Il due volte campione del mondo Marcus Gronholm

Magic Marcus Gronholm e quel Rally di Finlandia 1998

La Peugeot 206 WRC di Magic Marcus Gronholm è stata straordinariamente competitiva fin dall’inizio del Rally di Finlandia 1998. Incredibilmente, al termine di quella gara, Gronholm vinse il titolo di campione del mondo rally in quella che era stata la sua prima vera stagione completa nel WRC.

Magic Marcus Gronholm è vincitore di numerosi titoli finlandesi, prima di quelli internazionali. Fu notato proprio al Rally di Finlandia del 1998, quando superò diversi habitué delle WRC con alcuni tempi che attirano l’attenzione. In particolare, Peugeot rimase impressionata e perse poco per inserirlo in squadra nel 2000, anno che segnava il ritorno del Costruttore per la prima volta dalla fine dell’audace era del Gruppo B.

La Peugeot 206 WRC del talento francese è stata straordinariamente competitiva fin dall’inizio. Incredibilmente, Magic Marcus Gronholm vinse il titolo di campione del mondo rally in quella che era stata la sua prima stagione completa nel WRC, con quattro vittorie in Svezia, Finlandia, Nuova Zelanda e Australia. Le tre stagioni successive produssero altre undici vittorie e un secondo titolo nel 2002, prima che Peugeot sostituisse la 206 WRC con la 307 WRC, auto da rally decisamente molto meno maneggevole.

Nonostante ulteriori vittorie in Finlandia – due volte – e in Giappone, il finlandese lasciò Peugeot per unirsi alla Ford per l’inizio della stagione 2006 per guidare la Focus RS WRC 2006 di ultima generazione. Al suo debutto, vinse il Rally di MonteCarlo – il suo primo successo su asfalto – tuttavia, nonostante altre sei vittorie tra cui la seconda in Galles, il finlandese ha perso per un solo punto contro Loeb nella classifica finale del WRC.

Nel 2007 è stato di nuovo secondo, dietro a Loeb ma, sebbene fosse ancora uno dei migliori piloti in attività e fosse ancora in grado di dare tanto allo sport dei rally, Gronholm annunciò il ritiro dopo essere arrivato secondo in Galles, alle spalle del compagno di squadra Mikko Hirvonen: fu il classico 1-2 che permise a Ford di vincere il titoli Costruttori. Disse che voleva fermarsi, mentre aveva ancora la velocità nel sangue.