Nuccio Bertone e Marcello Gandini

Marcello Gandini: papà di Stratos, Miura e Countach

Il suo destino di influente designer di automobili sarebbe cambiato per sempre quando Nuccio Bertone lo avvicinò per occupare lo spazio vuoto lasciato dalla partenza di Giorgetto Giugiaro alla Ghia nel 1965. Continuerà a servire il Maestro per i successivi 15 anni. A fine carriera dice: ”Una delle mie preferite è la Lancia Stratos HF, di cui mi sono occupato non solo del design della carrozzeria, ma anche del telaio e degli aspetti del packaging. È stato un progetto molto soddisfacente”.

Figlio di un direttore d’orchestra, quindi con i geni di un artista, Marcello Gandini è nato a Torino il 26 agosto 1938. Sembrava essere un buon anno per il futuro del design automobilistico italiano perché, guarda caso, Gandini ha solo 19 giorni in meno di Giorgetto Giugiaro. Entrambe le leggende del design sono circa 7 mesi più giovani di Leonardo Fioravanti, un altro italiano famoso per la sua mano magica nel disegnare bellissime auto. Trascorre gran parte della propria giovinezza creativa come designer industriale, ma la storia d’amore di Gandini per le automobili inizia in tenera età. Disegna la prima concept car quando aveva solo 20 anni.

Il suo destino di influente designer di automobili sarebbe cambiato per sempre quando Nuccio Bertone lo avvicinò per occupare lo spazio vuoto lasciato dalla partenza di Giorgetto Giugiaro alla Ghia nel 1965. Continuerà a servire il Maestro per i successivi 15 anni. Il suo primo progetto per Bertone fu quella che in seguito divenne una delle supercar più influenti della storia, l’elegante ma intrigante Lamborghini Miura.

Lamborghini si era affermata come una “ammazza Ferrari” con la 350 GT, e “Don” Ferruccio aveva bisogno di un modello di punta rivoluzionario per continuare il suo attacco ai suoi avversari di Modena. Dal momento che non c’erano limiti o regole da seguire per questo progetto, il giovane Marcello Gandini ha messo in pratica la sua visione ed è uscito con qualcosa che il mondo non aveva mai visto prima.

Al giorno d’oggi è quasi naturale osservare un’auto dall’aspetto pronto per la gara sulla strada ogni due settimane circa (a seconda della parte esatta del mondo in cui si risiede, ma se si vive in un Paese ricco di petrolio è più facile), ma vedere un’auto a motore centrale sulla strada negli anni ’60 erano come svelare il volto della Vergine Maria mentre sbucciava patate. Strabiliante.

Il motore V12 progettato da Bizzarrini era un bel complimento per l’eleganza delle linee dell’auto e della carrozzeria ultra-bassa. Questo fu solo l’inizio di un rapporto che sarà presto fruttuoso e duraturo tra Marcello Gandini e il costruttore di supercar di Sant’Agata Bolognese. Il suo successivo lavoro per Lamborghini fu sulla concept car Marzal.

Poiché all’epoca lo studio Bertone soffriva di “esagonite acuta”, l’auto doveva somigliare in un modo o nell’altro ad un esagono, vista da determinate angolazioni. Questo criterio, insieme all’altro, “usa-molto-vetro-su-questa-idea”, non ha emozionato Ferrucio, e Marzal è rimasto un progetto morto. Un bel disegno…

Il suo uso massiccio del vetro (quasi 50 piedi quadrati) faceva sembrare l’auto più simile a un giocattolo astronave da collezione ed era considerata troppo anche per i gusti più eccentrici, anche se Gandini e Bertone l’avevano immaginata quasi pronta per la produzione. Per questo motivo la meccanica dell’auto era basata sulla Miura ed era un modello da corsa. Il suo sei cilindri in linea in posizione centrale era in effetti la metà di una Miura V12.

L’ego di Gandini non fu colpito, però, dal rifiuto di Ferruccio di costruire la Marzal. Il designer torinese iniziò a lavorare al successivo incarico, la concept car Alfa Romeo 33 Carabo. Anche se Carabo significa Maggiolino in italiano, l’auto non aveva alcun collegamento con il mitico Maggiolino Volkswagen. La caratteristica più sorprendente era rappresentata, oltre che dall’influente forma a cuneo e dal colore, dalle porte a forbice. Queste porte in seguito divennero note (e marchiate) come LSD, Lamborghini Style Doors.

