Mitsubishi Lancer Evo

Mitsubishi Motors nei rally: furore giapponese

Negli anni trenta fu prodotta in pochissimi esemplari la PX33, una delle prime vetture a trazione integrale. Ovviamente, di motorsport ancora non se ne sente parlare… A metà degli anni sessanta la Mitsubishi produceva solamente due modelli propri: la Minica e la Colt. Nel 1965 è la volta della Colt 800, dotata di una interessante carrozzeria fastback. Questa è la vettura che fa venire accendere la lampadina in Mitsubishi, che per la prima volta prende in considerazione i rally.

La Mitsubishi Motors Corporation è la quarta azienda automobilistica del Giappone. Fa capo alla holding finanziaria (Keiretsu) Mitsubishi e fa parte del gruppo Renault-Nissan-Mitsubishi Alliance. La Mitsubishi ha portato avanti la produzione delle automobili prima attraverso la Mitsubishi Heavy Industries (fino al 1970), successivamente con la Mitsubishi Motors Corporation.

La prima auto fabbricata (nel 1917) fu anche la prima automobile prodotta in serie in Giappone, quando l’allora Mitsubishi Shipbuilding and Engineering Company presenta la “A”, ovvero una Fiat Tipo 3A prodotta su licenza nel paese del sol levante. Nel 1921 la casa decide di dedicarsi esclusivamente ai veicoli industriali, attività che prosegue, con evidente interruzione di guerra, fino al 1959. Negli anni trenta fu prodotta in pochissimi esemplari la PX33, una delle prime vetture a trazione integrale. Ovviamente, di motorsport ancora non se ne sente parlare…

Durante la Seconda guerra mondiale la Mitsubishi Heavy Industries fu impegnata nella costruzione di mezzi militari, per questo motivo i suoi stabilimenti furono pesantemente bombardati. Dopo la guerra la Mitsubishi si rimise in piedi costruendo automobili su licenza. Nel 1953 firmò un accordo con l’americana Willys-Overland per costruire in Giappone, sempre su licenza, la famosa Jeep CJ3B: sarà prodotta in diversi modelli fino al 1998.

Solo nel 1959 la casa nipponica poté proporre al mercato una piccola berlina di progettazione propria: si trattava di una bicilindrica a 4 posti, di circa 300 cc. Quando la Mitsubishi presenta la 500 (nome in voga in quegli anni, evidentemente) ha un discreto successo fino al 1962, quando il suo posto è preso dalla Minica. Nello stesso anno arriva la Colt 600, nome destinato a rimanere nella storia Mitsubishi, il cui motore è progressivamente aumentato di cilindrata. A metà degli anni sessanta la Mitsubishi produceva solamente due modelli propri: la Minica e la Colt. Nel 1965 è la volta della Colt 800, dotata di una interessante carrozzeria fastback. Questa è la vettura che fa venire accendere la lampadina in Mitsubishi, che per la prima volta prende in considerazione i rally.

Mitsubishi Colt 1000 F rally
Mitsubishi Colt 1000 F rally

Prima la Colt e poi la Galant: 1967-1977

Le attività rallistiche di Mitsubishi Heavy Industries in Giappone sono iniziate nel 1965 e due anni dopo, nel 1967, Mitsubishi Motors è salita sulla scena dei rally internazionali. Mitsubishi Heavy Industries pensava di esportare la Colt 800, lanciata nel novembre 1965, in Australia. Per confermarne l’affidabilità e la durata, decisero di condurre una sessione di test nel 1966. Doug Stewart, a cui è stato chiesto di coordinare i test, ha suggerito di partecipare al Southern Cross International Rally.

La Divisione Automotive di Mitsubishi Heavy Industries ha preso in considerazione il suo consiglio ed è giunta alla conclusione che la partecipazione al rally sarebbe stata un modo efficace per promuovere le vendite delle proprie autovetture e aumentare la consapevolezza del proprio marchio. Pertanto, decisero di prendere parte al Southern Cross Rally nell’ottobre 1967 con la loro Colt 1000F. Le due Colt 1000F si sono scontrate con auto con motori di cilindrata maggiore, oltre che di elevata affidabilità e durata.

Colin Bond è arrivato quarto assoluto, vincendo la classe, mentre Stewart è arrivato terzo, sempre in classe. In quel periodo furono poste le basi per quello che viene definito il Mitsubishi Motors nei rally. Mitsubishi Heavy Industries continuò a gareggiare al Southern Cross Rally, con la Colt 1100F nel 1968, poi la Colt 1500SS e quindi la Colt 11F SS nel 1969. Nell’aprile 1970, la Divisione Automotive di Mitsubishi Heavy Industries divenne Mitsubishi Motors Corporation (di seguito Mitsubishi Motors). L’azienda ha introdotto una serie di nuove vetture come la Galant AII nel 1971, accumulando così know-how.

