Elfyn ho perso il quaderno delle note, però ho il backup

Elfyn Evans, Portogallo 2024

Mentre la Toyota GR Yaris Rally1 ripartiva sgommando alla volta di curve, tornanti e rettilinei in salita e in discesa, Scott Martin leggeva le note dallo schermo del suo telefono, guidando Elfyn Evans attraverso le difficoltà del tracciato del Rally del Portogallo.

Il sole splende alto nel cielo azzurro del Portogallo, mentre i motori tirano a tutta e le macchine sfrecciano attraverso le sinuose PS di terra battuta. Quello del 2024 è stato un evento carico di adrenalina e emozioni, come da tradizione, della gara. Ma questo rally si è distinto per una serie di avvenimenti unici che lo hanno reso indimenticabile. Tra i protagonisti c’è Sébastien Ogier, il leggendario pilota che aveva già scritto pagine di storia nel mondo dei rally e di questo rally. Con abilità e determinazione, Ogier si è messo alla prova contro tutti, deciso a conquistare il podio una volta di più.

Tuttavia, nulla è stato facile, perché le nuove tecnologie ibride delle Rally1 continuavano a dimostrare la propria complessità e delicatezza chilometro dopo chilometro, e i problemi tecnici non sono stati rari. Ma per fortuna ci sono i team, sempre pronti a sfidare gli ostacoli, determinati a portare le loro macchine oltre i limiti.

In questo contesto, l’equipaggio composto da Elfyn Evans e Scott Martin ha dovuto affrontare una sfida insolita. Durante una delle PS, Scott Martin si accorge improvvisamente ma ormai in ritardo di aver dimenticato il suo quaderno delle note, indispensabile per proseguire con ambizione e orientarsi sul percorso. Panico e disorientamento avrebbero potuto essere la conseguenza di un errore così grave, ma Scott, con sangue freddo e determinazione, si è aggrappato ad una soluzione tecnologica. Infatti, aveva fatto un backup delle note sul suo telefono cellulare.

Così, mentre la Toyota GR Yaris Rally1 ripartiva sgommando alla volta di curve, tornanti e rettilinei in salita e in discesa, Scott Martin leggeva le note dallo schermo del suo telefono, guidando Elfyn Evans attraverso le difficoltà del tracciato del Rally del Portogallo. Un momento di pura improvvisazione e professionalità che ha confermato la vera forza di un equipaggio unito.

La storia di questo episodio insolito si è diffusa rapidamente, tanto che persino Akyo Toyoda, il presidente della Toyota, è rimasto colpito dalla brillantezza della soluzione di Martin. Con un sorriso e un gesto di compassione, Toyoda ha inviato un messaggio di sostegno all’equipaggio. “Stiamo attenti a non dimenticare le cose! Ma il backup che hai fatto è stato fantastico”, ha scritto Toyoda a Martin.

E nonostante l’errore, la coppia Evans-Martin ha ricevuto ovviamente il perdono e il supporto non solo dalla Toyota, ma da tutto il mondo del rally. Perché in quel momento, ciò che contava davvero era la capacità di superare gli ostacoli e perseverare fino alla fine. Il Rally del Portogallo 2024 rimarrà nella storia non solo per le vittorie e le sfide, non solo per il record di Séb Ogier, ma anche per questo episodio straordinario che di resilienza e ingegnosità.