Altri concetti e auto da strada continuarono a fluire dalla matita di Marcello Gandini negli anni successivi, ma da allora solo uno si è distinto e ha cambiato il mondo delle supercar. Non era altro che la Lamborghini Countach “veniamo in pace”, che ha più che compensato nell’aspetto ciò che mancava alle prestazioni. Uno studio non ufficiale dice che più del 90% delle camerette maschili degli adolescenti aveva almeno un poster con la Countach negli anni ’70 e ’80. L’impatto che la creazione di Gandini – simile a un UFO – ha avuto sul mondo delle supercar gli ha davvero dato il biglietto d’ingresso nella hall of fame per i designer di automobili, anche se l’uomo che ha sostituito alla Bertone è stato votato Car Designer of the Century.

Nel 1980 si è dimesso dalla sua meritata posizione di capo progettista per Bertone e ha avviato la propria attività di freelance, proprio come hanno fatto molti altri grandi designer di automobili prima di lui. E anche senza un nome pesante come Bertone alle spalle, Lamborghini ha chiesto ancora una volta i suoi servizi, per la più semplice (rispetto alla Countach) Diablo. La sua eredità rimane nelle forme a cuneo dell’era spaziale che ha disegnato nel corso degli anni.

L’intervista con Marcello Gandini

Sul numero di dicembre 2016 di Car and Drive viene pubblicata a firma di John Pearley Huffman un’intervista a Marcello Gandini, che rappresenta una grande eredità culturale esposta con con il tradizionale aplomb del famoso designer.

Qual è la parte più difficile del tuo lavoro?

Rispondere alle domande dei giornalisti!”.

Avevi 20 anni quando sei diventato il capo designer di Bertone. Ti sei sentito sopra le nuvole?

No, avevo avuto un’esperienza abbastanza rilevante lavorando su diversi progetti, alcuni personali e altri con il carrozziere Marazzi, quindi non ero preoccupato di non essere in grado di consegnare. Solo che il programma era molto stretto per tre nuovissimi progetti che dovevano essere completati in tempo per il Salone di Ginevra nel marzo 1966”.

Il tuo predecessore, Giorgetto Giugiaro, non lavorò mai con te. Come mai?

Quando ho incontrato per la prima volta Nuccio Bertone e gli ho presentato alcuni dei miei rendering, sembrava molto colpito, e ha detto che sarebbe tornato presto. Ma non l’ha fatto. Pochi mesi dopo mi sono imbattuto in Bertone al mare e sembrava imbarazzato nel vedermi. Ha detto che se mi avesse assunto, avrebbe perso il loro stilista abituale”.

Come si inizia un nuovo disegno? C’è un elemento che stabilisci per primo?

Dipende dal brief e da cosa deve essere fatto. Ma il più delle volte, è necessario iniziare con la carrozzeria, tenendo presente le specifiche tecniche e le posizioni del gruppo propulsore”.

Quanto è difficile tradurre disegni bidimensionali in modelli tridimensionali soddisfacenti e, in definitiva, automobili?

Il bidimensionale è solo la rappresentazione di un’immagine nella tua mente che è già tridimensionale. È forse più difficile rappresentare ciò che immagini su carta”.

La Miura e la Countach sono radicalmente diverse. Hai progettato entrambe. Quale preferisci?

Personalmente, non ho una preferenza per l’una rispetto all’altra. Erano design che riflettevano i tempi e le tendenze in evoluzione”.

C’è un tuo design che ritieni sia stato sottovalutato?

Una domanda difficile a cui rispondere. Ma una delle mie preferite è la Lancia Stratos HF, di cui mi sono occupato non solo del design della carrozzeria, ma anche del telaio e degli aspetti del packaging. È stato un progetto molto soddisfacente”.

D’altra parte, c’è uno dei tuoi progetti che ritieni sia sopravvalutato? Che la gente pensa sia meglio di te?

Questo spetta agli altri giudicare”.

Dicono che sei più interessato all’architettura, alla costruzione e alla sostanza meccanica dei veicoli. Puoi separare il design dalla sostanza meccanica?

Credo non si possa. In effetti, è forse uno degli aspetti più importanti del design. La forma più eccitante segue sempre la funzione”.

Hai progettato molte auto particolari. Hai mai guidato una di queste? Eri felice di come si guidava e di come appariva?

No. Preferisco le auto pratiche per il mio uso personale”.

Un’auto economica può essere attraente quanto una costosa?

Sì, può essere. L’aspetto o il design devono essere relativi a ciò che rappresenta un’auto”.

A parte le automobili, cosa ti è piaciuto di più progettare?

Elicotteri, camion e motocicli”.

Quale altro designer, se c’è, ammiri?

Ce ne sono diversi, ma forse il più impressionante è stato Flaminio Bertoni con i suoi progetti per Citroën”.

Pianeta Rally: libri, riviste moda, giochi, modellismo