Cesare Fiorio è uno dei manager più importanti del motorsport mondiale

Cesare Fiorio, il torinese che trasformò i rally in professione

Nel motorsport, piloti e vetture vincenti nei maggiori campionati ottengono sempre il massimo dell’attenzione. Dietro tutte quelle storie da prima pagina ci sono sempre uomini o donne che meritano attenzione, ammirazione e rispetto. Tra questi non può non esserci Cesare Fiorio.

Quella di Cesare Fiorio è una storia da leggere tutta d’un fiato, ma poi da ripassare e imparare. Nel mondo degli sport motoristici, i piloti e le vetture vincenti nei maggiori campionati ottengono sempre il massimo dell’attenzione. Ma dietro tutte quelle storie da prima pagina ci sono sempre uomini o donne che meritano attenzione, ammirazione e rispetto.

Il fatto è che senza di loro questi successi non sarebbero possibili. Uno di questi uomini è senza dubbio Cesare Fiorio, uno dei team manager di maggior successo nella storia dei rally, ma anche famoso e vincente in Formula 1. Fiorio ha fatto miracoli con il team rally Lancia e ha trasformato il marchio italiano nel nome ancora oggi più iconico di una storia di successo.

Laureato in scienze politiche, è stato per venticinque anni uno dei personaggi decisivi nel rendere i rally una specialità professionistica. Sotto la guida di Cesare Fiorio, la Lancia Stratos HF e la Lancia Delta HF Integrale sono diventate le vetture più leggendarie dei rally e del motorsport più in generale, che hanno incassato di prepotenza nove titoli Costruttori e cinque titoli Piloti nel WRC.

Vetture guidate da uomini altrettanto leggendari come Sandro Munari, Juha Kankkunen e Miki Biasion. In mezzo alle appena citate auto da rally, ci sono i fantastici modelli del Gruppo B, Lancia Rally 037 e Lancia Delta S4. Mitici. Il modello 037 ha persino vinto l’undicesima edizione del titolo Costruttori.

In totale, tra il 1974 e il 1992, Lancia ha vinto dieci titoli di Costruttori e i piloti di Lancia hanno conquistato cinque titoli mondiali, senza contare il titolo del Campionato Internazionale Costruttori del 1972 vinto con la Lancia Fulvia Coupé HF. Impressionante, non è vero?

Come è facile immaginare, la storia di Cesare Fiorio e di Lancia iniziò molto prima del primo titolo mondiale della Casa torinese. La storia inizia con la nascita di Cesare, il 26 maggio 1939, a Torino. La vita e la carriera del futuro team manager Lancia sono state condizionate, anzi determinate, molto dal padre Sandro, che ha lavorato come capo dell’ufficio pubbliche relazioni Lancia.

Cesare ha avuto una breve carriera agonistica, ma di notevole successo nel Campionato Italiano Gran Turismo del 1961. Guidava la Lancia Appia Zagato e riuscì persino a vincere la classe 1150. Guidò anche la Lancia Flaminia Zagato in poche altre gare, tra cui la Targa Florio del 1962.

Nel suo palmares, c’è anche un tentativo al Rally MonteCarlo, in cui si è però ritirato. Nel 1963, dopo il servizio militare obbligatorio nella marina italiana, Cesare fonda la HF Squadra Corse: una squadra di corse e rally che si poggiava inizialmente sul Lancia Club, con un supporto dalla Casa.

In preparazione c’era una versione da corsa della Lancia Flavia. Sembrava una impresa impossibile, una battaglia persa, ma dopo i primi successi nei rally nazionali, fruttò a Fiorio un maggiore aiuto da parte di Lancia e la semi-ufficialità del team nei rally internazionali.

Nel 1966, i piloti della squadra iniziarono a competere con le Lancia Fulvia. Seguirono risultati più importanti sulla scena mondiale, come la vittoria di Sandro Munari al Tour de Corse del 1967 o la vittoria di Ove Andersson al Rally di Spagna del 1967.

Cesare Fiorio capo di Lancia Alitalia nel 1975
Cesare Fiorio capo di Lancia Alitalia nel 1975

Fiorio, l’epoca Stratos e l’arrivo della Fiat 131 Abarth Rally

Cesare ha guidato la HF Squadra Corse, alla conquista del titolo del Campionato Europeo di Rally del 1969 con Harry Kallstrom. Ma procediamo con ordine. Nel 1969, la HF Squadra Corse fu trasferita nella fabbrica della Lancia per diventare il dipartimento ufficiale degli sport motoristici del costruttore italiano.

