Lancia Rally 037 Martini da 1,4 milioni

Alen, Rohrl, Bettega, Zanussi: la Lancia 037 da 1,2 milioni di euro

Il telaio 319 fa parte di un trio di vetture adornate con la leggendaria sponsorizzazione Martini, che debutteranno al Rally Costa Smeralda del 1982. Markku Alén e il copilota Ilkka Kivimäki hanno corso con il numero 1 e hanno vinto tre delle prime cinque tappe. Sfortunatamente, un guasto al selettore delle marce ha segnato la fine della sfida del telaio 319.

Il 5 novembre 2022 è andata in asta presso RM Sothebiy’s la Lancia Rally 037 Evo 1 vincitrice dell’ADAC Rallye Deutschland 1983 con Walter Röhrl. Esattamente quella con telaio numero ZLA151AR000000319. La quotazione oscillava fra 1,1 e 1,4 milioni di euro, la cifra pagata dal nuovo proprietario è stata di 1.198.971 euro. La vettura, che sarà battuta a Londra, fa parte del Lotto 131 della collezione Granturismo. Si tratta realmente di uno dei modelli più importanti del Gruppo B. L’ultima campionessa a trazione posteriore. Una delle prime 037, guidata da Markku Alén al debutto del modello e, appunto, prima assoluta all’ADAC Rallye Deutschland 1983 con Walter Röhrl. Ha indossato, durante la sua carriera, tre delle migliori livree 037 dell’epoca, compresi i colori Martini.

Ho così tante auto da rally preferite, ma quella che spicca sopra tutte è la Lancia 037. Era un’auto così bella ma in un certo senso era come un’auto da corsa fatta su una formula”. Questi sono i pensieri della leggenda del rally Markku Alén sulla 037, e pensare che la prima volta che l’ha incontrata era proprio il telaio 319, al Rally Costa Smeralda del 1982.

Con l’introduzione del Gruppo B, Lancia progettò in “3, 2, 1” un nuovo modello, vagamente basato su un’auto di serie corretta. Utilizzando una monoscocca Beta Montecarlo irrigidita, con telai ausiliari completamente rivisti nella struttura, il progetto Lancia Rally ha ricevuto la designazione interna di Abarth SE037.

Utilizzando il ben sviluppato motore a doppie camme a quattro cilindri di Fiat Abarth, dotato di un compressore Volumex, la 037 aveva ben oltre 300 cavalli, il che la rese una seria contendente. Un design eccellente, il peso di appena 960 chilogrammi abbinato a una bella carrozzeria sviluppata utilizzando le ultime conoscenze aerodinamiche dell’epoca, la 037 era un’auto estremamente veloce.

Il libretto della Lancia Rally 037
Il libretto della Lancia Rally 037

La stagione 1982 fu di apprendistato ripido, complicata dalla presenza della dominante Audi con tecnologia a quattro ruote motrici. L’anno successivo sarebbe stato l’apice per la 037, con cinque vittorie nel WRC e il Campionato del Mondo. Il successo ha richiesto tattiche straordinarie e uno sviluppo brillante, ma è stato un meraviglioso canto del cigno per i rally a trazione posteriore. In totale, la 037 ha vinto 13 campionati internazionali e nazionali di Gruppo B.

Il telaio 319 fa parte di un trio di vetture adornate con la leggendaria sponsorizzazione Martini, che debutteranno al Rally Costa Smeralda del 1982. Markku Alén e il copilota Ilkka Kivimäki hanno corso con il numero 1 e hanno vinto tre delle prime cinque tappe. Sfortunatamente, un guasto al selettore delle marce ha segnato la fine della sfida del telaio 319.

Il successivo evento di questa 037 in livrea Martini è stato tre settimane dopo al Rallye dell’Isola d’Elba, dove Adartico Vudafieri ha ottenuto il primo successo della 037 con una vittoria di classe e tredici vittorie di tappa. Andrea Zanussi ha proseguito la scia fortunata del telaio 319 con un’altra vittoria di classe al Rally 4 Regioni di maggio, questa volta gareggiando con gli iconici colori Totip come voce del Jolly Club.

Nonostante il successo iniziale del telaio 319 nella prima metà del 1982, il resto della stagione portò tre ritiri tra Vudafieri e Zanussi, il più frustrante fu il Rali Vinho da Madeira, che vide Zanussi dominare completamente le prime fasi grazie al debutto della Lancia con le specifiche Evolution 1 con questo 037. Vudafieri salì di nuovo a bordo della 037 con il telaio 319 per il round WRC Rallye Côte d’Ivoire, ma il surriscaldamento del motore lo costrinse al ritiro.

Lancia Rally 037 Martini da 1,4 milioni
Lancia Rally 037 Martini da 1,4 milioni

La firma di Walter Röhrl per il 1983 fu stato un grande colpo per Lancia. Parte del contratto richiedeva di competere in selezionati rally nazionali tedeschi. Il suo primo round con il telaio 319, ora con i colori Würth, fu l’ADAC Saarland Rallye. Röhrl, in coppia con il copilota Christian Geistdörfer, si piazzò secondo assoluto ma sorprendentemente, durante le prove libere, portarono questa 037 per un giro del Nürburgring Nordschleife e ottennero un giro di 8 minuti, un tempo che non riuscì a battere due anni dopo con la sua Quattro.

Il telaio 319 è tornato ai colori Works Martini per il Tour de Corse e per il Rally di Argentina del WRC con Attilio Bettega e Francisco Mayorga, prima di tornare nelle mani di Röhrl per l’ADAC Rallye Deutschland del 1983, dove concluse con oltre 14 minuti di vantaggio sul suo rivale più vicino, vincendo ogni prova speciale. Questa straordinaria vittoria segnò la fine della carriera del telaio 319.

Nel 1986 questa 037 passò nelle mani di Tre Gazzelle e Jean-Michel Blanchi la portò al successo nei rally francesi. Avrebbe continuato a registrare altre due vittorie e una di classe prima che il telaio 319 venisse ritirato alla fine della stagione 1987. Nel marzo 1988, questa 037 è stato esportata in Francia, dove è entrata a far parte dell’importante collezione di Guy Domet. Si ritiene che sia passata nelle mani di altri tre proprietari francesi prima di essere ispezionata e riportato in condizioni ottimali dai fratelli Baldi. Nel 2019 è entrata a far parte di The Gran Turismo Collection e da allora è stata ammirata in esposizione statica.

Poche 037 hanno giocato un ruolo così importante nel successo del modello come il telaio 319. Presente al debutto del modello, dove era guidata da Markku Alén, è stata anche la prima Evo 1 da rally guidata alla vittoria da Walter Röhrl. Inoltre, ha avuto alcune delle livree più iconiche del leggendario periodo Lancia. Oggi è un’auto del Gruppo B meravigliosamente patinata che sembra poter raccontare cento storie del suo illustre passato. Il fortunato nuovo proprietario potrebbe utilizzarla su strada, in alcuni dei più grandi eventi del mondo, o anche semplicemente ammirarla nel proprio garage. Basta avere almeno 1,4 milioni di euro.

Scopri il nostro shop online

logo storie di rally web sito

Libri, poster, riviste, videogiochi, dvd, idee regalo, accessori, modellini di auto, rarità, nuovo e usato sempre al miglior prezzo