Nel 1972, quando Andrew Cowan, che in seguito sarebbe stato il capo di Ralliart Europe, fu scelto come pilota di punta, furono iscritte due Galant 16L GS e due Galant GTO 17X. Nonostante i problemi alla frizione e ai freni, la Galant 16L GS di Cowan ha battuto la rivale Nissan Fairlady 240Z di 24 minuti e ha regalato a Mitsubishi Motors la prima vittoria assoluta. Nel 1973, anno di creazione del World Rally Championship (WRC), la Galant 16L GS è diventata la prima auto Mitsubishi Motors a partecipare al WRC. Successe al Safari Rally, dove il pilota era Joginder Singh, che gareggiava come privato.

Al Southern Cross Rally di ottobre, Mitsubishi Motors ha schierato cinque Lancer 1600GSR, il top delle loro attività di rally. Con Cowan sono riusciti a ottenere un 1-2-3-4. La Mitsubishi Motors aveva ufficialmente deciso di inviare le Lancer 1600GSR al Safari nell’aprile 1974, ma la prima crisi petrolifera costrinse il team a ripensare da zero al proprio piano. Tuttavia, Singh non si arrese. Comprò una LANCER 1600GSR a 4 porte, che doveva essere esportata in Africa orientale. In cambio del suo entusiasmo, Mitsubishi Motors inviò pezzi di ricambio in Kenya per supportare la partecipazione di Singh.

Il primo Safari Rally di Singh con la Lancer 1600GSR è valso a Mitsubishi Motors la sua prima vittoria nel WRC. La Lancer 1600GSR ha continuato ad evolvere fino alla fine della sua carriera sportiva nel 1977, vincendo tre volte il Southern Cross Rally (1974-1975-1976) e ottenendo un 1-2-3 nel Safari Rally 1976. Nel dicembre 1977, Cowan e Singh finirono primo e secondo al Bandama Rally in Costa d’Avorio. Questo fu l’ultimo rally della Lancer 1600GSR come auto da rally, la sua carriera volgeva così al termine in grande stile.

Starion 4WD rally
Starion 4WD rally

Lancer EX2000 turbo e Starion 4WD: 1981-1986

A partire dal 1977, sebbene Mitsubishi Motors avesse sospeso le sue attività ufficiali di rally e stesse lavorando allo sviluppo della tecnologia di purificazione dei gas di scarico, si stavano facendo passi per riprendere le attività rallistiche. Il prototipo di auto da rally era stato presentato nel novembre 1979 al Motor Show di Tokyo. Era la Lancer EX2000 Turbo. Sviluppato in conformità con le normative Gruppo 4, il motore 4G63 era dotato di un’iniezione di carburante a controllo elettronico e erogava 250 CV per il suo debutto nel 1981.

Nel 1981, Mitsubishi Motors ha inviato due Lancer EX2000 turbo all’Acropoli (Grecia) a giugno sotto i colori del Team Ralliart, tornando sulla scena dei rally internazionali dopo tre anni e mezzo di fermo. Per quell’anno, il loro miglior risultato è stato il nono posto guadagnato nella finale RAC (Regno Unito). Di fronte a questa performance, Mitsubishi Motors decise di sospendere il proprio coinvolgimento nel WRC durante la prima metà del 1982, e invece di ristrutturare il proprio programma e di concentrarsi sul miglioramento della vettura.

Lo sviluppo e la produzione in Austria sono stati trasferiti di nuovo in Giappone e gli ingegneri Mitsubishi Motors hanno preso parte attiva al processo. Come risultato dei loro sforzi di sviluppo, l’auto è arrivata terza assoluta al 1000 Laghi Rally (Finlandia) ad agosto, il loro primo rally dopo molto tempo. Tuttavia, il divario nel Gruppo 4 era consistente: la Lancer EX2000 turbo è arrivata terza e la Audi Quattro (4WD turbo) è arrivata prima e seconda con più di quattro minuti.

Il team si è reso conto che era tecnicamente difficile rendere la loro auto da rally 2WD più competitiva e ha deciso che avevano bisogno di una nuova auto da rally 4WD. Quando nel 1983 furono introdotti i nuovi regolamenti del Gruppo N, Gruppo A e Gruppo B, le Lancer parteciparono a due rally, il 1000 Laghi Rally e il RAC, ma problemi meccanici le costrinsero al ritiro in entrambi i rally. Era abbastanza…

Il dipartimento di ricerca situato presso il Passenger Car Technology Center nella città di Okazaki, nella prefettura di Aichi, stava progettando l’auto da rally Starion 4WD in conformità con le normative del Gruppo B sulla base della sua precedente esperienza. Mitsubishi ha presentato il prototipo al Motor Show di Tokyo nel novembre 1983.

Il suo primo vero rally è stato il Mille Pistes (Francia) nell’agosto 1984. Dopo essere riuscita a superare un problema alle sospensioni, l’auto ha vinto la classe. Ha anche gareggiato nel RAC e, attraverso quella fase di test, la Starion 4WD raggiunse il suo livello target. Nel 1985, quando l’azienda stava costruendo auto di serie per ottenere la certificazione in Gruppo B, fu sviluppato un nuovo sistema di differenziale centrale per l’auto da rally.