Il pilota svedese Harry Kallstrom ha conquistato il titolo del Campionato Europeo Rally 1969, con tre vittorie e altri tre podi. Le vetture vittoriose erano due: una Lancia Fulvia Coupe HF con motore da 1,3 litri e un’altra con motore da 1,6 litri. Il Gruppo Fiat divenne proprietario di Lancia nel 1969, ma ciò non influì sulla gestione del programma rally della Lancia da parte di Fiorio.

Sandro Munari era il principale pilota di HF Squadra Corse. Dopo aver conquistato il secondo posto nel Campionato Europeo Rally del 1971, il successo non tardò: a gennaio 1972, Munari vinse il Rally MonteCarlo con Fulvia 1.6 Coupe HF. Gli altri piloti erano Simo Lampinen, Harry Kallstrom e Amilcare Ballestrieri. Con altre due vittorie in Marocco e Sanremo vinsero il Campionato Internazionale Costruttori 1972. Era l’ultima stagione della ICM, un anno dopo, nel 1973, fu inaugurato il World Rally Championship.

Nuovo campionato, nuova vettura: Lancia Stratos HF con il motore Ferrari è stata l’auto da rally per eccellenza. Lancia ha vinto il titolo ICM davanti a Fiat, quindi Cesare Fiorio ha avuto una buona argomentazione per chiedere ai capi del Gruppo Fiat di permettergli di realizzare qualcosa di insolito.

La nuova auto da rally si chiama Stratos HF. La cosa determinante, non solo per Lancia ma per il futuro dei rally, era il nuovo motore: aveva un motore V6 della Ferrari Dino 246GT. In un’intervista, Fiorio ha dichiarato: ‘Sono riuscito a convincere Enzo Ferrari a darmi il suo motore. È stata la prima grande vittoria della mia vita. Non è stato affatto facile convincerlo a dare un motore a nessuno, figuriamoci per un’auto da rally’.

La Lancia Stratos HF debuttò nella seconda parte della stagione 1972, ma i primi risultati degni di nota divennero nel 1973. Combinando sia la vecchia Fulvia che la nuova Stratos, Sandro Munari vinse il titolo del Campionato Europeo Rally 1973 per la Lancia Marlboro.

Nella stagione del WRC 1974, che comprendeva otto rally, la Stratos HF è stata l’auto vittoriosa in tre eventi. Munari è stato il vincitore del Rallye Sanremo e del Canadian Rally Rideau Lakes mentre Jean-Claude Andruet ha vinto il Tour de Corse. Alla fine, Lancia ha centrato il suo primo titolo.

Nei due anni successivi, Lancia ha conquistato altri due titoli WRC. Nonostante le difficoltà nell’affidabilità, la Stratos HF ha continuato a dominare e vincere quattro rally nel 1975 e quattro rally nel 1976. I piloti erano Sandro Munari, Bjorn Waldegard e Bernard Darniche.

Il clou del dominio della Lancia è stata la famosissima “vittoria 1-2-3” del 1976 al Rally MonteCarlo. A causa della politica interna all’interno del Gruppo Fiat, dal 1977 l’attenzione si rivolse sulle auto Fiat, in particolare sulla 131 Abarth Rally, che conquistò il titolo mondiale.

Nell’occasione, Lancia concluse al quinto posto, con una sola vittoria nel WRC per Sandro Munari all’apertura stagionale del Rally MonteCarlo. Nel 1978, si registrò una sola vettura, di Markku Alen, al Rally Sanremo.

Con la Delta S4: il WRC dà a Cesare ciò che è di Cesare

Nel 1979, Cesare Fiorio lasciò i rally e passò alle gare di velocità in circuito, per guidare la Lancia nel Campionato Mondiale Sportscars. Prima, però, dovette sviluppare una macchina adeguata. Gli ordini dall’alto erano chiari: usare un’auto della gamma Beta. Dopo poco arrivò la Beta Montecarlo con motore turbo da 1,4 litri.

Fiorio e il suo team di ingegneri e designer crearono un’auto del Gruppo 5 vittoriosa già alla stagione d’esordio. Cesare, a questo punto, decide di utilizzare una combinazione di piloti esperti di circuiti e rally, quindi ingaggia Riccardo Patrese, Walter Röhrl e Markku Alen.

