna 2001, Siocco e Serchio 2002, Ypres 2002 e 2003, Condroz 2002, San Marino 2002, Turchia 2003, Bulgaria 2003, ELPA 2002 e 2003, Antibes 2002 e 2003, Cecoslovacchia 2002, Sardegna 2003, Isole Canarie 2003, Polonia 2003
  • Finlandia (22): inclusi Valvoline (4), Exide (3) e Finnsco (1)
  • Portogallo (19): Póvoa 2000, 2001 e 2002, Centro del Portogallo 2000, 2001 e 2002, Porto 2000 e 2002, Portogallo (WRC) 2000 e 2002, Espinho 2001 e 2002, Algarve 2001 e 2002, Azzorre (ERC) 2001, Madeira 2001 e 2002, Figueira da Foz 2002, Dão 2002
  • Francia (13): Corsica (WRC) 2000, Lyon-Charbonnières 2004, Limousin 2004 e 2005, Touquet 2004 e 2005, Cévennes 2004 e 2005, Var 2004 e 2005, Alsace-Vosges 2005, Rouergue 2005, Mont-Blanc 2005
  • Ungheria (> 10): compresi Budapest 2001, 2002, 2003 e 2004
  • Italia (9): 1.000 Miglia 2001 e 2002, Salento 2001 e 2002, Laine 2001, Alpi Orientali 2001, Siocco e Serchio 2002, San Marino 2002, Saint Martin de Castrozza 2002
  • Francia (9) (terreno): Auxerrois 2005 e 2010, Provence 2005, Langres 2005, Causses Rouergats 2005 e 2010, Cardabelles 2005 e 2009, Vaucluse 2009
  • Spagna (8): Salou 2001, La Coruna 2001, Llanes 2001, Avila 2001, Rías Baixas 2001, Asturie 2001, Ventimiglia 2001, Madrid 2001
  • Belgio (5): Condroz 2002 e 2003, Ypres 2002 e 2003, Haspengouw 2005
  • Estonia (2): Talinn 2004 e 2006
  • Germania (1): Eiffel 2004