Kalle Rovanpera al Wales Rally GB 2018

Kalle Rovanpera: il più giovane pilota a punti nel WRC

Nel 2015, all’età di 14 anni, Rovanpera ha gareggiato in Lettonia, dove la patente di guida non è un requisito per partecipare ai rally. Venne affiancato da Risto Pietiläinen, storico copilota del padre Harri nel mondiale WRC.

C’è un vecchio adagio nel motorsport che sostiene che, se sei abbastanza bravo, sei abbastanza grande e capace di insistere sul fatto che i piloti, non importa quanto giovani, dovrebbero avere l’opportunità di fondere i doni precoci con abilità e astuzia non appena diventano pensanti.

Il quattro volte campione di Formula 1 Sebastian Vettel viene paracadutato nello sport all’età di 19 anni e diventa il vincitore più giovane due anni dopo. O Max Verstappen che scolpisce da oltre due anni quel punto di riferimento nel Gran Premio di Spagna 2016.

Ora c’è un nuovo nome da aggiungere a quella lista prodigiosamente di talento: Kalle Rovanpera. Invece che nel mondo delle corse in circuito, le abilità del finlandese prodigio sono esposte al volante di un’auto da rally. Kalle Rovanpera è un giovanissimo pilota di rally di grande talento che spera di seguire le orme dei suoi leggendari compatrioti finlandesi.

Arriva per la prima volta all’attenzione del mondo all’età di otto anni, quando un video su Youtube che mostra le sue abilità di guida al volante di un’auto da rally lungo le strade sterrate vicino casa sua è diventato virale. Figlio dell’ex pilota WRC, Harri Rovanpera (Ford, Seat, Peugeot, Mitsubishi e infine Škoda), il giovane Kalle guida auto da quando aveva sei anni, e moto e ATV da quando aveva tre anni.

Quella connessione con qualunque cosa si trovi dietro al volante si sta sviluppando da prima che possa ricordare. Nato l’1 ottobre 2000 a Jyväskylä, la capitale dei 1000 Laghi, ha preso parte al suo primo rally, in Estonia, a soli 10 anni, e correva in Lettonia a 13 anni, anche se solo nelle prove speciali. Il vecchio navigatore di suo padre, Risto Pietiläinen, doveva prendere il volante sulle strade pubbliche. Ma solo dal 2015 ha potuto iniziare a correre in modo più professionale e impegnativo. E i titoli sono iniziati ad arrivare.

Ha preso d’assalto la serie lettone negli ultimi anni e ha corso anche in Italia, mostrando tempi spaventosamente veloci ovunque vada. Dopo un paio di gare verso la fine della stagione WRC 2017, compresa l’Australia, dove è arrivato decimo, diventando il pilota più giovane di sempre a segnare un punto nel Campionato del Mondo Rally.

Nel 2018 ha fatto il passaggio al World Rally Championship. Si è unito al team Skoda nel WRC 2 con l’intenzione di disputare sei o sette eventi, diventando il più giovane pilota del WRC. Quando non corre, Kalle è interessato a tutto con un motore: ATV, motoslitte, moto d’acqua e moto di tutte le forme e dimensioni.

Riferendosi al famoso video, Kalle mi dice: “Non ricordo molto, ero davvero giovanissimo”, come se stesse discutendo di una deviazione dell’infanzia da lungo tempo dimenticata. “Onestamente, non ho idea da dove sia nato questo collegamento con la macchina. Guidavo ogni genere di altre cose quando ero piccolo – ATV e biciclette e cose del genere – ma non guidavo la macchina”.

Per quella ho dovuto aspettare fino a sette anni. Non ho idea del perché mi sia sembrato tutto così facile, ma lo è stato, non ho spiegazioni, ma fin dal primo momento, quella macchina mi è sembrata l’altra metà di me. Dopo aver guidato una vettura da rally per la prima volta, non ho mai più toccato nessun’altra auto da corsa”.

“È stato difficile convincere le persone che potevo competere, che ero abbastanza bravo”, dice. “Mio padre ha dovuto chiedere permessi in Lettonia ed Estonia.Per me, entrare nei rally così giovani non era difficile, perché avevo guidato molto prima.Non so davvero cosa gli altri pensassero prima di me, ma dopo penso che pensavano che stavo bene”.

Le gare dell’allora quindicenne nelle prove speciali lettoni, in quelle finlandesi e in Italia – grazie a speciali permessi dell’autorità nazionale motoristica nazionale – hanno iniziato a costruire vero punto di svolta della carriera di Rovanpera. Anzi, il punto di non ritorno.

Il primo passo di Rovanperä sul palcoscenico iridato è stato gentilmente offerto da Malcolm Wilson , il capo di M-Sport, uomo che ha una lunga storia nella promozione dei giovani sportivi, avendo supervisionato l’ascesa di un’altra stella, Jari-Matti Latvala , da quando era un diciassettenne prodigio a quando è diventato il più giovane vincitore del WRC, a soli 22 anni.

Rovanpera era il prossimo, allora sedicenne su una Fiesta R5 nella penultima prova del WRC 2017, il Wales Rally GB. C’era solo un problema: gareggiare su strade aperte avrebbe dovuto soddisfare il requisito più prosaico di possedere una patente di guida.

Così, il 2 ottobre 2017, il giorno dopo aver compiuto diciassette anni e poco più di tre settimane prima del suo debutto nel WRC, Rovanpera è tornato a casa, nella sua città natale, e con la macchina di famiglia ha dovuto iscriversi a scuola guida e conseguire la patente.

In ballo c’era il più importante trofeo della sua giovane carriera. “C’era pressione? Forse un po’. Un bel po’ di cose dipendevano dall’ottenere la mia patente: il Wales Rally GB era un’opportunità che non si poteva perdere, ma alla fine è stato facile. Nessun problema”.

Il suo debutto al WRC è stato tutta un’altra storia. Per la prima volta nella sua carriera, Rovanpera si è imbattuto in sfide che lo hanno messo a dura prova, nonostante abilità innate. I suoi tempi erano buoni: c’erano i terzi posti nelle PS15 e PS21, ma quel piazzamento finale al quindicesimo posto nel WRC2 non gli è piaciuto.

“Sicuramente non ero soddisfatto. La cosa più difficile è stata l’adeguamento a una nuova vettura. Inoltre guidavo con pneumatici Michelin, che non usavo da cinque anni. Metti insieme queste cose e capisci che non è questione di apprendimento rapida “.

Anche la competizione era ad un livello che Rovanpera non aveva mai visto prima. “È un evento WRC, quindi ogni ragazzo lì è veloce, lo so. Ma è molto meglio incontrare piloti di quel livello, almeno hai da imparare qualcosa. È bello essere spinti oltre le proprie capacità. Sono piuttosto severo riguardo alle mie prestazioni”, aggiunge.

“Altre persone sostengono che pretendo troppo da me stesso, ma non riesco a capire perché non dovrei essere così critico, un risultato negativo non è mai abbastanza buono, i buoni risultati sono gli unici che sto cercando”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

A cosa stai pensando?