Nella stagione WSC del 1979, Lancia Beta Montecarlo ha vinto il titolo Costruttori nella divisione Under 2 litri. Nella stagione 1980, Lancia schierò di nuovo un gruppo di famosi piloti di F1 e di rally nella sua campagna WSC, così Rohrl, Alen e Patrese furono affiancati da Eddie Cheever, Michele Alboreto e Piercarlo Ghinzani.

La vittoria di classe si ripeté nel 1980, ma in quell’occasione a Lancia fu assegnato anche il titolo assoluto dopo aver terminato il campionato con lo stesso numero di punti di Porsche. La situazione simile si ripeté nel 1981 e Lancia vinse ancora il titolo Endurance.

Nel 1982, Lancia Martini introdusse il prototipo LC1 e continuò a vincere. Nel frattempo, Cesare Fiorio tornò a concentrarsi di nuovo sui rally. Proprio mentre l’Audi Quattro voleva diventare la prima auto da rally 4WD. Anche Fiorio voleva una 4WD per competere contro l’Audi del 1982, vincitrice del campionato, e ordinò di iniziare i lavori sulla valutazione di un telaio Delta con 4 ruote motrici e con motore 131 Abarth Rally.

Era chiaro che non c’era molto tempo per terminare il progetto della Gruppo B a trazione integrale, quindi la nuova soluzione fu la Lancia Rally 037, una macchina sovralimentata, a motore centrale, basata sulla monoscocca Beta Montecarlo.

La nuova vettura vinse il Campionato del Mondo Rally Costruttori del 1983 contro l’Audi Quattro, in un finale delirante in cui i due Marchi erano separati da appena due punti di vantaggio. Sia Audi sia Lancia hanno vinto cinque eventi. I piloti principali della Lancia erano Walter Röhrl e Markku Alen, ma in tre gare c’era anche Attilio Bettega.

Nel 1984, la Lancia a trazione posteriore non era abbastanza competitiva e Audi dominò il campionato, vincendo sia il titolo Costruttori sia quello Piloti. Cesare Fiorio la prese come una sconfitta personale. La sua risposta fu la creazione della Delta S4 Gruppo B. Con la ‘Belva’ da oltre 500 cavalli, Henri Toivonen vinse l’ultimo rally del 1985, Rac Rally, e Lancia vinse quattro eventi nel 1986, ma entrambi i titoli andarono a Peugeot.

Cesario Fiorio, la Delta HF Integrale e la F1 fino a Senna

Sfortunatamente, gli anni del Gruppo B furono segnati da incidenti mortali sia nel 1985 sia nel 1986, entrambi con vetture Lancia. Nel maggio del 1985, Attilio Bettega morì nella Lancia Rally 037 al Tour de Corse. Un anno dopo, Henri Toivonen e il copilota Sergio Cresto persero la vita sempre al Tour de Corse ma nella Lancia Delta S4.

I tre morti segnarono non solo il futuro di Lancia, ma dei rally in generale. Il Gruppo B fu bandito e Lancia perse entrambe le loro macchine. Ma Cesare Fiorio ha gestito la straordinaria ripresa. Ha tirato fuori dal cassetto il progetto della vettura 4WD Lancia Delta e ha motivato i suoi ingegneri a finire la nuova vettura secondo le regole del Gruppo A in sei mesi.

La macchina era pronta per l’inizio della stagione 1987. La prima vittoria è arrivata al primo evento, al Rally MonteCarlo. Miki Biasion vinse l’evento, il suo compagno di squadra Juha Kankkunen arrivò secondo. Lancia vinse il titolo Costruttori, Kankkunen quello Piloti.

Poi arrivò la storica serie di sei titoli consecutivi. Il team Lancia Martini, sotto la guida di Cesare Fiorio, era la forza dominante nella scena del rally. Il team ha vinto tutti i titoli Costruttori dal 1987 al 1992, anche senza Fiorio nella poltrona del manager, perché nominato per alcune altre mansioni all’interno del Gruppo Fiat.

Nel 1988, Fiorio diventa responsabile del reparto corse Alfa Romeo, ma il cambiamento maggiore segue nel 1989, quando Fiorio è chiamato a far parte del team di Formula 1 della Ferrari. Ricopre la carica di amministratore delegato della Scuderia Ferrari e il suo compito è quello di far rivivere la squadra dopo alcune stagioni deludenti a metà degli anni Ottanta. La squadra passò al motore V12 per la prima volta dal 1980 e Nigel Mansell sostituì Michele Alboreto.

