Perché Michele Cane era chiamato ”Villeneuve dei rally”

Michele Cane e Renzo Melani in gara con la Opel Kadett GTE

Il suo copilota Rolando Maulini ha confermato che “effettivamente Michele in macchina era ‘matto’, nel senso che prima di tutto veniva lo spettacolo poi tutto il resto, comprese gestioni di gara garibaldine che spesso erano più importanti dell’arrivare in fondo. Un fuoriclasse, un funambolo del volante, che incantava gli spettatori in ogni curva di ogni…

Sostieni Storie di Rally abbonandoti. Leggi tutti gli articoli senza pubblicità e accedi alla sezione Premium per leggere tantissime storie e aneddoti pubblicati sui nostri libri. Chi non usa PayPal può effettuare un bonifico sull’IBAN IT64L0326801012052977241590 di Banca Sella, aggiungendo nella causale nome, cognome e indirizzo mail
Basic, Bronze, Gold, e Silver
Abbonati