La Ferrari 308 GTB in azione sull'asfalto

Ferrari 308 GTB Gruppo 4: la prima della famiglia

La prima della serie di Ferrari preparate da Michelotto fu la versione da rally Gruppo 4 della 308 GTB. Non fu creata per volere della Casa, ma fu invece commissionata da diversi team e piloti italiani e francesi. Tra i clienti iniziali c’era l’importatore francese Charles Pozzi, che aveva bisogno di sostituire la sua vecchia Daytona Competizione e avrebbe ordinato non meno di quattro 308 GTB Gruppo 4 da Michelotto.

Fondata nel 1969, la Michelotto è cresciuta da “semplice” concessionaria Ferrari di Padova a partner di lunga data della Casa di Maranello, cui è stato affidato lo sviluppo e la costruzione delle Ferrari GT e delle vetture da corsa sportive per quasi quattro decenni. In tal modo, l’azienda specializzata riempì di fatto il vuoto lasciato dal ritiro della Ferrari dalle corse automobilistiche per concentrarsi completamente sulla Formula 1 alla fine della stagione 1973. Della Ferrari 308 GTB Gruppo B ne abbiamo parlato in un apposito articolo.

Ma la prima della serie di Ferrari preparate da Michelotto fu la versione da rally Gruppo 4 della 308 GTB. Non fu creata per volere della Casa, ma fu invece commissionata da diversi team e piloti italiani e francesi. Tra i clienti iniziali c’era l’importatore francese Charles Pozzi, che aveva bisogno di sostituire la sua vecchia Daytona Competizione e avrebbe ordinato non meno di quattro 308 GTB Gruppo 4 da Michelotto.

Come base per la nuova vettura da rally serviva la versione originale con carrozzeria in fibra di vetro della 308 GTB, che a quel tempo era già stata sostituita da una versione più pesante con carrozzeria in acciaio. Questo spiega anche perché la maggior parte delle 308 GTB Gruppo 4 hanno numeri di telaio molto bassi. Il telaio tubolare d’acciaio non è stato toccato, praticamente inalterato, ma la maggior parte dei pannelli della carrozzeria sono stati sostituiti con parti identiche in materiali compositi come il Kevlar. I passaruota più larghi erano le uniche modifiche chiaramente visibili sulle linee disegnate da Pininfarina.

Michelotto ha anche modificato considerevolmente il V8 interamente in lega della 308 GTB. Era dotato di teste più leggere e pistoni ad alta compressione. Ciò ha fatto schizzare la potenza a oltre 300 CV dai 255 CV disponibili sull’auto stradale. Il motore era dotato, inoltre, di un sistema a carter secco rivisto e di un serbatoio dell’olio allargato. Ottimizzato per accelerazioni brucianti, il Gruppo 4 era dotato anche di un cambio ravvicinato e di un differenziale ZF a slittamento limitato che poteva essere regolato a seconda del tipo di prova speciale del rally.

Pianeta Rally: libri, riviste moda, giochi, modellismo