Hanno partecipato alla classe S del Rally Malesia, ma sono stati costretti al ritiro a causa del surriscaldamento del motore. A seguito dell’incidente della Lancia durante il quinto round del WRC, il Tour de Corse (Francia), nel maggio 1986, le vetture del Gruppo B furono bandite alla fine dell’anno. Di conseguenza, il piano di Mitsubishi Motors di entrare nel WRC con la sua prima auto da rally 4WD, la Starion 4WD turbo, è stato definitivamente scartato. Sebbene la Starion 4WD turbo non potesse essere iscritta al WRC, ha senza dubbio svolto un ruolo chiave nel successivo sviluppo di Mitsubishi Motors sulle vetture 4WD turbo. Nel 1986 e nel 1987, la Starion 4WD turbo ha partecipato due volte al Rally Hong Kong-Pechino, a cui i prototipi potevano partecipare, e nel 1986 è arrivata seconda assoluta, il miglior risultato per quell’auto.

Mitsubishi Galant VR4 rally
Mitsubishi Galant VR4 rally

Dalla Galant alle Lancer Evolution: 1988-1992

Mitsubishi Motors, a questo punto, lancia la nuova Galant nell’ottobre 1987. La versione ad alte prestazioni, la Galant VR-4 era dotata di un motore turbo DOHC da 2 litri con un sistema 4WD integrale e 4WS (quattro ruote sterzanti), che ha attirato molte attenzioni. Nonostante le restrittive normative del Gruppo A, il motore 4G63 installato sulla Galant VR-4 erogava più di 300 cavalli già all’inizio della sua carriera. Nel 1988, Mitsubishi Motors ha deciso di raccogliere la sfida del WRC per la prima volta in cinque anni formando due squadre: il team ufficiale, che avrebbe disputato le prove europee del World Rally Championship (WRC), e quello semi ufficiale, che avrebbe corso nell’Asia-Pacific Rally Championship (APRC) con Kenjiro Shinozuka sotto la direzione della giapponese TASK Engineering.

Il debutto della Galant VR-4 nel WRC è avvenuto in Nuova Zelanda nel luglio 1988, quando Kenjiro Shinozuka ha preso parte al rally con il team ufficiale. Shinozuka ha vinto anche gare in Malesia e Australia. Come ha fatto l’anno precedente in questo rally, Shinozuka ha vinto l’ultima gara dell’Asia-Pacific Rally Championship (APRC), l’Himalayan Rally, diventando il primo vero campione dell’APRC appena nato. Nel frattempo, il team WRC Works, Rallyart Europe, ha gareggiato nella gara conclusiva del WRC, il RAC Rally, nel Regno Unito.

Sebbene l’auto abbia finito per ritirarsi, ha segnato il miglior tempo in due prove speciali e ha dimostrato tutto il potenziale della Galant VR-4. Nel 1989 Mitsubishi Motors nominò Ari Vatanen come pilota di punta, e optò per affidare la seconda vettura ai piloti più idonei. Michael Ericsson ha vinto il 1000 Laghi (Finlandia), il terzo rally a cui hanno partecipato quell’anno. Nel RAC Rally, Pentti Airikkala ha conquistato la vittoria assoluta e Vatanen è arrivato quinto.

Fu un enorme successo per la squadra che vinse due rally su quattro quell’anno. Nel 1990, ai concorrenti era consentito solo un numero limitato di motori. Per il round di metà stagione, il Rally 1000 Laghi, è stato montato un nuovo differenziale centrale ad accoppiamento viscoso. Questo aggiornamento ha avuto successo, consentendo al team di mantenere la terza posizione nel Campionato Costruttori. Nel giugno 1991, l’azienda ha introdotto un’evoluzione Gruppo A della Galant basata su un modello di produzione con piccole modifiche, ed è arrivata terza nel Campionato Costruttori per il secondo anno consecutivo. In ottobre, Shinozuka è diventato il primo pilota giapponese a vincere una gara del WRC, il Rally della Costa d’Avorio.

Il team Mitsubishi Motors aveva in programma di debuttare con la Gruppo A, la Lancer Evo, annunciata nel 1991, nel Rallye Monte-Carlo 1993. Per fare ciò, hanno sostanzialmente interrotto qualsiasi sviluppo della Galant VR-4 e ridotto a sei il numero di partecipanti al rally per il 1992. Tuttavia, ad ogni gara sono stati apportati miglioramenti alla Galant VR-4 ed è stata introdotta una versione leggera (meno di 1.200 kg). In Europa, il quinto posto di Timo Salonen è stato il risultato più importante, ma Shinozuka ha ottenuto la sua seconda vittoria consecutiva al Rally della Costa d’Avorio di ottobre, portando il totale di vittorie WRC della Galant VR-4 a sei. Il rally di fine stagione, il RAC, è stata l’ultima partecipazione al WRC per la Galant VR-4. In quest’occasione, la vettura portò al debutto il nuovo sistema 4WD che doveva essere utilizzato sulla Lancer Evolution Gruppo A dal 1993, allo scopo di testarlo in condizioni di rally.

Pianeta Rally: libri, riviste moda, giochi, modellismo