Fiat 131 Abarth, Rally 1000 Laghi 1976

Mondiale Rally 1976: la 131 vola al 1000 Laghi

Non esiste rally al mondo che sottoponga sospensioni e scocca di una macchina alle sollecitazioni del 1000 Laghi. La corsa, che si chiama così perché si svolge In una zona ricchissima di specchi d’acqua, tra foreste immense, è caratterizzata da una serie quasi continua di dossi. I piloti guidano a forte andatura per strette piste sterrate, volando su e giù per centinaia di chilometri. Occorre una tecnica di guida particolare – e, Infatti, mai nessun specialista non scandinavo è riuscito ad imporsi – ed una vettura di eccezionale robustezza e preparazione.

Dopo i successi della Lancia con la Stratos nel Rally di Svezia, a fine agosto 1976 la Fiat ha colto una sensazionale affermazione in quello finlandese dei Mille Laghi. Markku Alen ed llka Kivimakì hanno battuto con la loro Abarth 131 Rally un imponente schieramento di vetture, dalle Ford alle Saab, dalle Opel alle Toyota e fino alla Datsun. Si tratta di un successo importante, Il primo della 131 in una prova del Mondiale Rally e iI primo di una Marca italiana in questa difficilissima e probante gara, che è famosa non solo in Scandinavia ma anche in Gran Bretagna.

Non esiste rally al mondo che sottoponga sospensioni e scocca di una macchina alle sollecitazioni del 1000 Laghi. La corsa, che si chiama così perché si svolge In una zona ricchissima di specchi d’acqua, tra foreste immense, è caratterizzata da una serie quasi continua di dossi. I piloti guidano a forte andatura per strette piste sterrate, volando su e giù per centinaia di chilometri. Occorre una tecnica di guida particolare – e, Infatti, mai nessun specialista non scandinavo è riuscito ad imporsi – ed una vettura di eccezionale robustezza e preparazione.

Alen e Kivimakì sono finlandesi, entrambi scapoli. Marku è nato ad Helsinki il 15 febbraio 1951, llka a Salo il 20 luglio 1949. Hanno sempre corso insieme, cominciando l’attività nel 1969. Nella squadra Fiat Abarth dal 1974, hanno vinto nel 1975 il Rally del Portogallo e quest’anno quello dell’Isola d Elba, oltre ad ottenere notevoli piazzamenti (secondi al Press-on-Regardless Rally americano nel 1974, terzi a Montecarlo nel 1975).

La 131 Abarth Rally sostituisce dall’inizio dell’anno II glorioso spider 124. Si tratta, come noto, di un modello nato dalla gamma 131, quindi un modello di grande serie adattato alle competizioni. Proprio la Indovinata impostazione di base della Mirafiori ha permesso ai tecnici Fiat ed Abarth di sviluppare una automobile subito vincente: esordio all’Elba in aprile con un “doppietta” sensazionale, secondo posto nel Rally dei Tulipani, primo a San Giacomo, secondo nel Quattro Regioni.

La 131 R è una berlina a 2 porte di 1995 ce e 220 CV con sospensioni indipendenti. Peso 980 kg, velocità 190 l’ora. Per la Fiat la vittoria della 131 significa che la scelta di una vettura di serie, seppur preparata, è stata felice. La vettura conferma le sue qualità anche nel rally, il che, in un momento tanto difficile, costituisce una carta in più sui mercati internazionali.

Pianeta Rally: libri, riviste moda, giochi, modellismo