Sandro Munari e il suo navigatore Mario Mannucci su Lancia Fulvia 1.6 Coupé HF al Sanremo-Sestriere - Rally d'Italia 1971

La prima volta del Rally di Sanremo iridato fu a Sestriere

Nel 1970 e nel 1971, la tappa italiana del neonato Mondiale Rally nasce dalla fusione del Rally di Sanremo e con il Rally del Sestriere, che viene ribattezzato non a caso Rally Sanremo-Sestriere. All’epoca, Si tratta dei due rally di più solida tradizione nel nostro Paese: il Rally di Sanremo corso per la prima volta addirittura nel 1928, mentre la prima edizione del Sestriere risale al 1950.

Non tutti sanno che, prima del Rally di Sanremo 1973 (ufficialmente il primo Rally di Italia del neonato Mondiale Rally), ci sono altre due edizioni del Rally di Italia tra Sanremo e Sestriere, valide per quello che all’epoca si chiama International Championship for Manufacturers, il campionato predecessore dell’attuale Mondiale Rally Costruttori organizzato dall’allora FISA, destinata a diventare l’attuale FIA.

Il Rally di Sanremo-Sestriere viene organizzato per tre stagioni, dal 1970 al 1972, e alle prime due viene concessa dalla Federazione Internazionale la validità di tappa italiana per il Campionato Internazionale Costruttori, grazie alla fusione tra Rally di Sanremo e il Rally del Sestriere, che viene rinominato in Rally Sanremo-Sestriere. A quel tempo, si tratta delle due gare di più solida tradizione e forza organizzativa nel nostro Paese: il Rally di Sanremo corso per la prima volta addirittura nel 1928, mentre la prima edizione del Sestriere risale al 1950.

Curiosità nella curiosità: tra i nomi che compaiono nell’albo d’oro del Rally del Sestriere, accanto a Villoresi e Ascari, Fiorio e Munari, c’è anche quello di Mario Poltronieri, indimenticata voce della F1 in Italia per oltre venti anni, da inizio anni Settanta a metà anni Novanta, e prima ottimo pilota automobilistico, tanto da correre quattro edizioni della Mille Miglia e vincere, al fianco di Gino Valenzano, il Rally del Sestriere 1952. Ma il regno di Poltronieri è Monza, dove stabilisce dodici record di velocità sulla sopraelevata dell’Autodromo.

La corsa piemontese viene ideata da Emilio Christillin, poi presidente dell’Ac Torino, che è anche il primo vincitore della manifestazione stessa, su Lancia Aprilia. Il Rally del Sestriere si svolge regolarmente per dieci edizioni consecutive, con crescente successo e con la partecipazione ufficiale di molte Case automobilistiche e validi piloti come Helmut Polensky, Walter Schock, Ada Pace, Gigi Villoresi e Alberto Ascari, questi ultimi vincitori in coppia della seconda edizione, su Lancia Aurelia.

Ti piace questo contenuto? È uno dei pochi del nostro sito disponibili solo in versione premium. Per completare la lettura puoi prendere in considerazione di farti un bel regalo con il libro su cui è stato pubblicato (che contiene tante altre interessanti storie e aneddoti), o con le altre pubblicazioni cartacee della collezione editoriale. Diventerai orgogliosamente uno dei nostri sostenitori!

100 anni di Storie di Rally 2: appuntamento con la storia