Hyundai i20 N Rally1

Hyundai i20 N Rally1: la coreana un po’ capricciosa

La i20 N è la terza auto del Mondiale WRC con motorizzazione ibrida, che segue il nuovo regolamento Rally1 introdotto a partire dalla stagione 2022. Si basa sulla versione stradale dell’utilitaria i20 N ed è stata sviluppata allo scopo di sostituire la Hyundai i20 Coupe WRC, che ha gareggiato tra il 2017 e il 2021. L’auto è stata presentata in anteprima il 10 gennaio 2021 attraverso un evento on line, per poi debuttare ufficialmente insieme alla Toyota GR Yaris Rally1 e Ford Puma Rally1 il 15 gennaio 2022 a Salisburgo.

La Hyundai i20 N Rally1 è una vettura da competizione derivata dalla terza generazione della Hyundai i20, progettata e costruita appositamente per competere nel campionato del mondo rally dalla Hyundai Motorsport, il reparto sportivo della casa sudcoreana con base in Germania, a partire dal 2022.

La vettura a disposizione del team di Alzenau è un’ibrida che presenta elementi di continuità rispetto all’i20 Plus, come le prese d’aria e il tubo di scarico singoli. Ci sono anche delle novità radicali, soprattutto al posteriore, dove l’aerodinamica è stata rivista e risulta ora un po’ semplificata. Aumenta anche il peso, per via del sistema ibrido allocato proprio al retrotreno: si tratta di un motore elettrico da 100 kW, con pacco batterie e inverter forniti da Compact Dynamics. Ai 134 cavalli di potenza garantiti dal motore elettrico si uniscono i 381 cavalli erogati dal motore 1.6 Turbo, simile a quello già usato lo scorso anno nel Mondiale Rally.

Novità anche per lo schema di colori che caratterizza da oggi le vetture del team di Alzenau: seppur l’azzurro pastello rimane come colore base, la nuova livrea presenta una sorta di mix di colori che richiama quelle che abbiamo già visto in passato, con tanto blu e rosso. La chicca più evidente è forse lo schema elettrico stilizzato sulle fiancate e sui passaruota, un po’ a voler riprendere il concetto di tecnologia e ricordare che questa i20 N Rally1 abbraccia la tecnologia ibrida.

“Il Mondiale Rally vedrà correre le vetture più avanzate sotto il profilo tecnico e guidate dai migliori equipaggi: il 2022 porterà il WRC a un altro livello”, ha dichiarato Scott Noh, presidente di Hyundai Motorsport. “Per un marchio come Hyundai, è importante essere associati alla tecnologia all’avanguardia e siamo felici che il Mondiale Rally abbia abbracciato l’ibrido, avvicinando ulteriormente il motorsport alle attività automotive”.

La i20 N è la terza auto del Mondiale WRC con motorizzazione ibrida, che segue il nuovo regolamento Rally1 introdotto a partire dalla stagione 2022. Si basa sulla versione stradale dell’utilitaria i20 N ed è stata sviluppata allo scopo di sostituire la Hyundai i20 Coupe WRC, che ha gareggiato tra il 2017 e il 2021. L’auto è stata presentata in anteprima il 10 gennaio 2021 attraverso un evento on line, per poi debuttare ufficialmente insieme alla Toyota GR Yaris Rally1 e Ford Puma Rally1 il 15 gennaio 2022 a Salisburgo. Alla guida della vettura sono stati confermati Ott Tänak, Thierry Neuville, Dani Sordo e Oliver Solberg.

La vettura riprende alcuni elementi dalla i20 Coupe WRC, tra cui il motore endotermico che è il T-GDI da 1,6 litri a quattro cilindri con distribuzione a doppio albero a camme in testa a 16 valvole e iniezione diretta, che eroga una potenza di 280 kW (381 CV). A quest’ultimo viene abbinato un motore elettrico da 100 kW che può ruotare ad un regime massimo di 12.000 giri/min. Insieme, i due motori raggiungono una potenza combinata di 378 kW (514 CV).

La batteria da 3,9 kWh del sistema ibrido si ricarica attraverso una presa esterna come le ibride plug-in oppure quando il veicolo frena o rallenta per inerzia, consentendo un’autonomia in modalità puramente elettrica di circa 20 chilometri. Il sistema di recupero dell’energia è prodotto dalla Compact Dynamics ed è standard per tutte le vetture. La trasmissione è costituita da un sistema con frizione automatica (AKS) e cambio semiautomatico sequenziale a 5 marce a innesti frontali.

La Hyundai i20 N stradale è basata sulla i20 N di terza generazione, al quale però la divisione Hyundai Motorsport e Hyundai N dell’azienda ha apportato pesanti modifiche. Questa versione è anch’essa alimentata da un motore a quattro cilindri in linea turbocompresso da 1,6 litri, ma viene abbinato a un cambio manuale a 6 marce ed eroga 204 CV (150 kW) e 275 Nm, accelerando da 0 a 100 km/h in 6,2 secondi con una velocità massima di 230 km/h. Nella versione stradale la trazione è solo anteriore anziché integrale.

Le modifiche apportate alla vettura rispetto alle altre versioni della i20 si concentrano anche sul telaio che è stato rinforzato in 12 punti diversi e con una nuova geometria delle sospensione, camber aumentato, nuova barra antirollio, nuove molle e nuovi ammortizzatori.

Pianeta Rally: libri, riviste moda, giochi, modellismo