Rally MonteCarlo 1979, Bjorn Waldegaard è secondo assoluto

Bjorn Waldegaard, il primo campione del mondo WRC

Pilota per passione, compassato e freddo per educazione, l’indimenticato rallysta svedese Bjorn Waldegaard, iniziò la sua carriera di professionista nella seconda metà del 1960, quando riuscì a vincere ben due volte a MonteCarlo con la Porsche 911.

Bjorn Waldegaard era un pilota svedese attivo negli albori del World Rally Championship negli anni Settanta. Ha vinto l’inaugurale Mondiale Rally per i piloti nel 1979 e quattro rally internazionali prima della costituzione del WRC. Durante la sua carriera WRC, che durò fino al 1992, Waldegaard partecipò a 95 eventi WRC e segnò 16 vittorie e 35 podi.

Pilota per passione, compassato e freddo per educazione, l’indimenticato rallysta svedese Bjorn Waldegaard, iniziò la sua carriera di professionista nella seconda metà del 1960, quando riuscì a vincere ben due volte a MonteCarlo con la Porsche 911.

Bjorn Waldegaard è nato il 12 novembre 1943 a Rimbo, vicino Solna, in Svezia. Ufficialmente ha iniziato a radunarsi nel 1962 e, all’inizio, ha gareggiato per lo più in eventi nazionali. In realtà, Bjorn aveva sette anni quando informò la sua famiglia che, una volta cresciuto, sarebbe diventato un pilota professionista.

“Il primo rally in cui ho gareggiato risale al 1948, quando avevo cinque anni e mi ritrovai come passeggero sull’auto da corsa di mio padre”, ha raccontato. Fa registrare le prime uscite internazionali nel 1965, entrando nel Campionato Europeo Rally con la Volkswagen 1500S. Gareggia in Gran Bretagna e Finlandia, ma il suo miglior risultato è stato il terzo posto al Rally Sweden.

Debuttò nel 1962, ad appena diciotto anni: “Avvenne alla prima occasione utile dopo avere staccato la licenza sportiva. Corsi con mio padre come copilota, a bordo di una Volkswagen Beetle. Alla fine mi disse che, per lui, ero troppo veloce, che per la gara successiva avrei dovuto trovare qualcun altro che corresse con me. Lui, al mio fianco non sarebbe più salito”. E in realtà, trovare un copilota che corresse con lui non fu proprio un problema, visto che la sua carriera durò su un arco di quasi quattro decenni.

Nel 1966 Waldegaard aveva lo stesso programma dell’anno precedente, ma corse anche in Grecia e partecipò all’Acropoli, sempre con la Volkswagen 1600 TL, tranne che al Rac Rally. In Gran Bretagna corse con un’auto insolita: Volkswagen 1600 Variant. I cosiddetti rally nel sangue.

Quelli che, appunto, si tramandano di padre in figlio, di zio in nipote, eccetera, eccetera. Per la verità, da quando inizò a correre, il fortissimo driver svedese, fu sempre una stella di prima grandezza del rallysmo internazionale. E riuscì ad esserlo per oltre trent’anni.

Waldegaard passò a Porsche 911 nel 1967 e vinse il Campionato Svedese Rally per due anni consecutivi. Sulla scena internazionale, il suo miglior risultato fu il secondo posto al Gulf London Rally del 1967. Ha partecipato per la prima volta al Rally MonteCarlo nel 1968, guidando la Porsche 911 T e terminando al decimo posto.

Dopo aver vinto il Campionato Svedese Rally nel 1967 e aver bissato il successo anche nel 1968, Waldegaard continuò a competere al massimo livello dei rally internazionali fino al 1992, quando la rottura di un braccio occorsa in un incidente al Safari Rally lo costrinse al pensionamento. Esatto. Fine carriera, a livello ufficiale e iridato.

Bjorn Waldegaard
Bjorn Waldegaard, il primo campione del mondo rally

Nel 1969 la prima vittoria al Monte, nel 1979 il WRC

La sua prima vittoria internazionale, al volante di una Porsche 911, avvenne nel Rally MonteCarlo del 1969, mentre l’ultima fu con la Toyota Celica al Safari Rally del 1990. Lo svedese detiene il record di vincitore più anziano del Campionato del Mondo Rally, nonché una curiosa unicità, quella di aver vinto rally di importanza iridata in quattro decenni diversi. A metà del 1970 prese parte al neonato Campionato Europeo Rallycross con una Porsche Carrera RSR privata. La stagione 1970 fu di ancor maggiore successo, perché Waldegaard ripeté la vittoria al Rally di MonteCarlo e aggiunse altre due vittorie internazionali al Rally Sweden e Österreichische Alpenfahrt.