Questa combinazione di nuova auto e nuovo pilota si rivela vittoriosa al Gran Premio del Brasile, che inaugura la stagione, dove Nigel Mansell segna la sua prima vittoria dell’anno. Il secondo successo arriva al Gran Premio d’Ungheria. Il compagno di squadra di Mansell, Gerhard Berger, aggiunge un’altra vittoria al Gran Premio del Portogallo.

Nel campionato dominato dalla McLaren-Honda, la Scuderia Ferrari conquista il terzo posto. Nel 1990, Fiorio ingaggia Alain Prost come compagno di squadra di Mansell e guida la squadra al secondo posto, con sei vittorie in 16 gare. Alain Prost perde il titolo contro Ayrton Senna dopo il leggendario incidente alla penultima gara della stagione in Giappone.

Nel 1991, Fiorio guida la squadra in quattro gare e lascia la Scuderia Ferrari dopo il Gran Premio di Monaco a maggio, dopo un conflitto con un membro del management. Nelle due stagioni e mezzo della sua gestione, ha svolto il suo compito e la Ferrari ha migliorato le sue prestazioni, vincendo nove gare e prendendo 27 podi, avvicinando persino Ayrton Senna alla Ferrari.

Dalla Motonautica alla residenza a Ceglie Messapica

Fiorio non ebbe alcuna altra squadra in cui approdare, poiché il Reparto Corse Lancia era pronto per la chiusura nel 1992. Quindi spostò la sua attenzione verso le barche da diporto. Era l’altro amore sportivo in cui aveva avuto molto successo negli anni Settanta e Ottanta, vincendo titoli europei e mondiali.

Aveva una nuova sfida: vincere il Blue Riband per la traversata transatlantica più veloce. Fu sfidato da Gianni Agnelli della Fiat e ci riuscì con una barca chiamata Destriero. Nell’agosto del 1992, ha viaggiato per due giorni, 10 ore e 34 minuti per raggiungere la costa britannica da New York. Il record è ancora valido.

Nel luglio 1994, Cesare tornò in Formula 1. Gli fu offerto di diventare il team manager della Ligier, che Flavio Briatore aveva appena acquistato. Non è rimasto a lungo con la squadra perché Tom Walkinshaw rilevò la squadra nel 1995 e Fiorio fu liberato dal suo incarico.

Nel 1996, Cesare viene coinvolto nel team Forti, ma poi tornò a Ligier, che era sotto il nuovo proprietario Alain Prost, ribattezzato Prost F1 team per il 1997. Fiorio rimase con la squadra di Prost fino alla fine della stagione 1998. Poi si unì alla Minardi come direttore sportivo e rimase con la squadra per un anno e mezzo. Si è dimesso a metà del 2000, dopo un disaccordo con il proprietario del team, Gabriele Rumi.

Cesare Fiorio è un cavaliere italiano. Fu l’ultimo lavoro di Fiorio nella gestione sportiva, in cui raggiunse la vetta del mondo. Per i suoi risultati, fu nominato Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana, l’equivalente del cavalierato. Negli ultimi anni, mette la sua esperienza sulla disposizione della stazione televisiva italiana Rai come consulente e commentatore televisivo.

Dopo Sandro e Cesare, anche la successiva generazione di Fiorio fu coinvolta con Lancia. Il figlio di Cesare, Alessandro Florio, ha gareggiato nel WRC, soprattutto con Lancia. Fu vice campione del mondo nel 1989, guidando la Lancia Delta Integrale per Jolly Club, che era in realtà il B-Team di Lancia.

Per un breve periodo si dà alla politica. Ma lui è uno sportivo vero. E continua ad esserlo anche dopo che si stabilisce in Puglia, a Ceglie Messapica, dove gestisce una struttura ricettiva nel territorio, e dove ha avuto un brutto incidente in bicicletta, rischiando la vita e finendo in coma per diversi giorni. Per fortuna, al risveglio, Cesare Fiorio è tornato meglio di prima.

“Ho vissuto quasi tutta la mia vita senza conoscere la Puglia – dice Fiorio –. Quando casualmente ho avuto occasione di visitarla e subito ho capito che questo era il posto dove avrei voluto trasferire la mia esistenza. E così ho fatto, dopo aver liquidato ogni mio altro interesse ho trasferito qui, oltre alla mia residenza, anche il desiderio di far conoscere ad altre persone questa meravigliosa terra, dove tutto sa ancora di genuino ed autentico“.

Tratto da 100 anni di Storie di Rally 1 – Marco Cariati