Sandro Munari, Safari Rally

Il Drago racconta della Stratos che diventa un canotto

“Immaginate un lago, un’enorme lago proprio dove in realtà sarebbe dovuta essere la strada da seguire. Capperi. E adesso? Dopo aver spento il motore, scendiamo per verificare l’entità del problema, che subito ci appare piuttosto rilevante. Pietro prova ad avventurarsi, ma l’acqua gli arriva di colpo all’ombelico, quindi batte la ritirata. Non c’era modo di andare avanti. Se avessimo tentato avremmo sicuramente corso il rischio di affondare con tutta la Stratos”.

“Africa. Safari Rally. 1977. Io, Piero Sodano e la Stratos siamo ancora alle prese con il Kenya, con il periodo delle piogge e con tutti gli imprevisti che quella gara si divertiva a riservarci. Acqua, sempre, notte e giorno, violenta, incessante, senza tregua”. Una storia che ha tanti anni, ma che ha da sempre il gusto di una fiaba per stimolare la passione. A raccontarla fu il Drago, Sandro Munari in prima persona diverse decine di anni fa.

“Dunque, io e Piero, dopo quattro giorni di guida in tutte le condizioni, scendevamo finalmente da una collina per agguantare un pezzo di strada dritto che ci avrebbe dovuto far tirare il fiato. Saranno state le 4 o le 5 del mattino, il sole cominciava a spuntare all’orizzonte e le palpebre pesavano come due macigni sopra le nostre facce stravolte. Con gli occhi a fessura, vediamo a un tratto qualcosa da lontano, di fronte a noi. Una sorta di riverbero, un luccichio, che tuttavia non ci permetteva di indovinare di cosa si trattasse. Percorriamo ancora un po’ di strada e i nostri dubbi si sciolgono come neve al sole”.

“Immaginate un lago, un’enorme lago proprio dove in realtà sarebbe dovuta essere la strada da seguire. Capperi. E adesso? Dopo aver spento il motore, scendiamo per verificare l’entità del problema, che subito ci appare piuttosto rilevante. Pietro prova ad avventurarsi, ma l’acqua gli arriva di colpo all’ombelico, quindi batte la ritirata. Non c’era modo di andare avanti. Se avessimo tentato avremmo sicuramente corso il rischio di affondare con tutta la Stratos”.

“Quando tutto sembrava perduto – compreso il nostro vantaggio sugli altri partecipanti – ecco che la fortuna ci viene in soccorso. Un gruppo di abitanti del luogo, incuriositi da ciò che stava accadendo – abbastanza insolito per le loro abitudini – si stava avvicinando alla nostra auto, per scrutarla in lungo e in largo”.

“Idea. Per un po’ di scellini li convinciamo a darci una mano. L’unica è che i ragazzi venuti ad aiutarci si mettano nell’acqua per delimitare con la loro presenza la strada, come paletti. Tra le risate, la paura e il sonno, iniziamo ad avventurarci. Il problema era che il lago, lo scoprimmo dopo, durava circa un chilometro, cosa che mi costrinse a guidare in prima a 8000 giri con l’acqua che mi arrivava allo stomaco, rischiando di spaccare il motore”.

“Ma ancora una volta la fortuna ci aiutò. Proprio perché eravamo i primi, fummo infatti costretti a spegnere il motore, raffreddandolo involontariamente. Se invece fossimo andati dritti con il motore caldo, la differenza di temperatura con l’acqua gelata avrebbe crepato il basamento del motore, e allora ti saluto. Ed è quello che è successo a chi seguì dopo di noi: trovarono infatti gli abitanti del luogo che indicavano loro la via, e col motore bello caldo percorsero quella maledetta strada “subacquea”. E fu un errore fatale”.

Scopri i rally su Amazon