Nel 1971, Waldegaard fu vittorioso, ma non a MonteCarlo e Rac Rally, dove centrò comunque il podio alla guida della Porsche. Nel 1972, arrivarono due podi al Rally Sweden con la Porsche 911 S e in Portogallo con la Citroen SM Bandama. Nel 1973, quando fu organizzato il primo Campionato Mondiale Rally, Waldegaard partecipò a nove eventi del WRC con quattro macchine diverse, tra cui la Fiat 124 Abarth Rallye a MonteCarlo, in Portogallo e in Marocco, concludendo solo la gara africana al sesto posto.

La Volkswagen Käfer 1302 S è stata la vettura del Rally Sweden, concluso al sesto posto. All’East African Safari Rally, Waldegaard ha gareggiato con la Porsche 911 Carrera RS (ritiro). La sua ultima auto da rally nel 1973 è stata la BMW 2002: ha corso con quell’auto in quattro eventi e si è piazzato al quarto posto del Österreichische Alpenfahrt. Un’altra stagione con quattro auto diverse seguì nel 1974. Waldegaard guidava Toyota Celica, Toyota Corolla, Porsche 911 e Opel Ascona. Il suo miglior risultato è stato il secondo posto con la Porsche all’Est African Safari Rally.

Il team Lancia Alitalia, dal 1975, affiancò Waldegaard al primo pilota della scuderia, l’italiano Sandro Munari. Waldegaard e Munari lottarono testa a testa nel Rally di Sanremo 1976. Waldegaard aveva un vantaggio di quattro secondi su Munari, ma ad un certo punto quel vantagio scomparve nel nulla. Ciò nonostante, Waldegaard emerse come vincitore, recuperando ancora quattro secondi, dopo aver disobbedito agli ordini squadra e superato Munari.

Dopo questo “incidente” in Lancia, lo svedese passò alla Ford per la fine del 1976. Alla guida della Ford Escort Mk2 , Waldegaard vinse tre rally nel 1977, l’East African Safari Rally, il Rally dell’Acropoli, e il Rac Rally. Fu poi vincitore del Campionato del Mondo Rally inaugurale della stagione nel 1979 per la Ford e la Mercedes-Benz, riuscì a battere Hannu Mikkola grazie al secondo posto finale al Rally della Costa d’Avorio proprio alle spalle del suo rivale. Waldegaard ha vinto il suo primo e unico titolo mondiale in un bellissimo finale di stagione, in una lotta serrata contro Hannu Mikkola. Waldegaard è arrivato secondo, dietro a Mikkola, e ha conquistato il titolo con un solo punto di vantaggio. Nell’ultima gara entrambi guidavano le Mercedes, ma all’inizio della stagione hanno gareggiato con le Ford regalando il primo titolo iridato Costruttori a Ford.

Franz Wurz e Björn Waldegård in una storica immagine
Franz Wurz e Björn Waldegård in una storica immagine

Dalla Mercedes alla Toyota, passando per Ferrari

Nel 1980, Waldegaard e Thorszelius festeggiarono al Rallye Costa d’Avorio con la Mercedes e fu la loro unica vittoria della stagione, che li aiutò a finire terzi assoluti nella classifica finale. All’inizio di quella stagione, Bjorn prese il podio con la Fiat 131 Abarth a MonteCarlo e in Svezia. Al Lombard Rac Rally guidava la Toyota Celica 2000 GT per il Toyota Team GB, ma non finì la gara.

All’evento inaugurale della stagione 1981, Waldegaard ha gareggiato con Ford Escort RS 1800 e si è piazzato ottavo. Poi passò alla Toyota Celica 2000 GT e conquistò un solo podio in sei gare, classificandosi terzo in Portogallo. Nel 1982, Bjorn fu di nuovo pilota Toyota, a parte il round di apertura a MonteCarlo, dove ha gareggiato con Porsche 911 SC. Ha vinto il Rally della Nuova Zelanda con la Toyota Celica 2000 GT e si è classificato sesto in campionato. Con l’Audi Quattro ha partecipato, nel 1982, all’International Welsh Rally, che faceva parte del British Championship. Vinse in modo schiacciante.

