Paolo Andreucci, Rally Costa Smeralda 2008

Paolo Andreucci vince il Costa Smeralda con la Mitsubishi

In testa il distacco tra Andreucci e Rossetti rimane praticamente invariato, sono 42 secondi che ora dividono i due al comando. Dietro Ceccoli continua in terza posizione anche se Navarra si è ormai portato a soli 30”. Un vantaggio che, a due prove dal termine, sembra però sufficiente a permettere al pilota di San Marino di stare davanti al Cesenate. Andrea Navarra continua all’attacco vincendo anche la penultima prova e portandosi a soli 10” da Ceccoli che lo precede nella corsa al terzo posto. Ma la storia ormai è scritta…

Paolo Andreucci e Anna Andreussi, si sono aggiudicati il 27° Rally della Costa Smeralda gara valida per il Campionato Italiano Rally e per il Trofeo Rally Terra. Al secondo posto hanno chiuso a 40”6 i friulani Luca Rossetti e Matteo Chiarcossi, Peugeot 207 Super 2000, che con questo risultato si confermano al comando del Tricolore. Il Campionato Italiano Rally rimane ancora aperto proprio fra i primi due della gara sarda, con il pilota della Mitsubishi e quello della Peugeot, attualmente al comando, che se lo giocheranno nelle rimanenti due gare della serie; il Rallye di Sanremo ed l Rally di Como.

Tutto deciso invece nel Trofeo Rally Terra con i veneti Mauro Trentin e Flavio Zanella, Peugeot 207 Super 2000, che si sono aggiudicati ormai aritmeticamente la serie nazionale quando al termine manca ancora un appuntamento. In questo caso ad essere decisivo è stato il capottamento, nella prima prova odierna, di Andrea Aghini, Subaru Impreza N14, l’unico a poterlo ancora infastidire. Trentin ha concluso terzo tra i partecipanti al Trt dietro a Ceccoli su Mitsubishi Lancer EVO IX e l’altro sammarinese Federico Martelli su Peugeot 207 S2000.

All’inizio della seconda tappa ci sono in programma ancora otto prove, pari a 90 chilometri cronometrati. Partenza alle 6.45 dal parco assistenza di Olbia. La prima prova quella di Brainatogghiu è decisiva ma non per il tricolore rally ma per il Trofeo Rally Terra. Andrea Aghini infatti si capotta distruggendo la sua Subaru Impreza ed ogni possibilità di vincere il Trofeo Rally Terra che, va già al bravo Mauro Trentin, che con la sua Peugeot 207 Super 2000, deve ora pensare solamente ad andare all’arrivo senza fare danni. Per quanto riguarda l’assoluta ed il tricolore Paolo Andreucci fa capire a tutti fin dal mattino che non ha nessuna intenzione di mollare.

Nel primo giro il toscano realizza il miglior tempo in tutte le speciali, arrivando al primo parco assistenza di Olbia con 42”9 di vantaggio su Luca Rossetti. Il friulano non attacca più di tanto e si gode in solitudine la seconda posizione anche perché nel frattempo si è ritirato Uwe Nitel, doppia foratura, mentre Andrea Navarra ha perso oltre 1’30”2 per una foratura. In terza posizione si trova così il sanmarinese Ceccoli che però è distaccato dalla testa di oltre 1’50”. Navarra retrocede in quarta davanti alla due Peugeot 207 Super 2000 di Martelli e Dedo. Nell’ultima prova prima del parco si ritira Marco Signor che era primo tra gli indipendenti, per una serie di problemi meccanici. Si va, quindi, sul secondo giro delle tre prove del mattino. La prima è di Andreucci, la seconda e la terza sono invece di Andrea Navarra che si trova perfettamente a suo agio sulle strade sterrate della Gallura.

In testa il distacco tra Andreucci e Rossetti rimane praticamente invariato, sono 42 secondi che ora dividono i due al comando. Dietro Ceccoli continua in terza posizione anche se Navarra si è ormai portato a soli 30”. Un vantaggio che, a due prove dal termine, sembra però sufficiente a permettere al pilota di San Marino di stare davanti al Cesenate. Andrea Navarra continua all’attacco vincendo anche la penultima prova e portandosi a soli 10” da Ceccoli che lo precede nella corsa al terzo posto. Navarra si ripete anche sull’ultima ma Ceccoli mantiene la terza posizione nell’assoluta per un solo secondo.

Pianeta Rally: libri, riviste moda, giochi, modellismo