Sei nel posto giusto per la ricerca che hai effettuato. Non perderti nessuna recensione dei top book dedicati ai rally. Entra subito e scopri tutte le novità di Storie di Rally.

La Lancia Delta Gruppo A in due volumi dell’ASI

Nel primo volume, arricchito dalla prefazione di Miki Biasion, vengono ripercorse le gesta sportive della Delta Gruppo A, con le relative schede tecniche ed i disegni in trasparenza di tutte le versioni. Corredano questa parte le bellissime ed esclusive immagini originali di Actualfoto.

La Lancia Delta Gruppo A è una delle vetture da corsa più vincenti di tutti i tempi. Un mito, che ha raccolto 46 successi in gare di Mondiale Rally e conquistato sei titoli Costruttori consecutivamente, più quattro titoli iridati Piloti con Biasion e Kank kunen. Un elogio del made in Italy che non può e non deve cadere nel dimenticatoio e che l’ASI ha deciso di celebrare con due volumi scritti dal giornalista Sergio Remondino e dall’ingegnere Sergio Limone.

Nel primo volume, arricchito dalla prefazione di Miki Biasion, vengono ripercorse le gesta sportive della Delta Gruppo A, con le relative schede tecniche ed i disegni in trasparenza di tutte le versioni. Corredano questa parte le bellissime ed esclusive immagini originali di Actualfoto.

Poi, ad arricchire ulteriormente l’opera, c’è una seconda parte relativa ai test ed agli sviluppi scritta da uno dei principali artefici dei successi Delta, l’ingegnere Sergio Limone. Il progettista torinese rivela una serie di informazioni, con un testo esauriente e ricco di particolari inediti scritto a quattro mani con Luca Gastaldi. Completano questa sezione del primo volume le rarissime immagini scattate all’epoca dallo stesso Limone ed un documento unico: la lista completa di tutte le Delta realizzate all’Abarth, con tutte le informazioni relative ad ogni esemplare.

Libri su Storie di Rally

la scheda

LANCIA DELTA GRUPPO A

Autori: Sergio Remondino e Sergio Limone

Copertina: rigida

Pagine: 272

Immagini: oltre 400 in bianco e nero e a colori

Formato: 21 x 29,7 cm

Editore: ASI

Prezzo: 50 euro

Peso: 1,6 chilogrammi

ISBN: 978-8898344734

Verifica la disponibilità e acquista

Jon Desborough e il romanzo di rally Braking Point

“L’estate sembrava il momento giusto per scrivere”. Racconta Jon Desborough ha trascorso il suo tempo a commentare il World Rally Championship, tenendo viva l’App dello sport, AllLive. “Il WRC è un luogo selvaggio ed esotico in cui competere, ma non contiene ricatti e inganni”, dice. “Ho pensato di cambiarlo”.

La narrativa e, in particolare i romanzi, nell’editoria sportiva sono merce rara. Il presentatore di WRC AllLive, Jon Desborough , ha trasformato i suoi quindici anni di esperienza nel Campionato del Mondo Rally in un breve romanzo dal titolo Braking Point. “Immagino di aver fatto come tanti nel nostro lavoro. Non appena il Coronavirus ci ha chiusi in casa, ho visto un futuro incerto, pieno di ansia e di interminabili giornate senza niente da fare”, racconta Desborough.

“L’estate sembrava il momento giusto per scrivere”. Desborough ha trascorso il suo tempo a commentare il World Rally Championship, tenendo viva l’App dello sport, AllLive. “Il WRC è un luogo selvaggio ed esotico in cui competere, ma non contiene ricatti e inganni”, dice. “Ho pensato di cambiarlo”.

Per prima cosa, ha dovuto creare un campione britannico, qualcosa che la Gran Bretagna non ha avuto per quasi vent’anni. “Quel campione è Callum George, in parte gallese, in parte scozzese, con un perfetto DNA da rally. Poi l’ho lasciato cadere nei guai più che potevo”, aggiunge.

“Braking Point è ambientato in quella che io chiamo un’epoca d’oro del motorsport. Ma è pieno di ispirazione dall’inizio del secolo ed è un po’ un omaggio ai giorni di gloria di Colin McRae (campione del mondo 1995) e Richard Burns (2001). “È stato molto divertente scrivere, i rally sono uno sport facile da manipolare, ricchi di colpi di scena e, come un buon rally del WRC, parte rapidamente e diventa sempre più veloce”, prosegue Jon Desborough.

“La crisi causata dal Coronavirus mi ha incastrato. Così ho deciso di autopubblicarmi un libro, un romanzo. Alcuni pensieri creativi e l’aiuto degli amici del circus hanno trasformato le parole in un libro brossurato, auto-pubblicato, scritto in Dorset e stampato e venduto ovunque. “È stato uno sforzo di squadra, ma gli amici e fan mi hanno aiutato a progettare e illustrare la mia storia. Sono particolarmente orgoglioso della copertina”.

