La copertina del libro di Antonio Biasioli dedicato alla Opel Kadett GT/E

Opel Kadett GT/E, la 1ª edizione di Antonio Biasioli

La prima edizione del libro di Antonio Biasioli sulla Opel Kadett GT/E, con tantissime foto, tutte dedicate alla tedesca da rally, principessa indiscussa dei rally di ieri. 

Opel Kadett GT/E, tutto ebbe inizio quando nel settembre del 1975 quando, assieme alla City Lusso (con allestimento simile alle Lusso a tre volumi), debuttò la Kadett Coupé GT/E, spinta da un 4 cilindri di 1,9 litri dotato dell’iniezione Bosch J-Tronic che erogava 105 cavalli, che divenne ben presto la base ideale per farne una vettura da corsa.

Un’auto con cui hanno corso tantissimi grandi piloti, da Walter Rorhl ad Amilcare Ballestrieri, da Jean-Pierre Nicolas a Rauno Aaltonen. Il libro traccia la storia della Opel Kadett dalla sua prima versione, apparsa nel 1962, fino all’ultima versione 2000 GT/E. Quindi, appunto, dalla fine del 1975, quando viene affidata a Walter Rohrl una Gruppo 2 con motore 1,9 litri a carburatori derivato dalla Manta con 160 cavalli.

I buoni risultati ottenuti spronano la Opel a una successiva omologazione in Gruppo 4 dove fa debuttare un motore con 230 cavalli a 7.400 giri, con 16 valvole. Nel 1976 le vetture ufficiali patiscono purtroppo molte noie specialmente di surriscaldamento in quanto troppo esasperate nella preparazione dei motori.

La Kadett è una protagonista indiscussa dei rally fine anni Settanta con i suoi Gruppi 1 e 2. La Gruppo 1 è un’affinamento del prodotto di serie, quindi il motore viene bilanciato, la testa pulita, cresce il rapporto di compressione,l’albero motore viene sostituito con un tipo sempre omologato per il Gruppo 1 con la stessa alzata di quello di serie, ma con profili differenti, eccetera. Viene anche modificato l’assetto e i sistemi di sicurezza.

La Gruppo 2, invece, viene interamente elaborata, dal telaio irrobustito a tutto il gruppo delle sospensioni, incluso la modifica dell’impianto frenante, della carrozzeria, parafanghi con l’uso di codolini, eccetera. Il motore può essere sia a carburatori, soluzione diffusa in quanto più semplice da sviluppare e gestire, sia ad iniezione meccanica.

Con una preparazione completa il motore eroga dai 160 ai 190 cavalli a seconda del tipo di elaborazione. Infine, c’è la Gruppo 4, che rappresenta il massimo sviluppo della Kadett GT/E: motori a 16 valvole o a testa radiale in alluminio, con potenze che arrivano fino a 230 cavalli.

A livello di telaio le differenze con la vettura omologata in Gruppo 2 si trovano nei cerchi e nell’impianto frenante con quattro autoventilanti. Biasioli si sofferma poi a descrivere le varie versioni rally, con molti particolari ed una carrellata delle gare e dei successi mietuti da queste auto che, come scrive giustamente l’autore: “Hanno l’affidabilità assoluta ed il controsterzo nel sangue”.

Moltissime foto a colori, che la ritraggono anche nelle sue partecipazioni alla Targa Florio in edizione rallystica. Imperdibile per gli amanti della granturismo tedesca. Questa edizione è una rarità assoluta, andata esaurita. L’autore ha stampato una seconda edizione con oltre cinquanta pagine in più e tante nuove immagini inedite. Ma questa prima edizione resta un pezzo da collezione. 

Se è di tuo gradimento, puoi acquistare il libro direttamente dal blog Storie di Rally al miglior prezzo, oltre che con le garanzie e la formula soddisfatti o rimborsati di Amazon. Al fondo della scheda trovi l’apposita finestra per procedere all’acquisto.

la scheda

OPEL KADETT GT/E FUNNY CAR (1ª edizione)

Autore: Antonio Biasioli

Volumi: collana editoriale Monografie da Rally

Copertina: rigida con sovracopertina

Pagine: 143

Immagini: 325 in bianco e nero e a colori

Editore: Elzeviro Editrice

Prezzo: 50 euro

ISBN: 978-8-8889392-0-9

Acquista

Guarda il video