Citroen C4 WRC

Citroën C4 WRC: una scommessa vinta in anticipo

Arrivata nel 2007 e sostituita nel 2010 dalla Citroën DS3, la C4 WRC ha vinto tutto e ha vinto sempre. In quattro anni, grazie a Sebastien Loeb, ha portato a casa 36 vittorie, 4 titoli Piloti e 3 titoli Costruttori. Nessun’altra auto da rally può vantare una carriera tanto fulgida. Eppure, la storia che l’ha portata nella serie iridata è stata piuttosto particolare. La versione stradale Citroën C4 a tre porte, infatti, è stata presentata nel 2004. PSA in quel periodo stava ragionando su come organizzare i programmi sportivi del gruppo e decise di prendere una pausa dal WRC.

La storia della Citroën C4 WRC, una regina indiscussa dei rally, parte dal 2004, dalla presentazione del concept. Dopo il debutto al Salone di Ginevra del 2004, il prototipo della Citroën C4 WRC fece il suo debutto al Salone di Parigi pochi mesi dopo. Servirà come sostituta della plurivincitrice Xsara WRC, ma il debutto nelle competizioni non è previsto fino alla fine del 2005. Questo tempo extra offre la rara possibilità ai progettisti di sviluppare la nuova vettura e tenerla al passo fin dall’inizio. Tecnicamente le due vetture sono molto simili, con lo stesso motore XU7JP4. Rispetto alla Xsara, la C4 WRC è un po’ più lunga e più larga e ha anche un passo più lungo. Il suo debutto è previsto per gli ultimi rally della stagione 2005 e sostituirà completamente la Xsara all’inizio della stagione 2006.

La concept car C4 Citroën Sport da subito comunica di essere il simbolo del rinnovamento del Marchio. È il risultato della collaborazione tra gli ingegneri dei dipartimenti stile e sport. In primo luogo, il progetto ha completamente ignorato i requisiti normativi. Un vero esercizio di stile, ha raccolto la sfida di sviluppare una nuova vettura dalla visione futuristica. Un’auto per sostituire la Xsara WRC, vincitrice di tre Mondiali Costruttori consecutivi tra il 2003 e il 2005. E con questi presupposti, nelle mani esperte degli ingegneri di Citroën Sport a Versailles Satory, la concept car C4 Citroën Sport è diventata la C4 WRC.

Sebbene lo stile generale sia stato mantenuto, l’auto ha dovuto essere adattata alle normative internazionali FIA e ai requisiti prestazionali minimi. È qui che è intervenuto l’ufficio design di Citroën Sport. Il gruppo di lavoro del progetto ha ideato un primo modello della Citroën C4 WRC, che era già molto lontano dal concept originale. Il tetto, ad esempio, non era più in vetro, poiché questo è vietato nei rally. I parafanghi anteriori e posteriori, i paraurti e lo spoiler sono stati modificati per soddisfare normative e criteri prestazionali. Per risparmiare tempo e denaro, un certo numero di parti del corpo è stato studiato nelle gallerie del vento su una scala di 1:4 prima della convalida delle parti a grandezza naturale al termine del progetto.

Valutazione della galleria del vento Citroën C4 WRC a grandezza reale presso gli impianti S2A (Montigny-le-Bretonneux, 2006) – foto di S2A
Valutazione della galleria del vento Citroën C4 WRC a grandezza reale presso gli impianti S2A (Montigny-le-Bretonneux, 2006) – foto di S2A

Un grande potenziale sin da subito

Obiettivo del programma di sviluppo era quello di convalidare le parti e i sottosistemi del gruppo propulsore sviluppati dall’ufficio di progettazione. L’affidabilità era il primo fattore e le prestazioni il secondo. Per ottenere il risultato desiderato sono state necessarie diverse sessioni di test sia su asfalto sia su ghiaia. Il team tecnico di Citroën Sport ha poi confrontato le prestazioni della C4 WRC con quelle della Xsara, che è rimasta lo standard, il riferimento assoluto. Nonostante fosse ancora in fase di sviluppo, la Citroën C4 WRC ha mostrato un grande potenziale sin dall’inizio.

I meccanici, gli ingegneri, gli equipaggi e i dirigenti di Citroën Sport erano impazienti di vedere come si comportava la C4 WRC in un vero rally. Progettata per essere facile da guidare e affidabile come la Xsara WRC, la C4 WRC mirava a stabilire standard ancora più elevati di efficienza e prestazioni. Un’auto costruita e sviluppata per consentire a Citroën di puntare ancora una volta ai titoli Piloti e Costruttori a partire già dal 2007.

Come la Xsara, la Citroën C4 WRC è dotata di quattro ruote motrici e un motore turbo da 2 litri abbinato a un telaio a croce. Cambio a 6 marce. Con 4,20 metri, la C4 WRC è più lunga della Xsara e, in linea con il regolamento, ha quindi una larghezza maggiore di 1.800 mm, rispetto ai 1.700 mm della Xsara. Questa modifica serve a fornire una migliore stabilità in curva.

Come previsto anche dalle normative dell’epoca, l’uso degli ausili elettronici alla guida è stato limitato, come per la Xsara nella configurazione 2006. Facendo ancora riferimento ai tagli regolamentari, i motori, i cambi, i differenziali anteriori, centrali e posteriori e gli ammortizzatori della C4 WRC devono durare più a lungo ed essere più affidabili. E così sarà sin dal primo giorno. Sin dal primo rally con Sébastien Loeb e Daniel Elena. In controsterzo verso nuovi titoli. Verso nuovi record.

Loeb-Elena: coppia finita per colpa di Prodrive
Loeb-Elena

Un palmares da paura per la C4 WRC

Arrivata nel 2007 e sostituita nel 2010 dalla Citroën DS3, ha vinto tutto e ha vinto sempre. In quattro anni, grazie a Sebastien Loeb, ha portato a casa 36 vittorie, 4 titoli Piloti e 3 titoli Costruttori. Nessun’altra auto da rally può vantare una carriera tanto fulgida. Eppure, la storia che l’ha portata nella serie iridata è stata piuttosto particolare. La versione stradale Citroën C4 a tre porte, infatti, è stata presentata nel 2004. PSA in quel periodo stava ragionando su come organizzare i programmi sportivi del gruppo e decise di prendere una pausa dal WRC (come detto, nel 2006 le Xsara WRC erano gestite privatamente da Kronos).

L’esordio al Monte Carlo, prima gara della stagione 2007, è sorprendente. Il già tre volte campione del mondo Sebastien Loeb, sempre in coppia con il fido Daniel Elena, sale subito sul gradino più alto del podio. Dietro al talento alsaziano chiude la seconda C4 WRC ufficiale, affidata al nuovo arrivato Dani Sordo. La stagione si chiude con otto vittorie di Loeb su 16 gare e, come detto, con i due titoli mondiali. Sarà così fino al 2010, anno in cui la FIA apporta un sostanzioso cambio di regolamenti che porta a una nuova generazione di WRC.

Ma negli anni in cui corre, la C4 WRC è così competitiva che tutti la vogliono. Tanti team privati chiedono a Citroën Racing la fornitura della vettura per la loro attività sportiva nel Mondiale. Tra i più illustri, il campione del mondo rally 2003 Petter Solberg, che lasciò la Subaru per una C4 WRC gestita dal suo team personale, o Kimi Raikkonen, che dopo aver vinto il Mondiale F1 sceglie una C4 WRC per tentare la fortuna nella massima serie rallystica.

Pianeta Rally: libri, riviste moda, giochi, modellismo