Libri su Storie di Rally

la scheda

BRAKING POINT

Autori: Jon Desborough

Copertina: morbida

Pagine: 160

Editore: Kellys Guides

Prezzo: 9 euro

Peso: 505 grammi

ISBN: 9780993553622

Verifica la disponibilità e acquista

Lele Pinto: la vita di un protagonista in un libro

Un libro dedicato a Lele Pinto, uno dei primi piloti italiani professionisti tra gli anni Sessanta e Settanta. Diviene pilota seguendo il fratello maggiore Enrico, campione italiano di velocità in circuito nel 1966 su Fiat Abarth 595. Correndo con Fiat e Lancia, Lele diviene uno dei portacolori del rallysmo italiano.

“Un paese Di… Pinto. 1975, Suvereto, Coppa Liburna. Una Stratos biancorossverde e Lele in fuga per la vittoria. Viaggio in un mondo che c’è più dentro la storia di un ragazzino che con quelle immagini ha ricevuto il suo battesimo da corsa. L’esplosione di una passione. Abbagliati dalla batteria di fari supplementari, stordito dal rombo lacerante del motore, mitragliato da una fittissima pioggia di fastidiosissimi sassolini, soffocato da un’opprimente ondata di polvere. Una Lancia Stratos con i colori Alitalia entra completamente di traverso nel mio cuore. Ho otto anni. E quella è la prima cosa che vedo nella mia vita. Succede di notte. A Suvereto, un paesino in provincia di Livorno”.

Il racconto è del direttore di Autosprint, Andrea Cordovani. Ed l’attacco della prefazione del nuovo libro “Lele Pinto – la pista, i rally i collaudi” del trio Bandini-Carrara-Parra, solito a sorprese editoriali molto apprezzate perché equiparabili a lavori artigianali di massima qualità Passione, competenza, ricerca. Tre parole chiave che hanno guidato gli autori nella raccolta di storie, informazioni e riflessioni su un grande pilota italiano, che non ha avuto in realtà la fama e la gloria che meritava.

Pinto, uno dei primi piloti italiani professionisti tra gli anni Sessanta e Settanta. Diviene pilota seguendo il fratello maggiore Enrico, campione italiano di velocità in circuito nel 1966 su Fiat Abarth 595. Correndo con Fiat e Lancia, Lele diviene uno dei portacolori del rallysmo italiano. Si cimenta con successo anche in qualche cronoscalata, la sua partecipazione nel 1970, alla Iglesias-Sant’Angelo, con conseguente vittoria nell’assoluta è ancor oggi nell’albo della corsa sarda, conseguita a bordo di un prototipo Lancia FM Special, su base Lancia Fulvia.

La sua migliore stagione resta il 1972 con la Fiat 124 Sport Spider, quando vince il Campionato Europeo Rally e la Mitropa Rally Cup, trionfando in sei rally: Costa Brava, Hessen, Semperit, Polonia, Jugoslavia e Mille Minuti. Nel 1974, sempre a bordo della Fiat 124 Abarth, vince il Rally del Portogallo, valido per il Mondiale Rally.

In seguito torna alla Lancia, e a bordo della Stratos arriva terzo nel Rally del Portogallo e nel Rally di Sanremo 1976, e ottiene il secondo posto al Tour de Corse 1977, fino ad arrivare a ricoprire per molti anni il ruolo di collaudatore nel Gruppo Fiat-Lancia.

Un personaggio che ha scritto pagine indelebili del rallysmo italiano, Lele Pinto. Storia e storie del nostro sport che rischiavano di andare perse, se Mauro Parra, titolare di Saradecals, non avesse raccolto tutto in uno splendido volume di 180 pagine in carta patinata e ricco di foto inedite in bianco e nero e a colori, firmate Actualfoto e Attualfoto, ossia Roberto Piccinini e Antonio Biasioli.

“Aneddoti ce ne sarebbero tanti, ma rammento come fosse ieri una prova molto particolare in funzione del Safari Rally. Era fine novembre 1987 e, prima di partire per l’Africa, per il primo ciclo di prove in loco, in preparazione della vittoriosa gara del 1988, facemmo il “test guadi” utilizzando una profonda e lunga buca piena di acqua che era disponibile alla Mandria, in un tracciato normalmente usato per veicoli militari. Provammo e riprovammo, non ricordo quante volte, restando nei primi tentativi regolarmente bloccati in mezzo al percorso, appesi al roll-bar per evitare l’acqua (gelida che raggiungeva i cuscini dei sedili, attesa che un trattore ci tirasse fuori”. Solo uno dei tanti aneddoti che arricchivano la vita di Lele Pinto, raccontati da Vittorio Roberti nella prefazione di questo nuovo libro.

Siamo solo a pagina 16 e la curiosità diventa voracità. Da leggere e da rileggere. Con immagini uniche in cui perdersi, studiando i dettagli più banali come le pietre che schizzano via in curva a mo’ di colpi di mitraglietta. La carriera sportiva dettagliatamente ricostruita e le sue macchine. Persino l’Osella delle cronoscalate. Racconti e illustrazioni. Fino alla carriera da collaudatore.

Libri su Storie di Rally

la scheda

LELE PINTO – LA PISTA, I RALLY, I COLLAUDI

Autori: Mauro Parra, Luca Bandini, Alessandro Carrara

Copertina: morbida

Pagine: 184

Immagini: oltre 200 in bianco e nero e a colori

Formato: 21 x 29,7 cm

Editore: Seradecals

Prezzo: 35 euro

Peso: 1,4 chilogrammi

Verifica la disponibilità e acquista