Con soli quattro eventi nel WRC 1983, compresa una vittoria al Rally Costa d’Avorio con la Toyota Celica Twincam Turbo, Waldegaard arrivò undicesimo in campionato. L’evento più interessante fu il Rallye Sanremo, perché Bjorn era al volante della Ferrari 308 GTB, ma non finì a causa di problemi al motore. La Toyota Celica Twincam Turbo è stata l’auto di Bjorn nel 1984: cinque eventi WRC, vincendo al Safari Rally. Prova l’Audi Quattro A1 al Castrol Jänner Rallye e si piazza secondo. Waldegaard conclude quella stagione alla guida della Ferrari 308 GTB al Rally di Monza piazzandosi terzo.

L’unica vittoria di Waldegaard nel 1985 fu raggiunta nella prova del Campionato Europeo, la Boucles de Spa in Belgio. Guidava l’Audi Quattro A2. Negli eventi WRC, ha continuato a guidare la Toyota Celica Twincam Turbo, andando a podio al Safari Rally e Rally Costa d’Avorio e terminando ottavo in campionato. Toyota Celica TCT è stata la sua arma preferita nel 1986 e la scelta è stata ottima. Waldegaard ha vinto i suoi due eventi WRC preferiti: Safari Rally e Costa d’Avorio. Ha anche raggiunto il podio all’RSAC Scottish Rally e si è classificato quarto in campionato.

Il copilota di Waldegaard dal 1986 era Fred Gallagher, e rimasero insieme ancora qualche anno fino alla fine della carriera di Bjorn. Nel 1987, Waldegaard non era pronto per la pensione e continuò a correre per il mondo con la Toyota Supra. Durante il 1987, ha partecipato a tre eventi al di fuori dell’Europa: Kenya, Stati Uniti e Costa d’Avorio. Il suo miglior risultato è stato il sesto posto al Toyota Olympus Rally.

Bjorn Waldegaard su Ford Escort al Rally Portugal 1979
Bjorn Waldegaard su Ford Escort al Rally Portugal 1979

Bjorn Waldegaard, il braccio rotto in Kenya e l’addio ai rally

Nel 1988, Bjorn finì settimo con la Toyota Supra Turbo al Safari Rally e poi passò alla Toyota Celica GT-4 ST165, con cui ha vinto all’Oman Rally (Merc) e al Cyprus Rally (Erc). Il suo miglior risultato nel WRC è stato il sesto posto al Lombard Rac Rally. Il programma per il 1989 è stato un po ‘diverso. Negli eventi WRC a MonteCarlo e in Portogallo Waldegaard si è ritirato con la Toyota Celica GT-4, in Kenya, e ha concluso al quarto posto con la Toyota Supra Turbo. Ha segnato la sua unica vittoria al Dubai International Rally con la Celica.

Nei tre anni successivi, Waldegaard gareggiò solo nel Safari Rally. Nel 1990, ha ottenuto una sensazionale vittoria con la Toyota Celica GT-4, la sua quarta vittoria in Kenya e la sedicesima nel WRC. Ha corso in Kenya altre due volte. Finì quarto al Safari Rally del 1992 con la Toyota e si ritirò al Safari Rally del 1993 con la Lancia Delta HF Integrale. Si è schiantato al suo ultimo evento keniota e si è rotto un braccio, quindi è stato costretto non solo a ritirarsi da quell’evento, ma a ritirarsi dalle corse. All’età di 49 anni, ha chiuso la sua brillante carriera.

Nel settembre 2008, Waldegard prese parte al Colin McRae Forest Stages, la gara a cui hanno preso parte gli ex-campioni del mondo in memoria di Colin McRae, morto nel 2007. In questa manifestazione Bjorn ha guidato una Porsche 911. La storia sportiva di Bjorn è culminata con la vittoria di quel Mondiale Piloti. Il primo della storia dei rally iridati. Lui s’aggiudicò quella “prima”, proprio quando i piloti iniziavano ad essere più importanti delle macchine. Fu interessante vedere come quella stagione avesse premiato proprio lui, che aveva guidato vetture di marche diverse e dalle caratteristiche estremamente differenti, come la Ford Escort RS e la Mercedes 450 SLC 5.0.

Nel settembre 2008, Waldegard prese parte al Colin McRae Forest Stages, la gara a cui hanno preso parte gli ex campioni del mondo in memoria di McRae, deceduto nel 2007. In questa manifestazione Bjorn guidò una Porsche 911. E’ morto il 29 agosto 2014, all’età di 71 anni a causa di un cancro. Avrebbe dovuto partecipare al Rallyday of the Wiltshire a settembre, ma aveva già cancellato l’appuntamento per dare spazio alle cure, ormai irrinunciabili vista la gravità della malattia.