Sébastien Ogier, Rally del Messico 2016

Ogier-Ingrassia e il ”muro” di vacche al Rally del Messico

È la prova dell’incredibile capacità di Sébastien Ogier di guidare. È ciò che rende il francese il secondo più grande campione del mondo rally della storia. Non è la prima volta che il campione francese incontrava un ostacolo inaspettato al Rally del Messico, nel 2013 si era imbattuto in un cancello chiuso durante una delle prove speciali.

La Volkswagen Polo R di Sebastièn Ogier riesce a evitare una mandria di mucche per un pelo. Succede nei primi giorni di marzo del 2016 al Rally del Messico. Le telecamere del WRC hanno ripreso l’intero incidente, che Ogier ha descritto come “un breve momento di terrore”, non che non lo avessimo capito dal suo viso dopo che è sceso dalla vettura, anche se non tradiva un accenno di emozione mentre infilava la barricata bovina.

È la prova dell’incredibile capacità di Ogier di guidare. È ciò che rende il francese il secondo più grande campione del mondo rally della storia. Non è la prima volta che Ogier incontrava un ostacolo inaspettato al Rally del Messico, nel 2013 si era imbattuto in un cancello chiuso durante una delle prove speciali. Se in quell’occasione Ogier ha continuato a vincere, in questa occasione ha dovuto aiutare il compagno di squadra finlandese Jari-Matti Latvala, diventato poi il suo team manager in Toyota.

Pianeta Rally: libri, riviste moda, giochi, modellismo